Arriva l’estate: ecco il barbecue a energia solare


Some chicken, pork and corn in the barbeque

Image via Wikipedia

Arriva la stagione estiva e con essa la voglia di passare le giornate all’aria aperta. Per gli amanti della carne alla brace finalmente la possibilità di fare un barbecue con la compagnia di amici e parenti. In arrivo c’è una una novità per essere sostenibili evitando lo spreco di legna e dei vari materiali infiammabili per l’accensione.

Stiamo parlando del barbecue alimentato a energia solare. Un’idea che coniuga il sostegno alle fonti rinnovabili al piacere della buona cucina. Due esempi al riguardo vengono da una ditta francese, la IdCook, e rispondono ai nomi di CookUp 200 e CookUp Inox.

Il meccanismo, assicurano i produttori, è molto semplice e soprattutto ecologico. Il calore viene convogliato in una “parabola” che riscalda la griglia di cottura, senza quindi ricorrere all’impiego di altri materiali.

Da Greenstyle.it   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

“Salviamo l’energia pulita” in 14 mila scrivono a Romani


INCHIESTA SUL NUCLEARE/ L’INSICUREZZA ENERGETICA

Image by Sinistra Ecologia Libertà via Flickr

DECRETO RINNOVABILI. Mobilitazione senza precedenti contro la norma del ministro dello Sviluppo. In campo anche i deputati della maggioranza, compresi i “salva-governo” Razzi, Scilipoti e Polidori. Miccichè: “Federalismo a rischio”. Sul testo si tratta ancora .

ROMA – Il governo ha fatto un mezzo passo indietro e il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha assicurato 1 che domani il Consiglio dei ministri non varerà nessun provvedimento in grado di mettere a repentaglio lo sviluppo delle rinnovabili. Le brutte sorprese sono però sempre dietro l’angolo e il vasto movimento di sostegno alle energie verdi consolidatosi nelle ultime ore continua a far sentire la sua voce per impedire il varo del decreto ipotizzato dal ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani.

“Sono state fino a questo momento oltre 14 mila le persone che a partire da domenica sera si sono attivate rispondendo all’appello ‘SOS Rinnovabili’, promosso dal tam tam della rete e dei social network e che hanno materialmente inviato una email agli indirizzi dei ministri”, spiega uno dei promotori della campagna, il segretario di Asso Energie Future Gaetano Buglisi. “È un numero enorme di persone che si sono attivate per chiedere al governo di ripensare alla posizione di chiusura assunta, una posizione – continua Buglisi – che non è in linea con i pareri espressi dalle Commissioni competenti di Camera e Senato, che avevano indicato molte prescrizioni e parecchie correzioni al testo del decreto legislativo, contributi migliorativi assolutamente ignorati dalla bozza presentata al governo in Consiglio dei ministri”.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Convegno Milano – Cascina Cuccagna: verso una nuova socialità urbana…per provare di nuovo ad essere città


Orto botanico (Urbino)

Image by Yannick Anné via Flickr

Mlano – Cascina Cuccagna: verso una nuova socialità urbana…per provare di nuovo ad essere città. Sabato 27 novembre 2010, dalle 9.30 alle 18.30, Cantiere Cascina Cuccagna.

Un confronto sulla crisi degli spazi pubblici e le possibilità di rigenerare il tessuto sociale urbano. Partendo delle esperienze più significative attive a Milano e in Italia, si inizierà a definire la linea d’intervento del Progetto Cuccagna nell’ambito sociale.

Con la partecipazione di: Aldo Bonomi, Mauro Magatti, Marco Revelli, Serana Vicari, ADA Stecca, Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario, Associazione Amici Parco Trotter, Fondazione Bertini, CGM, Gruppo Abele, Tramemetropolitane.

PROGRAMMA

dalle 9.30 alle 12.30
CRISI E RIGENERAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO URBANO
Introduce

Sandro Antoniazzi – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

Esilio della socialità e possibili risposte nella città contemporanea
Mauro Magatti – Università Cattolica di Milano

Il disagio della normalità a Milano
Aldo Bonomi – Istituto di Ricerca Aaster

Ricomporre la polis a partire dal sociale
Marco Revelli – Università del Piemonte Orientale

Modelli di rigenerazione urbana e innovazione sociale
Serena Vicari – Università degli Studi di Milano Bicocca

Sogni e bisogni a Milano. Risorse e vissuti nella Zona 4
Sebastiano Citroni – Università degli studi di Milano Bicocca

dalle 12.30 alle 14.30
PRANZO
Un menu a cura di “Le Cuciniere”: pasta al forno con broccoletti alla trapanese, torta salata con verdure di stagione. Costo 10 euro (contributo a favore del Progetto Cuccagna). Prenotazioni a: info@cuccagna.org.

dalle 14.30 alle 18.30
ESPERIENZE E PERCORSI A CONFRONTO
Introduce
Sergio Bonriposi – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord (Tramemetropolitane)
Paesaggi culturali e comunità: riattivare la memoria locale —Silvia Mascheroni

La casa del sole (Associazione Amici del Parco Trotter)
La costruzione di relazioni interculturali in via Padova —Dino Barra

Stecca Temporanea (ADA Stecca)
L’autorganizzazione di spazi di aggregazione per il quartiere Isola e la città —Isabella Inti

G.EN.TE. (Fondazione Bertini)
Nuove relazioni attraverso nuove tecnologie —Giovanni Sironi

Casa del Quartiere San Salvario (Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario)
Spazio pubblico e sviluppo locale —Roberto Arnaudo

Welfare Italia impresa sociale (Cgm Gruppo Cooperativo)
Inclusione attraverso il capitale sociale —Johnny Dotti

La Casa del Quotidiano (Gruppo Abele)
La dimensione quotidiana dello spazio pubblico —Lucia Bianco

discussione aperta

Conclusioni
Cristina de Michele – Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna

ore 19.30
APERITIVO A FILIERA CORTA e DELIRIUM JAZZ BAND IN CONCERTO
Menù a cura di “Le Cuciniere”: insalata di cereali, carote al curry, dhal di lenticchie, creme saporite accompagnate da biscottini salati. Costo: 8 euro (contributo a favore del Progetto Cuccagna). Prenotazioni a: info@cuccagna.org.

Da Cascina cuccagna newsletter la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Enel Green Power/ Al via una nuova centrale geotermica


Geysers de "El Tatio"

Image by Johan Berna via Flickr

E’ stata messa in marcia oggi la centrale geotermica di Radicondoli 2, nell’omonimo comune in provincia di Siena, che, con i suoi 20 MW, va ad aggiungersi ai 40 MW della centrale gia’ esistente, portando l’impianto a 60 MW complessivi di potenza installata.

L’impianto sara’ cosi’ in grado di produrre a regime oltre 140 milioni di chilowattora, corrispondenti ai consumi di 55.000 famiglie, e di evitare l’emissione in atmosfera di 200.000 tonnellate di CO2, oltre a un risparmio di combustibili fossili per 55.000 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) all’anno.

Da Affaritaliani la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

GENOVA: Biennale del Mediterraneo


SOSLOG (associazione per la logistica sostenibile) VI Convegno Internazionale. Un’opportunità per favorire sviluppo sostenibile e risparmio energetico per l’intera area mediterranea e per l’intera Europa.

Genova è stata eletta per il 2010 sede della Biennale del Mediterraneo e quindi è venuto spontaneo eleggerla a sede del nostro VI Convegno annuale che si terrà il prossimo 1° dicembre a Palazzo Ducale, nella prestigiosa cornice del Salone del Maggior Consiglio. Questa data sarà occasione per poter analizzare le opportunità di sviluppo sostenibile e di risparmio energetico correlate all’area mediterranea ed all’intera Europa. Come già per il 2009 il Prof. Jean-Paul Fitoussi ha confermato la propria partecipazione in qualità di keynote speaker. Avviare un’azione di trasformazione delle fonti energetiche, delle infrastrutture, dei processi e dei prodotti secondo una logica di sostenibilità vuole anche dire ridurre gli sprechi, ottimizzare i consumi e dedicarsi al riciclo, con notevoli risparmi di costi ed interessanti ritorni di immagine.

La transizione verso un’economia più sensibile all’ecosistema porta con sé inizialmente vincoli ed oneri, tuttavia, se questo processo è gestito con attenzione, può generare molteplici opportunità ed oggi è una priorità per l’intero tessuto industriale sia dei paesi avanzati sia dei paesi in via di sviluppo.

Data: 1° Dicembre 2010
Luogo: Genova, PALAZZO DUCALE, Salone del Maggior Consiglio

Da SOSLOG la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Referendum “Milano si muove”: superate le 10.000 firme, si avvicina il traguardo delle 15.000


Tra venerdì e sabato, nel week end dedicato all’ambiente, ne hanno raccolte più di 3500, con la pioggia per giunta. Io ho firmato nel banchetto piazzato al mercato rionale di Valvassori Peroni. Ad oggi è stata superata quota diecimila. Per raggiungere le 15 mila firme c’è tempo fino al 6 novembre.

Parliamo dei cinque referendum indetti dal Comitato fondato dall’ex Assessore alla mobilità sostenibile Edoardo Croci:

  1. 1 dimezzare traffico e smog,
  2. 2 raddoppiare gli alberi e il verde pubblico,
  3. 3 conservare il futuro parco dell’area EXPO,
  4. 4 energia: adottare standard massimi di efficienza e ridurre i gas serra,
  5. 5 ripristinare la Darsena e studiare la riapertura dei Navigli.

Purtroppo l’amministrazione comunale non ha dimostrato un atteggiamento collaborativo. Parliamo della mancata concessione della Moratti alle deleghe ai dipendenti per autenticare le firme sui referendum, atto che avrebbe facilitato non poco la raccolta delle firme, come lo stesso comitato ha sottolineato in un comunicato.

Da 02blog.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Finanziamento fotovoltaico con i contributi statali


Solar Power for home
Image by solarpowerforyou via Flickr

Rispetto al passato l’installazione, sul tetto di una casa, di un impianto fotovoltaico di piccola potenza, rappresenta una soluzione vantaggiosa nel medio e nel lungo periodo al fine di tagliare la bolletta per quel che riguarda il consumo di energia elettrica.

Inoltre, grazie ai contributi statali, attraverso la connessione in rete dell’impianto, offerti dal Conto Energia, si possono via via acquisire, per un periodo pari a ben 20 anni, risorse che permettono non solo di rientrare dall’investimento, ma anche di guadagnare.

Oramai da tempo è tra l’altro possibile per i privati accedere al credito proprio con la finalità di installazione di impianti fotovoltaici. Ad esempio, Unicredit Group, con la finalità di installazione di pannelli fotovoltaici, propone alla propria clientela dei finanziamenti che possono essere sia ipotecari, sia chirografari, ovverosia senza il rilascio di garanzie reali, con la formula del tasso variabile oppure con rimborso della rata a tasso fisso.

Da Vostrisoldi la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Rifiuti abbandonati sulle strade: d’ora in poi si fotografano


Lavatrice abbandonata I

Image by Giampaolo Squarcina via Flickr

Televisori, lavatrici, elettrodomestici che vengono abbandonati sul ciglio della strada, in città o in campagna.

Scempio e disfattismo che colpiscono anche le città del nord. Milano non è esente da questi comportamenti insani, anzi. Qualcuno di voi, come me, ha memoria di innumerevoli esempi di questa assurda pratica italica. Proprio stamattina passando da via Orobia, traversa di viale Ortles, ho un nitido ricordo di un televisore abbandonato.

Una brutta abitudine che Legambiente e Ecodom stanno cerando di arginare con un concorso per educare i cittadini a non abbandonare i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, i Raee appunto.

Per questo chi dovesse trovare uno di questi oggetti potrà fotografarlo e segnalarlo sul sito www.raeeporter.it. Il consorzio di Ecodom e Legambiente si occuperà poi di avvertire l’Amsa per smaltirlo correttamente nelle appropriate isole ecologiche. Fotografate gente, fotografate.

Da 02Blog la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Milano politica: Caos nel Pdl sui referendum di Croci. E Palmeri…


MILAN, ITALY - DECEMBER 07:  Giuseppe Bergomi,...
Image by Getty Images via @daylife

“Leggo che alcuni dirigenti del Pdl avrebbero fortemente, ancorché sottovoce, criticato la mia disponibilità ad autenticare le firme dei referendum ambientali di MilanoSìmuove nella giornata conclusiva della festa del partito, considerandola una scelta a questo avversa. La voce, con nomi e cognomi, è arrivata anche a me: chi l’ha riportata era bene informato, chi parlava di me invece no. E’ necessario puntualizzare alcune cose, non per polemica, ma perché si tratta di un’attività svolta quale pubblico ufficiale”.

Lo ha detto Manfredi Palmeri, Presidente del Consiglio comunale di Milano, spiegando: “Ho sempre ritenuto l’attività di certificazione un mio dovere civico di servizio ai cittadini, più che ai promotori, in occasione delle espressioni democratiche previste dalle norme e, nel caso specifico, proprio dallo Statuto comunale approvato dal Consiglio che ho l’onore di presiedere. Prestandola gratuitamente faccio risparmiare denaro ai milanesi attivi per la città che, altrimenti, dovrebbero pagare notai e cancellieri”.

“Tra l’altro – ha aggiunto Palmeri – ho autenticato le sottoscrizioni dalle 18 alle 20 in Cordusio solo dopo l’ultimo intervento alla Festa, facendo esattamente quello che ha fatto il mio omologo della Provincia, anch’egli del Pdl, e altri consiglieri pure del Pdl in situazioni analoghe. Ricordo, peraltro, che il Presidente Podestà, che è anche Coordinatore regionale del Pdl, ha autorizzato tutti i dipendenti provinciali, fuori dall’orario di lavoro e su base volontaria, a svolgere il ruolo di certificatori”.

“Sul merito dei referendum inoltre – ha concluso Manfredi Palmeri – il Pdl milanese non si è ancora espresso in alcun modo, e credo sia meglio parlarne in sede di partito. Io stesso non ho per ora sottoscritto i quesiti, pur rilevando già che su diversi punti ci sono riferimenti a proposte su cui ci siamo impegnati come maggioranza che ha vinto le elezioni del 2006”.

I 5 referendum promossi da MilanoSìmuove riguardano il potenziamento dei mezzi pubblici, la conservazione del futuro parco dell’area Expo, il raddoppio degli alberi e del verde, la riapertura del sistema dei Navigli, il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di gas serra. Le cinque richieste di referendum consultivo d’indirizzo sono promosse ai sensi dello Statuto del Comune di Milano (articolo 11) e del Regolamento comunale per l’attuazione dei diritti di partecipazione approvato dal Consiglio comunale nel 1995.

Da Affaritaliani la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

RIFIUTI – Alemanno dice sì a Legambiente “Nel 2011 stop ai sacchetti di plastica”


Il sindaco di Roma, Alemanno

Image via Wikipedia

Annuncio del sindaco durante la manifestazione conclusiva di ‘Puliamo il mondo’. “Solo borse fatte di materiale riciclabile”. In tutto il Lazio 15mila volontari con guanti e ramazza hanno raccolto 50 tonnellate di spazzatura.

Sacchetti di plastica addio. Nel 2011, nella capitale, potrebbero essere infatti definitivamente banditi, per far posto a quelli più ecologici in materiali riciclabili. Lo ha annunciato il sindaco di Roma Gianni Alemanno, durante lo speciale di Rai 3 sull’iniziativa di Legambiente ‘Puliamo il mondo‘ dal Parco dei Ruderi di Casa Calda, a Torre Maura.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Fotovoltaico & C: le rinnovabili hanno anche degli svantaggi?


2009_07_07 Turbine (2)
Image by birdvoyeur via Flickr

Le fonti di energie rinnovabili oltre a rappresentare un’opportunità per l’ambiente nascondono aspetti meno positivi anche per l’ecologia del nostro pianeta.

In questa occasione verrà fatto solo un esempio: nelle turbine utilizzate nelle centrali eoliche ed idroelettriche i dischi magnetici impiegati per massimizzare le prestazioni dei motori sono a base di neodimio, una combinazione di terre rare presenti nelle foreste pluviali, e quindi per estrarlo è necessario il disboscamento delle aree interessate. Insomma anche nel campo delle rinnovabili si cela lo spettro di un danno all’ambiente, e solo un approccio senza pregiudizi di sorta potrà di volta in volta rendere possibile una valutazione realistica di rischi e benefici, senza considerazioni fideistiche che potrebbero addirittura nuocere al nostro pianeta.

Da Giornalettismo   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Incentivi più generosi per il fotovoltaico?


Futuro Fotovoltaico

Image by Elisabetta_81 via Flickr

Il Magazine MF/Milano Finanza rivela che ci sarebbe allo studio un nuovo meccanismo ministeriale per determinare nuovi e più cospicui incentivi economici al settore fotovoltaico. In particolare sarebbe prevista una correzione al rialzo delle attuali cifre riconosciute ai produttori di energia solare.

Più nel dettaglio, per ogni kilowattora prodotto potremo assistere ad aumenti che andranno da un centesimo fino a 14 centesimi nel caso di impianti entrati in funzione dopo aprile 2011, tra 200 e 1.000 kilowatt, per i quali la tariffa passerebbe quindi da 0,285 a 0,309 euro. Rimarrebbero valide, invece, le previsioni su un taglio di circa il 20% rispetto al vecchio Conto Energia per gli impianti che inizieranno a produrre a fine 2011.

Dagli inizi del 2012 infatti è prevista un’ulteriore riduzione di spesa pari a circa il 6% l’anno. Sarà riconfermata anche la soglia di potenza massima incentivabile, fissata in 3 mila megawatt, (nel 2009 erano stati incentivati 1.200 mw di pannelli solari installati) con l’obiettivo di raggiungere una quota di 8 mila megawatt installati nel nostro Paese entro la fine del 2020.

Questa bozza messa a punto dai ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente dovrebbe essere sottoposta alla Conferenza unificata Stato-Regioni fissata per il prossimo 10 giugno, salvo cambi di rotta, proprio in sede di conferenza unificata, dopo l’entrata in vigore della discussa manovra economica varata dal Governo.

Da Fotovoltaicoblog.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Il Colosseo? E’ accerchiato dal traffico. L’allarme di Legambiente


Via dei Fori Imperiali, seen from the Colosseu...

Image via Wikipedia

Duemila veicoli in un’ora transitano di fronte al Colosseo, via dei Fori Imperiali è come una superstrada in una tranquilla giornata romana, con un rumore assordante di 95,2 decibel dB(A) di picco, causa di notevoli vibrazioni.

Sono eclatanti i dati che Legambiente ieri ha rilevato con un monitoraggio realizzato di fronte all’antico Anfiteatro Flavio.

Ben 1165 sono automobili (54,6%), 353 sono scooter e moto (16,5%), 296 sono taxi (13,9%), ben 144 sono furgoni e camion (6,7%), ma sono del tutto incredibili 67 pullman turistici (3,1%), mentre arrancano in mezzo al traffico 95 autobus (4,4%) e 15 biciclette (0,7%).

Il totale di 2135 veicoli è da spavento, peraltro in una condizione di traffico non al massimo delle peggiori performance. In sostanza la quasi totalità dei dei veicoli sono privati (81%), mentre la quasi totalità del traffico arriva da Via Cavour e va in direzione via dei Fori Imperiali, piazza del Colosseo, via Labicana (90,4%).

“Al Colosseo è come stare su una superstrada, i Fori subiscono ogni giorno il traffico, lo smog e il rumore di una affollata strada statale. Sindaco Alemanno, questo scempio va fermato subito, l’area va resa pedonale con l’aiuto del Ministero dei Beni Culturali, la Capitale non può pensare di vincere la sfida delle Olimpiadi se non facendo scelte coraggiose” ha detto Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio.

Da Affaritaliani   la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Progetto Tandem. Anche il ciclismo sportivo per la mobilita’ ciclabile in sicurezza


Rick Flens, Giro d` Italia 2010 - The Netherlands.

Image by dirkjankraan.com via Flickr

Il Presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Renato di Rocco, ed il Coordinatore della Consulta Nazionale della sicurezza stradale, Silvano Miniati, alla presenza del Presidente del CNEL, Antonio Marzano, hanno formalizzato un accordo di collaborazione per lo sviluppo di un programma di azioni a favore della sicurezza stradale e della promozione della mobilità in bicicletta denominato TANDEM.

Obiettivo del progetto Tandem è strutturare un concreto piano di interventi volti allo sviluppo della mobilità in bicicletta e a una significativa diminuzione dei costi sociali causati dall’attuale situazione di scarsa sicurezza per gli utenti della bicicletta.

Il progetto parte da uno studio diffuso dalla Commissione europea, DG Ambiente: se anche in Italia, andare in bici risulta il più sicuro mezzo di trasporto cittadino (il fattore di rischio è 50 volte inferiore a quello automobilistico) nelle maggiori città italiane gli incidenti mortali di ciclisti sono da 2 a 5 volte più numerosi di quelli delle corrispettive aree urbane del resto d’Europa.

I costi economici e sociali di questo ritardo infrastrutturale (oltreché culturale) sono quantificati dallo stesso studio in 5,7 miliardi di euro l’anno (circa lo 0,4% del PIL). Un onere aggiuntivo per gli enti locali e per lo Stato cinque volte superiore ai tagli operati al settore sociale nell’ultima finanziaria.

Da Cittainbici la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Edilizia, la certificazione energetica e l’intergazione di quella ambientale


As there are Apartments in our own Minds that ...

Image by Valentina Photography via Flickr

Qualenergia.it ha intervistato Giuliano Dall’O’, del SACERT per fare il punto sulla certificazione energetica in edilizia in Italia e sulla novità dell’intergazione di una certificazione più globale, cioè quella ambientale.

Ai margini di un Forum sulla certificazione energetica in edilizia in Italia svolto a Solarexpo&Greenbuilding di Verona, Qualenergia.it ha intervista Giuliano Dall’O’, del SACERT – Ente di Certificazione delle competenze dei Tecnici Certificatori Energetici degli edifici, ma anche docente del Politecnico di Milano, oltre che coordinatore del Gruppo di Lavoro “Efficienza Energetica” del Kyoto Club.

Professor Dall’O’ ci può riassumere la situazione della certificazione energetica degli edifici in Italia?
Le Regioni che sono partite in modo autonomo come Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Liguria mantengono il loro schema. Le altre Regioni, all’indomani dell’approvazione delle linee guida nazionali sulla certificazione energetica, le adotteranno automaticamente. Alcune di queste però hanno già approvato delle regole per la gestione della certificazione energetica, come l’elenco dei certificatori energetici, piuttosto che il catasto e via dicendo. Il fatto nuovo è che molte Regioni nell’emanare queste regole hanno introdotto anche la certificazione ambientale: una certificazione globale che comprende sia gli aspetti energetici che quelli ambientali. Tutte le regioni che hanno approvato queste leggi, come Puglia e Toscana, hanno fatto riferimento al protocollo ‘Itaca’: un sistema di certificazione – risultato di un lavoro che ha coinvolto tutte le Regioni italiane – che conferisce dei punteggi ai progetti tenendo conto variabili ambientali. Quindi la novità è che il protocollo Itaca sta diventando lo standard nazionale.

Da Kyoto Club la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]