Osservatorio sull’E-commerce della Provincia di Milano (rassegna stampa)


102088Dalla Newsletter della Provincia di Milano, una rassegna stampa interessante…

Shopping. E io pago… (via web, cellulare, VoIP)
Osservatorio Finanziario – 20 Aprile 2007 |

WebL’e-commerce cresce anche in Italia
Dgmag – 19 Aprile 2007 |

Webecommerce uno su dieci paga online
rdinformatica.com – 19 Aprile 2007 | Web

Shopping in rete: affari a gonfie vele per eBay, nei primi tre mesi +52% utile
Yahoo! Italia – 19 Aprile 2007 | Web

SMS, nuovo veicolo per lo shopping compulsivo?
Punto Informatico – 18 Aprile 2007 | Web

E-commerce: audio e video ed editoria a 110 milioni di euro
E-duesse – 16 Aprile 2007 | Web

Il Commissario europeo McCreevy sull’e-commerce
ITnews – 13 Aprile 2007 | Web

Per le imprese della provincia di Milano fondi per assumere over 45


Fondi per assumere over 45 a MilanoFondi per assumere over 45 a Milano
di Marianna Di Iorio

martedì 17 aprile 2007

Stanziato un contributo a fondo perduto da 3 mila a 5 mila euro per le imprese della provincia di Milano che assumono lavoratori over 45Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali finanzia l’assunzione di soggetti over 45, attraverso un fondo perduto da 3 mila a 5 mila euro.

Il contributo è rivolto alle imprese milanesi che intendono assumere persone iscritte alla lista di mobilità non indennizzata in base alla legge 236/93 e i lavoratori e le lavoratrici che sono stati licenziati ai sensi della stessa legge.

In particolare, i soggetti assunti dovranno avere un’età superiore ai […continua su PMI.it]

Tratto da PMI.it

Crescita occupazionale nel 2007


E’ quanto prevedono i manager delle aziende

Il 2006? Un anno di ripresa economica per la maggior parte delle aziende in Europa, almeno secondo i dati raccolti dalla XVIª edizione dell’Ups Europe Business Monitor, nel corso del quale sono stati intervistati 1.450 top manager di sette Paesi europei.

Varia positivamente, infatti, la percentuale dei manager che riferisce una performance in crescita (il 53% contro il 42% del 2005), così come diminuisce anche la quota di coloro che dichiarano performance negative (dal 20% al 13%). Le imprese che mostrano il maggiore rilancio economico sono quelle spagnole, ma anche le aziende del Belgio e quelle tedesche danno forti segnali di ripresa.

Il dato italiano è in linea con quello europeo: il 55% degli intervistati ha rilevato un effettivo miglioramento nella posizione economica della propria azienda nel corso del 2006, confermando le previsioni ottimistiche del 2005 (il 54% dei manager delle principali aziende nazionali si era detto fiducioso in un miglioramento). Tuttavia, nonostante il positivo andamento del business nel 2006, i manager italiani rimangono piuttosto cauti sul futuro: l’aspettativa per un ulteriore miglioramento della situazione economica è aumentata solo del 3% rispetto all’anno scorso.

Più in generale, in Europa, mentre nel 2005 il livello di fiducia nel futuro aveva subito un leggero calo, per il 2006 i manager si dichiarano più fiduciosi: i manager maggiormente ottimisti sono quelli olandesi (61%) e spagnoli (60%). La maglia nera del pessimismo resta invece ai manager francesi, anche se sono un po’ meno pessimisti rispetto all’anno scorso. Quest’anno, infatti, un 7% in più crede che il 2007 andrà meglio del 2006.

Rosee aspettative anche sul fronte occupazionale: risulta in aumento infatti il numero di dirigenti europei che prevede l’incremento della forza lavoro nella propria azienda nel 2007 (dal 26% al 33%) e viceversa diminuiscono quelli che prevedono una riduzione (dal 23% al 18%). Se Olanda e Spagna sono i Paesi dove si profila un maggiore incremento dell’occupazione (con una differenza tra assunzioni e licenziamenti rispettivamente pari al 27% e al 24%), sono Belgio e Germania a distinguersi maggiormente grazie al passaggio da un saldo assunzioni-licenziamenti del 2005 negativo a uno positivo (rispettivamente del 21% e del 10%).

In Italia, pur rimanendo un mercato del lavoro poco dinamico (la metà dei manager è convinta che il rapporto tra assunzioni e licenziamenti rimarrà invariato), le aziende sono uscite da un saldo assunzioni-licenziamenti negativo per la prima volta dal 2000, passando da -2% nel 2005 a 9% nel 2006.

Paola Viglietti

Nuove norme in materia di conservazione digitale per i documenti fiscali (circolare n.36/E del 6/12/2006)


glo0104Martedì 30 gennaio 2007 – Conservazione digitale per i documenti fiscali

La circolare delle Entrate n. 36/E del 6/12/2006 dell’Agenzia delle Entrate secondo Barilli, direttore di Aitech-Assinform, consentirà alle imprese di ottenere risparmi. Attraverso un comunicato stampa, Federico Barilli, Direttore di Aitech-Assinform (associazione italiana per l’Information Technology), commenta la circolare delle Entrate n. 36/E del 6/12/2006 dell’Agenzia delle Entrate in tema di “Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto”.

Si tratta della possibilità di archiviare in formato digitale documenti di cui è obbligatoria per legge la conservazione e in modo particolare quelli fiscali, fino a questo momento conservabili solo in modalità cartacea.  [continua…]

Da Pmi.it la notizia qui…