Televisione: “AMBIENTE ITALIA” SI OCCUPA DI FRANE E INQUINAMENTO


Rai Tre logo

Image via Wikipedia

Dalla terra che frana all’inquinamento dei fiumi: un viaggio nelle più recenti emergenze ambientali italiane, per capire i perché, per ipotizzare rimedi.

Lo propone “Ambiente Italia”, il settimanale della Tgr curato da Carlo Cerrato e Beppe Rovera, in onda sabato 6 marzo alle 14.50 su Raitre. In diretta dal paese di Maierato, in Calabria, colpito da una recentissima frana, Beppe Rovera incontra – insieme a geologi, tecnici e rappresentanti del Wwf e di Legambiente – il vice capo della Protezione Civile, Bernardo De Bernardinis. In collegamento da Erto, poco distante da un luogo simbolo come il Vajont, inoltre, lo scrittore Mauro Corona.

Tra le tappe del viaggio nel dissesto idrogeologico italiano, la Liguria, Ischia e San Fratello, nel messinese, dove una frana ha recentemente invaso il centro del paese. Ma l’obiettivo e’ anche sul Lambro e sul Po, alla scoperta dei danni della grande marea di petrolio che ha inquinato le acque dei due fiumi e si e’ spinta fino all’Adriatico.

Da Ambiente Italia la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Presadiretta: “Sole, vento alberi”. L’energia da fonti rinnovabili e’ la grande scommessa per l’ambiente


Riccardo Iacona

Image by Simone Ramella via Flickr

Tornano le inchieste di “PRESADIRETTA”. Riccardo Iacona e la sua squadra di inviati tornano con la trasmissione di inchieste e reportage. Di nuovo in onda da domenica 31 Gennaio a domenica 7 Marzo 2010, su Rai Tre, alle ore 21.10

“Sole, vento alberi”. L’energia da fonti rinnovabili e’ la grande scommessa per l’ambiente e il volano dell’economia nei prossimi anni. In Germania e Austria le leggi vigenti hanno incentivato gli investimenti di che vuole produrre elettricità dal sole, dal vento e da materiali di scarto delle lavorazioni del legno. E in Italia? Un piano nazionale non c’e’, le regioni si danno regole spesso contraddittorie. Chi vuole investire onestamente nelle energie alternative si trova di fronte a difficoltà insormontabili.

Da Presadiretta la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

M’ILLUMINO DI MENO 2010


Cirri e Solibello

Image by darkmavis via Flickr

M’ILLUMINO DI MENO 2010
Giornata del Risparmio e dell’Evoluzione Energetica

Il 12 febbraio 2010 si festeggia in veste completamente rinnovata la sesta edizione di “M’illumino di meno”, la Giornata del Risparmio e dell’Evoluzione Energetica lanciata dalla popolare trasmissione radiofonica Caterpillar.

Dopo il successo degli anni passati, che ha visto l’adesione di migliaia di ascoltatori e di intere città in Italia e all’estero, il “silenzio energetico” simbolico cui abbiamo invitato tutti si trasforma in una festa dell’energia pulita.

In questi anni, grazie al supporto di istituzioni, scuole, associazioni, aziende e privati cittadini, abbiamo contribuito alla diffusione di una maggior consapevolezza sulle conseguenze del consumo indiscriminato di energia: la riduzione degli sprechi e l’attenzione alle fonti alternative sono diventate parole d’ordine familiari per i nostri ascoltatori.

Sulla scia di questa nuova sensibilità, è giunto il momento di fare un passo avanti rispetto allo spegnimento simbolico in nome del risparmio e di proporre un’accensione virtuosa all’insegna dello sviluppo delle energie rinnovabili.

In questi anni abbiamo imparato a risparmiare, ora impariamo a produrre.

Allo stadio attuale della ricerca tecnologica è già possibile produrre energia con il sole, il vento, il mare, il calore della terreno o con le biomasse. Facendo appello all’inesauribile ingegno italico invitiamo tutti, dagli studenti ai precari, dalle aziende in crisi alle amministrazioni comunali, a misurarsi con la green economy adottando un sistema pulito per accendere tutti insieme le luci il 12 febbraio 2010.

L’intento è duplice: da un lato verificare in prima persona che le tecnologie attualmente disponibili sono efficaci e rappresentano alternative realistiche, dall’altro dare un segnale simbolico di fiducia nelle energie rinnovabili e nello sviluppo di un modello di economia sostenibile.

Da RAI Caterpillar M’illumino di meno 2010 la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

E’ morto Mike Bongiorno, addio al papà della televisione: il ricordo dei concittadini milanesi


È MORTO MIKE BONGIORNO :-((((

Image by Roberto Rizzato ►pix jockey◄ Facebook resident via Flickr

La notizia ha iniziato a diffondersi intorno all’ora di pranzo: Mike Bongiorno è morto improvvisamente per un arresto cardiaco nella sua casa di Montecarlo.

Aveva 85 anni. Silvio Berlusconi ha così commentato la sua scomparsa: “E’ morto un grande amico”. Il presentatore, al secolo Michael Nicholas Salvatore, è stato l’intrattenitore per eccellenza della televisione italiana, dalla Rai a Mediaset fino a Sky dove a breve sarebbe tornato con “RiSkyTutto” insieme a Fiorello.

Era il papà della tv italiana e del quiz come ricorda Festival. Reality&Show ripercorre tutta la sua carriera. Qui invece trovate il ricordo di Format, Torino 2.0, Reporters, Rush Hour, Dietrolequinte.

Il Corriere ha raccolto i ricordi dei suoi vicini: Mike viveva in Via Giovanni da Procida 10, zona Sempione. Come riporta il quotidiano appena ha iniziato a diffondersi la notizia i passanti hanno incominciato a fermarsi attorno alla sua abitazione.

Una scomparsa improvvisa, come racconta la sua segretaria:

“Non voglio parlare, non voglio dire niente, l’ultima volta l’avevo sentito al telefono, stava benissimo”

Da Milano 2.0 la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]