L’Auto dell’anno 2011 è la Nissan Leaf: per la prima volta vince un’elettrica


Nissan Leaf exhibited at the 2010 Washington A...

Image via Wikipedia

La Nissan Leaf è l’Auto dell’anno 2011. Non era mai successo nella storia della manifestazione che il premio andasse ad una vettura elettrica. Non è la prima volta che i giurati (53 giornalisti del settore provenienti da 23 paesi europei) decidono di privilegiare l’innovazione: sei anni fa il riconoscimento andò ad un altro modello ecologico giapponese, l’ibrida Toyota Prius.

Il successo della Nissan Leaf è un buon segnale per il futuro dell’auto elettrica. La compatta nipponica (che ha permesso al proprio brand di tornare al successo a diciotto anni di distanza dalla Micra) ha prevalso sulle altre sei finaliste (Alfa Romeo Giulietta, Citroën C3/DS3, Dacia Duster, Ford C-Max/C-Max7, Opel Meriva e Volvo S60/V60) grazie alle sue doti di ecologia ed economia. Offrire un’auto a batterie lunga 4,44 metri allo stesso prezzo (circa 36.000 euro) delle più piccole citycar Citroën C-Zero e Peugeot iOn non è roba da tutti.

Da Panorama.it la notizia qui..

Enhanced by Zemanta

Milano smog: Ecopass, da dicembre ticket per gli Euro4


Ecopass

Image by affisch via Flickr

Il Comune: notificare il cambio. Il provvedimento riguarda i diesel con fap non di serie: 1.600 veicoli che non saranno più equiparati agli Euro 5.

Tenere a mente questa data: il primo dicembre. Da quel giorno, un mercoledì, pagheranno Ecopass anche i veicoli diesel con filtro antiparticolato installato dopo l’acquisto, se rientrano in una classe soggetta a pagamento. Lo ha stabilito il Comune, recependo una sentenza del Tar fatta sulla base di un ricorso vinto dalle Mamme antismog, Wwf Italia e Italia Nostra.

Riassumendo: da dicembre i diesel con filtro «non di serie» (circa 1.600 a Milano) non verranno più equiparati automaticamente alla categoria degli Euro 5. Di conseguenza, dovranno individuare la nuova classe di inquinamento (inviando un fax al numero 02.884.57.056, oppure un’ email a MTA.Ecopass@comune.milano.it con i dati e una fotocopia del libretto di circolazione). E solo allora sarà chiaro se dovranno pagare o no Ecopass. Attenzione: il cambio di classe d’inquinamento potrà riguardare anche i veicoli i cui proprietari risiedono all’interno della Cerchia dei Bastioni. Nuove regole per chi inquina.

Da Corriere.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Bike sharing a Roma e Milano


Boris Johnson Waxwork

Image by soulmate02 via Flickr

DUE RUOTE IN CITTA’
Biciclette fantasma, stazioni vuote «Inaffidabile il bike sharing romano»
Dopo il suggerimento del sindaco di Londra Johnson – «Mettete più bici in centro» – Le associazioni dei ciclisti romani denunciano: «Sistema obsoleto»
http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_novembre_22/bike-sharing-1804217784575.shtml

Il sindaco di Londra ad Alemanno:«Roma deve aumentare le bici in centro»
Boris Johnson, in vacanze nell’Urbe, è un fan delle due ruote ecologiche. Sul Tamigi ha voluto 6 mila bici pubbliche e 300 stazioni di noleggio: che funzionano.
http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_novembre_21/boris-e-le-bici-roma-aumenti-due-ruote-1804214502581.shtml?fr=correlati

Per la serie “guardo Milano e mi vergogno d’esser Romano”
A maggio 2008 Clear Channel Jolly Pubblicità si è aggiudicata la gara pubblica di Bike sharing per la città di Milano, indetta dalla società di trasporto ATM su indicazione del Comune.
Dopo il grande successo ottenuto con questa prima fase, 40.000 abbonamenti tra annuali, settimanali e giornalieri e più di 1.500.000 prelievi complessivi, il Comune di Milano e la società ATM hanno deciso di dare il via alla seconda fase del servizio, commissionando a Clear Channel, gestore esclusivo di BikeMi, l’espansione del sistema.
http://www.bikesharingroma.com/2010/11/per-la-serie-guardo-milano-e-mi.html

Approfondimenti: RomapedalaDitrafficosimuore

Enhanced by Zemanta

Fisco – Il 55% al test di convenienza su dieci anni. Il quadro delle agevolazioni per la casa


004Emilia Romagna, Agriturismo Pianconvento, B...
Image by Toprural via Flickr

Altri 12 mesi: famiglie e imprese guadagnano un altro round con la detrazione del 55 per cento. Dall’anno prossimo, però, la convenienza dovrà essere misurata su una durata doppia, che limerà di qualche punto percentuale l’entità effettiva del bonus.

Secondo il Ddl di stabilità approvato alla Camera e ora all’esame del Senato, per le spese sostenute dai privati a partire dal 1° gennaio 2011, lo sconto fiscale dovrà essere diviso in dieci rate annuali, e non più in cinque. Si tratta, in pratica, della quarta correzione in cinque anni di vigenza dell’incentivo: le rate erano tre nel 2007, da tre a dieci nel 2008 (a scelta del contribuente) e cinque negli ultimi due anni.

01 | COMEFUNZIONA
Detrazione fiscale del 55%, sulle spese sostenute
per lavori di riqualificazione globale di edifici
(limite di detrazione di 100mila euro);
sostituzione finestre e coibentazioni di tetti e
pareti (60mila euro); pannelli solari (60mila
euro); sostituzione di caldaie a condensazione,
pompe di calore, impianti geotermici a bassa
entalpia (30mila euro). La detrazione si sconta
in 5 rate per le spese sostenute nel 2010;
in 10 rate per quelle del 2011

Da Sole24ore.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Milano Linea M4. Via libera alla realizzazione


Planespotting @ Linate 01 Aug 2008/4
Image by marcomassarotto via Flickr

Da Linate a Lorenteggio. Approvata dalla Giunta la quota di fondi spettante al Comune, circa 400 milioni di euro, per finanziare l’intero tragitto della nuova metropolitana. L’investimento complessivo per realizzare l’opera è di 1.699 milioni, gli altri sono a carico dello Stato (786 milioni) e privati (513 milioni)

SCHEDA: LINEA M4 LORENTEGGIO – LINATE
Con la nuova linea metropolitana M4 il Comune prosegue nei grandi investimenti infrastrutturali per la mobilità sostenibile in previsione dell’Expo. L’opera, qualificata come infrastruttura strategica di preminente interesse nazionale, risulta inserita tra le opere infrastrutturali “connesse” alla realizzazione di Expo 2015. L’opera garantirà una nuova connessione diretta tra la zona ovest di Milano (Lorenteggio-Foppa), il centro (Sforza Policlinico-San Babila) e la zona est della città collegandosi poi all’aeroporto di Linate.

Il progetto, che originariamente nasce diviso in due tratte (Linate – Sforza Policlinico e Sforza Policlinico – Lorenteggio), è stato oggi unificato in un’unica tratta per garantirne la realizzazione in tempi più brevi. La nuova linea si sviluppa in sotterraneo quasi completamente all’interno del Comune di Milano; il tratto terminale lungo viale Forlanini interessa i Comuni di Peschiera Borromeo e Segrate. Dal punto di vista tecnologico, la linea M4 è una metropolitana leggera sotterranea ad automatismo integrale (driverless), tali da consentire, rispetto a un sistema di metropolitana classica, significative economie di costruzione e di esercizio.

La linea metropolitana 4 da Linate a Lorenteggio si estenderà complessivamente per 15 km con 21 fermate e sarà in grado di trasportare un circa 86 milioni di passeggeri l’anno.
Secondo stime commissionate da Metropolitana Milanese:
Tratta Lorenteggio – Linate
Domanda massima nell’ora di punta: 14.000 pass/h
Riduzione traffico: – 14 milioni di spostamenti auto annui

riduzione inquinamento: – 2,1 % CO 2, – 1,2 % NO x-, 1,5 % PM 10
riduzione incidentalità: – 240 incidenti annui
riduzione consumo energetico: – 7920 t equivalenti di petrolio/anno

Le fermate previste sono le seguenti:

  1. aereoporto Linate
  2. quartiere Forlanini
  3. stazione passante Forlanini
  4. Argonne
  5. Susa
  6. Dateo
  7. Tricolore
  8. Visconti di Modrone (San Babila)
  9. Sforza Policlinico
  10. Santa Sofia
  11. Vetra
  12. De Amicis
  13. S. Ambrogio
  14. Parco Solari
  15. Foppa
  16. Washington Bolivar
  17. Tolstoj
  18. Frattini
  19. Gelsomini
  20. Segneri
  21. S. Cristoforo FS

Interscambi fondamentali:

  • S. Cristoforo con la linea ferroviaria Milano-Mortara e con le linee che transitano nel passante ferroviario;
  • S. Ambrogio con la linea M2;
  • Crocetta con la linea M3;
  • S. Babila con la linea M1;
  • Dateo col Passante Ferroviario;
  • Forlanini FS con la cintura ferroviaria est e con le linee del passante.

Per la realizzazione e gestione dell’opera è prevista la costituzione di una Società mista pubblico-privata a maggioranza pubblica (2/3 pubblica e 1/3 privata). Il Comune di Milano ha indetto una gara (attualmente in corso) per la realizzazione della linea M4 con una forma di Partenariato Pubblico-Privato, che da un lato prevede l’apporto di capitali privati, dall’altro consente, tramite la costituzione di una Società mista Comune/privati, un maggior controllo pubblico sull’operazione, sia in fase di costruzione, sia nel successivo periodo di gestione della linea.

Il 4 maggio scorso è stata inviata la lettera d’invito ai concorrenti e l’aggiudicazione della gara è prevista a breve. Si ipotizza di poter dare avvio ai lavori nel primo trimestre del 2011 e, al fine di ottimizzare la tempistica di realizzazione, si partirà contemporaneamente sia da S. Cristoforo che da Linate.

Dal punto di vista finanziario:
Il quadro economico dell’intera Linea M4 Lorenteggio–Linate prevede un costo complessivo pari a € 1.698.709.532,00 (€ 788.665.350,00 per la I tratta – “Lorenteggio-Sforza Policlinico” ed € 910.044.182,00 per la seconda tratta – “Sforza Policlinico-Linate”). Per quanto riguarda i finanziamenti è prevista la seguente ripartizione:
costo dell’opera: € 1.698.709.532,00 di cui:
– 46,27% € 786.026.509,00 Ministero Legge Obiettivo L. 222/07 e 296/06 di cui € 9.900.000,00 già finanziati;
– 30,17% € 512.558.605,00 Privati;
– 23,56% € 400.124.418,00 Comune di Milano

Da Comune di Milano la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Convegno Milano – Cascina Cuccagna: verso una nuova socialità urbana…per provare di nuovo ad essere città


Orto botanico (Urbino)

Image by Yannick Anné via Flickr

Mlano – Cascina Cuccagna: verso una nuova socialità urbana…per provare di nuovo ad essere città. Sabato 27 novembre 2010, dalle 9.30 alle 18.30, Cantiere Cascina Cuccagna.

Un confronto sulla crisi degli spazi pubblici e le possibilità di rigenerare il tessuto sociale urbano. Partendo delle esperienze più significative attive a Milano e in Italia, si inizierà a definire la linea d’intervento del Progetto Cuccagna nell’ambito sociale.

Con la partecipazione di: Aldo Bonomi, Mauro Magatti, Marco Revelli, Serana Vicari, ADA Stecca, Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario, Associazione Amici Parco Trotter, Fondazione Bertini, CGM, Gruppo Abele, Tramemetropolitane.

PROGRAMMA

dalle 9.30 alle 12.30
CRISI E RIGENERAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO URBANO
Introduce

Sandro Antoniazzi – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

Esilio della socialità e possibili risposte nella città contemporanea
Mauro Magatti – Università Cattolica di Milano

Il disagio della normalità a Milano
Aldo Bonomi – Istituto di Ricerca Aaster

Ricomporre la polis a partire dal sociale
Marco Revelli – Università del Piemonte Orientale

Modelli di rigenerazione urbana e innovazione sociale
Serena Vicari – Università degli Studi di Milano Bicocca

Sogni e bisogni a Milano. Risorse e vissuti nella Zona 4
Sebastiano Citroni – Università degli studi di Milano Bicocca

dalle 12.30 alle 14.30
PRANZO
Un menu a cura di “Le Cuciniere”: pasta al forno con broccoletti alla trapanese, torta salata con verdure di stagione. Costo 10 euro (contributo a favore del Progetto Cuccagna). Prenotazioni a: info@cuccagna.org.

dalle 14.30 alle 18.30
ESPERIENZE E PERCORSI A CONFRONTO
Introduce
Sergio Bonriposi – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord (Tramemetropolitane)
Paesaggi culturali e comunità: riattivare la memoria locale —Silvia Mascheroni

La casa del sole (Associazione Amici del Parco Trotter)
La costruzione di relazioni interculturali in via Padova —Dino Barra

Stecca Temporanea (ADA Stecca)
L’autorganizzazione di spazi di aggregazione per il quartiere Isola e la città —Isabella Inti

G.EN.TE. (Fondazione Bertini)
Nuove relazioni attraverso nuove tecnologie —Giovanni Sironi

Casa del Quartiere San Salvario (Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario)
Spazio pubblico e sviluppo locale —Roberto Arnaudo

Welfare Italia impresa sociale (Cgm Gruppo Cooperativo)
Inclusione attraverso il capitale sociale —Johnny Dotti

La Casa del Quotidiano (Gruppo Abele)
La dimensione quotidiana dello spazio pubblico —Lucia Bianco

discussione aperta

Conclusioni
Cristina de Michele – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

ore 19.30
APERITIVO A FILIERA CORTA e DELIRIUM JAZZ BAND IN CONCERTO
Menù a cura di “Le Cuciniere”: insalata di cereali, carote al curry, dhal di lenticchie, creme saporite accompagnate da biscottini salati. Costo: 8 euro (contributo a favore del Progetto Cuccagna). Prenotazioni a: info@cuccagna.org.

Da Cascina cuccagna newsletter la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

FISCO: Ecobonus, quasi certo il ritorno Si “spalmerà” su dieci anni


Casa Rodríguez Quetgles
Image by Marianne Perdomo via Flickr

Il vice ministro all’Economia Giuseppe Vegas ha detto che dovrebbe essere reintrodotto già alla Camera con un emendamento alla Legge di stabilità. La detrazione potrebbe passare dal 55 al 41%

ROMA – Quasi certa la reintroduzione degli “ecobonus”, la detrazione fiscale del 55% sui lavori che migliorano l’efficienza energetica delle abitazioni. Il vice ministro dell’Economia, Giuseppe Vegas, ha parlato ieri della possibilità di introdurre con un emendamento già alla Camera, dove si discute la Legge di stabilità, la proroga alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie eco compatibili, l’unico nodo rimasto aperto per quel che riguarda l’articolato.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta