Terremoto in Abruzzo – situazione ferrovie e strade


Own work.

Image via Wikipedia

AGGIORNAMENTO DEL 06/04/2009 – 18.00
(Ferrovie) .Dopo il terremoto che ha colpito la provincia dell’Aquila, resta al momento interrotta solo la tratta Sulmona – L’Aquila della linea che collega la citta peligna con Terni, che attraversa le zone maggiormente colpite dal sisma.

Nel pomeriggio è stata riaperta anche la Sulmona – Roma interrotta fra Sulmona e Avezzano, la tratta Terni – L’Aquila e la linea Sulmona – Carpinone.

(Strade) Resta interrotta l’autostrada A24 Roma – Teramo fra Tornimparte e Assergi per facilitare i soccorsi alla zona interessata dal sisma. Sull’intero tratto dell’A24 e A25 è interdetto il traffico ai mezzi pesanti.

L’Arpa, che collega con i bus Roma all’Aquila, per oggi ha interrotto il servizio all’Aquila, compresi i collegamenti con la capitale.

Il Governo, attraverso il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, intervenuto alla Camera, ha annunciato che saranno spostati all’Aquila da Roma 8 vetture letti, una carrozza ristorante e un treno da 500 posti per poter ospitare gli sfollati. Un altro convoglio sarà spostato da Pescara.

Da FOL News la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Terremoto: notte in bianco per molti romani


Provinces of Lazio.

Image via Wikipedia

La scossa delle 3.32 ha svegliato l’intera città. Molta gente è scesa in strada per timore di nuovi terremoti soprattutto nella zona. Dal Lazio pronti a partire 200 volontari, allertati gli ospedali.

Roma e i romani sono stati svegliati nel cuore della notte dal terremoto che ha colpito L’Aquila e l’Abruzzo. In tutta la città, da Nord a Sud, la gente si è riversata per strada per la paura di nuove scosse.

La zona dove la scossa si è sentita maggiormente è quella est della Capitale. Il direttore della Protezione civile del Lazio Maurizio Pucci non ha parlato di danni a Roma e in provincia, ma solo di tanta paura soprattutto tra i cittadini dei paesi vicini.

Il Lazio è pronto ad offrire il proprio contributo in termini di uomini e mezzi per supportare l’Abruzzo in questa grave emergenza.

Da Romatoday.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Ed. Starordinaria:: Rassegna stampa :: Terremoto in Abruzzo: decine di morti, paesi distrutti


Location of Abruzzo in Italy

Image via Wikipedia

Terremoto in Abruzzo: decine di morti, paesi distrutti
molti dispersi tra le macerie. Caos all’ospedale dell’Aquila
“Io, sepolto per tre ore e tirato fuori a mani nude”

Il sisma, di magnitudo 6,3 Richter (8-9 Mercalli), ha colpito poco prima delle 3.30. Castelnuovo descritto come un ammasso di macerie, Onna rasa al suolo. Migliaia di sfollati. All’Aquila ha ceduto un albergo e parte della Casa dello studente: un morto. Si scava sotto un palazzo. Case tremano anche a Roma. Bertolaso: “Peggior tragedia del millennio”. Solidarietà di Napolitano. Il Papa: “Prego per i bimbi morti”
Da La Repubblica.it la notizia qui…

Paesi distrutti, edifici rasi al suolo: 31 i morti accertati ma il bilancio è destinato a salire
Paesi distrutti, edifici rasi al suolo: 31 i morti accertati ma il bilancio è destinato a salire
Da Corriere.it la notizia qui…

E ancora…

Nei giorni scorsi allarme inascoltato – video
Parla il tecnico: “Ora Bertolaso chieda scusa”
Da settimane preoccupazione a L’Aquila per i fenomeni sismici. Gioacchino Giuliani aveva lanciato l’avviso. Ne è nata una violenta polemica ed è stato denunciato per procurato allarme. Ora è lui che accusa

Da settimane preoccupazione a L’Aquila per i fenomeni sismici. Gioacchino Giuliani aveva lanciato l’avviso. Ne è nata una violenta polemica ed è stato denunciato per procurato allarme. Ora è lui che accusa
Da Repubblica.it la notizia qui…

L’ESPERTO CHE AVEVA LANCIATO L’ALLARME
«Si poteva prevedere tutto»
Audio: «Loro lo sapevano»
L’esperto denunciato per l’allarme: «Prevedo un terremoto disastroso»

10:00 CRONACHE Giampaolo Giuliani, ricercatore dei laboratori del Gran Sasso, aveva lanciato l’allerta, scatenando la psicosi: «Ci sarà un sisma disastroso». Ripreso da Bertolaso e denunciato per procurato allarme L’allarme del ricercatore: l’articolo di Corriere.it
Da Corriere.it la notizia qui…

Ancora..

Terremoto in Abruzzo, decine di morti e dispersi sotto le macerie
Un terribile terremoto ha scosso questa notte, attorno alle 3:30, il Centro Italia, con epicentro in Abruzzo, provocando la morte di almeno 31 persone e il crollo di almeno diecimila case ed edifici all’Aquila e provincia. Al terremoto hanno fatto seguito altre scosse di assestamento, di minore ma comunque eccezionale intensità, che non sono ancora cessate. Il bilancio delle vittime provocate dalla scossa di 6,3 gradi sulla scala Richter che ha colpito alle 3:30 stanotte, è destinato a salire. All’Aquila è crollata parte della Casa dello Studente (sette ragazzi ancora sotto le macerie), e il campanile di una chiesa nel centro cittadino, mentre crolli ed edifici lesionati si sono registrati in diverse paesi della provincia. Una delle situazioni più drammatiche sarebbe da segnalare a Onna (6 morti), dove oltre la metà delle case è stata devastata e una parte della montagna è completamente crollata, a Paganica (6 morti, con il centro storico completamente distrutto), a Tempera, a Castelnuovo.
Da Panorama.it la notizia qui…

“Fra rispondimi ti prego”: dopo il sisma, alla ricerca di notizie su internet

Reblog this post [with Zemanta]

Roma, sviluppo, ambiente: convegno in Campidoglio, con le associazioni


Capitoline Hill

Image by DennisSylvesterHurd via Flickr

Ambiente, economia, risparmio energetico, gestione dei rifiuti, compatibilità tra crescita e tutela del territorio: sono i temi del convegno dal titolo “Proposte per Roma: territorio, qualità della vita, sviluppo sostenibile”, sabato 14 marzo in Campidoglio, sala della Protomoteca, dalle 9,30 alle 13,30.

Il meeting, presieduto dal consigliere comunale Dario Rossin, ha una peculiarità: la presenza, accanto a quella di esperti e studiosi, di numerose associazioni civiche, le cui idee e proposte fanno da ‘materia prima’ al dibattito. In discussione, nuove iniziative per il risparmio energetico e lo sviluppo a basso impatto ambientale. [continua…]

Da Comune di Roma la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Roma – Bilancio 2009: niente fondi per i prolungamenti della linea B1


Replica of the equestrian statue of Marcus Aur...

Image via Wikipedia

La giunta approva il bilancio di previsione per il 2009. La spesa corrente sarà di 3,51 miliardi di euro. Priorità per le opere già in cantiere. Niente da fare per i tratti Conca d’Oro-Jonio e Rebibbia-Casal Monastero

E’ stato approvato ieri in serata il bilancio di previsione del 2009 del Comune di Roma. Un bilancio “da anno zero” l’ha definito il Sindaco Alemanno, “un punto di partenza di partenza di un nuovo ciclo amministrativo”, ha commentato l’assessore Ezio Castiglione.

La spesa prevista del Comune per il 2009 sarà di 3, 51 miliardi euro. Gli investimenti previsti per il triennio 2009-11 ammontano invece a 3 miliardi e 230 milioni di euro. Tra le voci di spesa corrente le principali sono: politiche sociali (605 milioni), educative e scolastiche (477 milioni), trasporto pubblico (789 milioni) e polizia locale (347 milioni). Per quanto riguarda gli investimenti il Campidoglio ha deciso di dare priorità alle opere già messe in cantiere in precedenza e finanziate con l’indebitamento. Al 2009 saranno destinati 1 miliardo e 900 milioni, al 2010 circa 817 milioni e infine al 2011 poco meno di 513 milioni. A questi, si aggiunge l’anticipo delle linee di credito previste dal bilancio di assestamento 2008 pari a circa 1,2 miliardi di euro.

La scelta di dare priorità al già “cantierizzato” implica dei cambiamenti per quel che riguarda la politica del trasporto pubblico locale. I nuovi investimenti finanzieranno la realizzazione della linea C e la linea B1 per la tratta Bologna-Conca d’Oro. Infatti, spiegano dal Campidoglio, per il prolungamento della linea B1 tra Conca D’Oro e Jonio, e della B tra Rebibbia e Casal Monastero “non c’è copertura e quindi non saranno realizzate”.

Si può parlare quindi di progetto messo in cantiere? [continua…]

Da Romatoday.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Parco del Circeo, lo scempio del lago di Paola


Sabaudia

Image by Macorig Paolo via Flickr

Vale la pena di soffermarsi su questa storia che riguarda il Parco Nazionale del Circeo, un’area verde a soli 90 chilometri da Roma che si estende lungo il litorale tra coste, dune e laghi.

Una vicenda tipicamente italiana fatta di cemento e speculazione che prevede un fantomatico “Programma di riqualificazione e fruizione sostenibile del lago e del canale di Paola promosso dalla Provincia di Latina. E, udite udite!, che comprende, fra le altre cose, un canale percorribile dagli yacht di grandi dimensioni.

Ora, mi chiedo io, ma vi sembra possibile che all’interno di un parco nazionale ci sia spazio per gli yacht? Bé, pare proprio di sì. E non solo.

Nella darsena del lago “sono stati costruiti svariati manufatti, a terra, connessi all’attività di ormeggio (fornitura di acqua ed elettricità sui pontili, servizi di sollevamento di barche, officina meccanica, scuola di sci nautico, un ristorante, un bar, il deforestamento di ampie aree appartenenti al Parco nazionale del Circeo al fine di consentire il parcheggio delle autovetture e una boutique), tutti privi del permesso di costruire e delle autorizzazioni correlate ai vincoli esistenti”. Tutte queste strutture (una scuola di sci nautico?!) sono state costruite grazie a un’autorizzazione concessa dalsindaco di Sabaudia nel 1984, e rinnovata solo l’anno successivo, che attualmente risulta scaduta.

Quindi nessuna valutazione di impatto ambientale o autorizzione paesaggistica, né tantomeno un nulla-osta o autorizzazione dell’Ente parco. Ora sentite questa: la banchina in legno sul lago prevede l’attracco per 500 imbarcazioni. Peccato che nel lago ci sia un divieto di navigazione per le imbarcazioni a motore… [continua…]

Da VerdeNero la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]