Progetto “Intraprendere donne” finanziamenti per l’imprenditoria femminile in Emilia Romagna



“Intraprendere donne”: opportunità per le neo-imprenditrici

martedì 30 gennaio 2007

“Intraprendere donne” è un progetto rivolto a tutte le donne dell’Emilia Romagna che vogliono avviare o hanno già avviato un’impresa Sostenere le imprenditrici dell’Emilia Romagna: è questo il punto di forza del progetto “Intraprendere Donne” che offre servizi gratuiti alle imprenditrici e aspiranti tali in Emilia Romagna.

Il progetto, attivo per tutto il 2007 e realizzato da Modena Formazione, ProMo, Ial Emilian Romagna e SIPRO, si rivolge a tutte le donne che vogliono avviare un’azienda o lo hanno fatto da poco. L’obiettivo è quello di sostenere le donne imprenditrici attraverso informazioni, assistenza tecnica e formazione per fornire le competenze necessarie per realizzare un progetto d’impresa.

Per tutto il 2007 saranno, quindi, organizzati seminari che riguarderanno diverse aree: la business idea, i finanziamenti, la comunicazione per mettersi in proprio, il marketing e webmarketing e il mainstreaming di genere. Inoltre, presso gli Istituti Superiori e le Università delle province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara ci saranno incontri per orientare gli studenti verso la cultura d’impresa.

Saranno erogati quattro assegni di ricerca del valore di 5000 euro per ciascuna provincia (Modena, Reggio Emilia e Ferrara) che saranno consegnati a coloro che avranno consegnato entro il 31/07/2007 il migliore business plan. Gli assegni dovranno essere destinati alla copertura delle spese sostenute per la progettazione e l’avvio dell’impresa e fatturate entro il 30/11/2007.

I business plan, valutati secondo l’innovatività, l’originalità, la potenzialità di successo e la fattibilità economico-finanziaria, saranno giudicati dal Comitato di Valutazione composto da esperti del settore accademico, istituzionale, economico e delle professioni. Le informazioni relative ad ogni singolo aspetto del progetto possono essere richieste agli sportelli attivi nelle diverse province.[continua…]

Da Pmi.it la notizia qui…

Annunci

Nuove norme in materia di conservazione digitale per i documenti fiscali (circolare n.36/E del 6/12/2006)


glo0104Martedì 30 gennaio 2007 – Conservazione digitale per i documenti fiscali

La circolare delle Entrate n. 36/E del 6/12/2006 dell’Agenzia delle Entrate secondo Barilli, direttore di Aitech-Assinform, consentirà alle imprese di ottenere risparmi. Attraverso un comunicato stampa, Federico Barilli, Direttore di Aitech-Assinform (associazione italiana per l’Information Technology), commenta la circolare delle Entrate n. 36/E del 6/12/2006 dell’Agenzia delle Entrate in tema di “Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto”.

Si tratta della possibilità di archiviare in formato digitale documenti di cui è obbligatoria per legge la conservazione e in modo particolare quelli fiscali, fino a questo momento conservabili solo in modalità cartacea.  [continua…]

Da Pmi.it la notizia qui…

Un libro sull’ E-learning per analizzarne l’utilizzo nel mercato italiano


rco0029E-Learning di ANEE
Uscita: Novembre 2005
Pagine: 288
Formato: 17 x 24 cm
Prezzo: 25.00 Euro
ISBN: 88-503-2445-6
Collana: Fuori Collana

Osservatorio Anee-Assinform sull’e-learning ha lo scopo di analizzare il grado di adozione e le caratteristiche di utilizzo dell´e-learning nel mercato italiano [continua…]

Da Apogeonline la notizia qui…

Sorpresa!


119855.jpgProtagonisti dell’anno secondo il Time

Federico Batini e Gabriel Del Sarto, Narrazioni di narrazioni. Orientamento narrativo e progetto di vita, Erikson, Trento, 2005.


narrazioni_p1L’orientamento costituisce oggi un processo continuo che mira a sostenere l’individuo nella formulazione delle scelte legate ai sempre più numerosi momenti di transizione presenti nel suo ciclo di vita. L’orientamento, ormai, non si caratterizza più solo come strumento finalizzato a ‘guidare’ il giovane nel momento delle scelte fondamentali (scuola, università, lavoro) ma è strumento che accompagna l’individuo durante tutto il suo iter formativo e lavorativo, favorendone il relativo processo di apprendimento e di conoscenza di sé.

Nel testo Narrazioni di narrazioni di Federico Batini e Gabriel Del Sarto, gli autori vedono nell’orientamento narrativo l’avvio in questa direzione. L’orientamento narrativo è una metodologia specifica che trova applicazione lungo il corso dell’intera esistenza: nella vita scolastica, nell’inserimento nel mondo del lavoro, nel momento di tracciare bilanci, nei lavori di cura e di assistenza, nell’integrazione di coloro che appartengono a culture diverse.

Vuole essere uno strumento di grande importanza, in grado di facilitare l’empowerment di una persona, consentendole di ampliare le capacità espressive, di riflettere su di sé, sul proprio passato e futuro, agevolando le dinamiche relazionali e sviluppando la progettualità. Ogni volta che comunichiamo qualcosa mettiamo in atto un processo di scambio di informazioni e di influenzamento reciproco basato sulla narrazione di storie. Con le storie si agisce, perché le storie costruiscono mondi in cui riconoscersi e vivere. Sono potenti strumenti di orientamento all’azione.

La narrazione è uno strumento conoscitivo e trasformativo; un luogo, un’occasione intorno a cui orientare motivazioni, finalità, percorsi formativi. Le parole, per destino umano, ci aiutano a vivere e a sopravvivere tanto chiarificando il nostro senso, quanto non dimettendo di oscurarlo in un continuum infinito.

Da Super eva

La mail nei siti web, trucchi anti-spam


vmo0265Molti di voi, dopo aver realizzato -con orgoglio- il proprio sito web, pensano ad inserire la propria casella mail per poter interagire con i propri utenti ma…
Sovente quell’indirizzo email sarà preda di spammer e quindi inondato di immondizia digitale (la maggioranza delle emails che riceviamo è pubblicità).

Come fare dunque?
Due le soluzioni.
La prima consiste nel creare un guestbook, o libro degli ospiti, che permetta l’interazione con i propri visitatori.
Se la soluziona appare troppo impegnativa, si può mettere l’indirizzo email ma…con degli accorgimenti anti-spammers.
Ad esempio si può inserire il proprio indirizzo email sotto forma di immagine o sostituendo la chiocchiolina con altri segni grafici o con delle sigle apposite (infoNOSPAMdeamaltea.it…)
In questo modo gli spammer, che usano programmi automatici per razziare le email del web, non rilevano il nostro indirizzo e…lo saltano!

Attenzione dunque e…alla prossima minilezione sul fare web 🙂
Fabrizio, Deamaltea.it

Progetto Leonardo


811046A breve le anticipazioni sul Progetto Leonardo…

Stay tuned !!