Solare termico: l’eclissi deve finire


English: Installations of solar hot water inst...

La consapevolezza di essere una forza sarà per il settore la chiave di volta per la competitività. ggi a Roma, al convegno organizzato da Assolterm, si è cercato di capire quali potranno essere gli sviluppi del solare termico nell’orizzonte intermedio post 2020.

“Siamo nell’anno 2030”, cantava un famoso rapper italiano qualche anno fa, indicando un periodo temporale per l’epoca piuttosto lontano, oggi molto più prossimo a venire. Si tratta di un orizzonte temporale che, in termini di politiche energetico-ambientali, si trova all’incirca a metà delle proiezioni che la comunità internazionale individua come punto di riferimento per scadenze o obblighi da assolvere. Da una parte, infatti, c’è il raggiungimento dei target al 2020 imposti dall’Europa, dall’altra un futuro post 2020 che, sebbene in alcuni casi abbia già guardato al 2050, di fatto è piuttosto incerto. Il periodo di sicuro è piuttosto sui generis per le Fonti di Energia Rinnovabile, in generale, ma ancora di più per le rinnovabili termiche, in particolare, maltrattate rispetto alle sorelle elettriche e con potenzialità ancora troppo poco sfruttate.

English: Schematic of a direct passive (thermo...

English: Schematic of a direct passive (thermosiphon) solar water heating system (Photo credit: Wikipedia)

A cercare di capire quali potranno essere gli sviluppi di un settore, quello termico, che sembra oggi essere sull’orlo di un risveglio è stato il convegno “Come sarà il mercato del solare termico nel 2030?”, che l’Associazione italiana solare termico (Assolterm) ha organizzato questa mattina (ndr. 28 giugno 2012)  a Roma, presso la sede del Gestore dei Servizi Energetici.

L’evento cade in un momento in cui, nonostante l’inversione di tendenza rispetto al forte declino registrato fino al 2011, il mercato del solare termico europeo sente il bisogno di trovare nuovi segmenti e una nuova competitività per i prezzi. Secondo quanto emerso dalle statistiche annuali pubblicate dalla Federazione Europea dell’Industria del Solare Termico (ESTIF), infatti, attualmente la capacità totale installata in Europa ammonta a 26,3 GWth, grazie ai quali è possibile produrre circa 18,8 TWh di energia solare termica e risparmiare 13 MMT di CO2, con un fatturato che ha smosso circa 2,6 miliardi di euro nel 2011 e che offre all’industria del settore un ruolo chiave per il raggiungimento degli obiettivi fissati al 2020: 20% dei consumi di acqua calda sanitaria, riscaldamento e raffrescamento nei nuovi edifici e nelle grandi ristrutturazioni.

Da Rinnovabili.it   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

ENERGIE ALTERNATIVE: Il nuovo pannello solare? È uno spray trasparente


Solar panel. Pannelli solari fotovoltaici.

Image via Wikipedia

Alcune aziende americane, norvegesi e cinesi annunciano di aver prodotto sistemi “a pellicola” applicabili su tutte le superfici e in grado di produrre energia elettrica. Ma siamo ancora nella fase dei prototipi, solo nel 2016 la produzione reale

SAN FRANCISCO – La frontiera delle ricerca nel campo delle energie rinnovabili appartiene di sicuro alla nebulizzazione, cioé pannelli solari “spray” applicabili su qualunque superficie. Una tecnica favoleggiata già agli inizi del nuovo secolo, quella delle cellule solari che si spruzzano cioè come se fossero una lacca per capelli, che ricevette un forte impulso nel 2005 quando un gruppo di ricercatori dell’università di Toronto in Canada annunciò d’essere riuscito a produrre una plastica nanomerica. Non solo era in grado di sfruttare gli infrarossi solari per sviluppare energia elettrica, ma che per le sue proprietà chimico-fisiche poteva essere anche spruzzata sulla superficie di un edificio, di una macchina e anche dei vetri di casa come se fosse stata una vernice tradizionale.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Energia: i costi di solare e nucleare a confronto


The CNO cycle dominates in stars heavier than ...

Image via Wikipedia

L’associazione non governativa NC Warn ha realizzato un interessante studio sull’evoluzione dei costi di produzione dell’elettricità nella Carolina del Nord, mettendo a confronto i dati del nucleare a fissione e quelli dell’energia solare fotovoltaica.

Se in passato l’energia nucleare aveva costi di produzione per Kwh di gran lunga inferiori a quelli dell’energia solare, negli ultimi anni i costi della prima non hanno fatto che salire e quelli della seconda non hanno fatto che scendere.

E cosi’, secondo questo studio, nel 2010, per la prima volta, i costi di produzione di nucleare e solare sono identici, fissandosi entrambi a 0,16 dollari per Kwh per il consumatore finale.

Da Sostenibile blogsfere la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Transgreen, energia sotto il Mediterraneo


DLR studies: hypothetical infrastructure of HV...

Image via Wikipedia

Nasce Transgreen, società a cui potrebbe aderire anche Terna, dedicata a studiare l’utilità e la fattibilità di una rete di trasporto di elettricità tra le due rive del Mediterraneo.

La creazione di Transgreen rientra nel Piano solare mediterraneo che prevede la costruzione di strutture di produzione di energia a bassa CO2, in particolare solare, per 20 gigawatt entro il 2020. Una parte di questa elettricità, cinque GW, verrà esportata verso l’Europa. E per sviluppare la produzione di elettricità in siti lontani dalle aree di consumo, occorrerà allestire una rete di trasporto a lunga distanza per la trasmissione e la commercializzazione.

Sono undici le imprese interessate ad aderire a Transgreen: Edf, Rte, Areva, Nexans, Prysmian, Veolia, Atos Origin, Caisse des Dépôts, Terna, Siemens e Abengoa.

Transgreen si considera complementare al progetto tedesco Desertec. Con 17 partner industriali, tra cui Enel Green Power, il progetto mira a creare nel giro di 40 anni una vasta rete di installazioni eoliche e solari in Africa del Nord e Medio Oriente, per fornire fino al 15% dei consumi energetici europei.

Da Iam la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Fotovoltaico record, ritirato l’emendamento anti-rinnovabili


Six dish Stirling Systems developed by Schlaic...

Image via Wikipedia

La potenza installata degli impianti fotovoltaici italiani ha superato i 700 megawatt. Secondo il censimento del Gestore dei servizi energetici, che si occupa dell’incentivo, le centrali solari sono 56.285, in massima parte piccolissime istallazioni domestiche.

Le regioni con una maggiore potenza sono la Puglia (96 megawatt), la Lombardia (84) e l‘Emilia Romagna (62 megawatt), mentre il Gestore dei servizi energetici ha censito il maggior numero di impianti in Lombardia (8.630), Emilia Romagna (5.293) e Veneto (5.166).

Intanto l’emendamento di fonte governativa alla Finanziaria per il 2010, contenente drastici tagli all’incentivazione delle fonti rinnovabili, è stato ritirato, con il sollievo delle associazioni Anev, Aper, Assossolare, Federpern, Fiper, Greenpeace, Ises, Itabia, Kyoto Club e Legambiente. Secondo le associazioni, se la proposta di modifica al testo della Legge Finanziaria 2010 fosse stata accolta, il settore delle rinnovabili avrebbe subito un duro colpo.

Da Sole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Disastro ambientale in Australia


ExxonValdez

Image via Wikipedia

A 2 mesi dal guasto a un pozzo off-shore al largo dell’Australia, milioni di litri di petrolio continuano a riversarsi nel mare di Timor.

Lo rende noto la versione online del quotidiano britannico ‘The Times’, citando gli scienziati intervenuti sul posto, che parlano di un pauroso disastro ambientale paragonabile a quello causato nel 1989 dalla petroliera Exxon Valdez, che contaminò il golfo dell’Alaska con 30.000 tonnellate di greggio.

Da Saluteme la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]