MILANO: Nuovo Ecopass: 5 euro per tutti, per i residenti 40 ingressi gratis


Milano – Presentato il nuovo Ecopass, che partirà il 16 gennaio 2012: arriva la Congestion Charge, 5 euro per tutti a entrata. Sconti residenti e commercianti. I dettagli

Ecopass traffic sign delimiting restricted are...

MILANO NUOVO ECOPASS: LE CARATTERISTICHE

  • Orari: 7.30 – 19.30 lun-ven in fase sperimentale per 18 mesi dal 16 gennaio 2012.
  • Divieti: No accesso per pre euro benzina e fino euro 3 diesel.
  • auto elettriche: Elettrici sconto 100%.
  • Costo: 5 euro per tutti gli altri veicoli eccetto quelli adibiti a trasporto di cose.
  • Esenzioni: Deroga fino 31 dicembre 2012 per gpl, metano, bifuel e ibride. Esenzioni per disabili, corpo consolare, polizia, croce rossa ecc.
  • Agevolazioni: Agevolazioni per i residenti non ancora decise (probabilmente 40 ingressi gratis e poi 2 euro a ingresso).

LE FACILITAZIONI

Veicoli adibiti a trasporti di cose:

  • 5 euro comprese 2 ore di sosta, oppure 3 euro senza facilitazioni sulla sosta.
  • I veicoli per trasporto di cose con diesel euro 3, di pubblica utilità, potranno entrare.
  • Nuovi stalli dedicati a carico scarico merci
Milano o San Francisco?

Image by Luca Zappa via Flickr

Da Milano Today   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

MOBILITA’: Milano, via alla congestion charge 5 euro al giorno per l’auto in centro


La giunta Pisapia vara l’Area C e manda in pensione l’Ecopass della Moratti. Quaranta ingressi gratuiti per i residenti nella Cerchia dei Bastioni e agevolazioni per i commercianti.

Giuliano Pisapia Sindaco di Milano

Image by br1dotcom via Flickr

Via libera da Palazzo Marino alla congestion charge a Milano. La giunta del sindaco Giuliano Pisapia cambia l’Ecopass, introdotto ai tempi di Letizia Moratti, introducendo una tassa di 5 euro per tutti i veicoli che transiteranno nella Cerchia dei Bastioni. Il provvedimento entrerà in vigore il 16 gennaio 2012 e si chiamerà Area C. Il nome della nuova area di pedaggio che soppianterà l’Ecopass dopo quattro anni è stato annunciato da Pisapia al termine della riunione di giunta: “Ecopass non esiste più”, ha detto il sindaco. “E pensare che adottiamo questo provvedimento per fare cassa è sbagliato”.

I commercianti potranno optare per i primi mesi, a titolo sperimentale, fra il ticket scontato a 3 euro senza sosta gratuita e i 5 euro con 2 ore di sosta gratuita. I residenti, invece, avranno diritto a 40 ingressi gratuiti l’anno: dal 41esimo in poi pagheranno 2 euro. “Lo spirito del referendum è stato pienamente rispettato, siamo soddisfatti tranne che per la deroga per i commercianti che non funziona e speriamo che tra sei mesi, quando sarà ridiscussa, verrà tolta”, ha commentato il presidente della commissione Ambiente, Carlo Monguzzi.

Ecopass

Image by alt-os via Flickr

Da Repubblica.it   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Caccia ai soldi spriti della Zincar indagato l’ex direttore generale


Quando i parenti si manifestano mediante una c...

Image by pierofix via Flickr

La Guardia di Finanza nella sede della società partecipata dal Comune che ha lasciato un “buco” da 18 milioni di euro e negli uffici della Price Waterhouse. Indagato l’ex direttore generale

È partita la caccia ai milioni di euro ingurgitati dalla famelica Zincar. Ieri mattina, una pattuglia del Nucleo regionale di polizia tributaria, su ordine del pm Alfredo Robledo, ha fatto «visita» alla sede della società a controllo comunale dichiarata fallita a fine maggio (il buco oscilla tra i 14 ei 18 milioni di euro).

Perquisizioni che arrivano nello stesso giorno in cui il sindaco e la direzione generale di Palazzo Marino informano la giunta di voler tentare l’estrema carta, quella della richiesta al tribunale di un concordato fallimentare per la società per permettere al Comune di terminare la commessa più importante affidata a Zincar – la realizzazione del Centro permanente per la sicurezza urbana di via Drago – entro il 31 dicembre, data oltre la quale il Comune dovrebbe restituire all’Unione Europea quasi 3 milioni e 600mila euro di finanziamenti.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Elezioni 2009 – Parla il Partito pirata italiano: “Felici per la Svezia, qui ci vorrà più tempo”


festa dei pirati

La loro baia è stata attaccata, loro si sono vendicati con un arrembaggio al galeone del parlamento europeo. Il “Partito pirata” è riuscito a strappare un seggio grazie al sorprendente 7% guadagnato in Svezia. Eppure gli svedesi non sono gli unici “hacktivist” (hacker attivisti) che hanno deciso di buttarsi in politica: in tutta Europa è nata una “Internazionale” dei pirati.

E anche in Italia c’è un loro “covo” il loro segretario si chiama Alessandro Bottoni. Nei video in cui appare in barba bianca e giubba rossa non ha l’aspetto minaccioso di un corsaro ma quello di un tranquillo consulente informatico di mezza età. Si è candidato come indipendente con Sinistra e Libertà, nella circoscrizione nord-est.

Com’è andata?
Come ci aspettavamo, niente di eclatante. Ma è una battaglia che andava fatta, andrà meglio la prossima volta

Contento per il risultato dei “pirati” svedesi?
Sì, eccome. Dimostra la differenza di sensibilità sui temi della cultura digitale, del copyright, della privacy e dell’uso di internet tra i paesi nordici e quelli del sud

Da Panorama.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Zincar, dossier sui 14 milioni perduti


{{de|Fiat Doblo, Modell 2006, Ausstattungsvari...

Image via Wikipedia

I liquidatori accusano: nessun controllo sulle spese, sponsorizzazioni ingiustificate. Dura analisi sulla società di Comune e A2A: affitti e stipendi d’oro, niente documenti. Sparita perfino un’auto

MILANO – È sparito tutto. Anche una delle tre Fiat Doblò immatri­colate dalla società. Il fascico­lo firmato dai liquidatori An­gelo Provasoli e Angelo Casò conferma che la storia di Zin­car, società a capitale quasi in­teramente pubblico che avreb­be dovuto occuparsi di ener­gie rinnovabili e che pesa per 14 milioni di euro di passivo sulle tasche dei milanesi, è co­stellata da buchi neri e caren­ze gestionali.

Si parla infatti di una socie­tà «che non aveva attivato i più elementari strumenti di programmazione e controllo della produzione». E, spiega­no i liquidatori, «in assenza di adeguati strumenti di control­lo gestionale è normale che si generino inefficienze anche si­gnificative ». Ancora? «Manca­va in azienda una puntuale sti­ma dei costi totali previsti in fase di sottoscrizione dei disci­plinari e di partitura delle com­messe. Veniva omesso l’aggior­namento periodico dei costi preventivi. Anche l’attività ne­goziale risultava approssima­ta. L’oggetto delle commesse era descritto in modo generi­co».

Inutile dire che gli archivi di Zincar non contengono car­te che ricostruiscano l’evolu­zione degli accordi sulle com­messe «sia nei contenuti tecni­ci e/o nei costi e nei corrispetti­vi». La conseguenza di questa allegra visione aziendale è in euro

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano – La Zincar affonda nei debiti scoperto un buco da 18 milioni


Forza Italia

Image by jon|k via Flickr

Diciotto milioni di euro di perdite patrimoniali. C’è un buco nero nei conti della Zincar, la società per le energie alternative controllata dal Comune e gestita, fino alla richiesta di liquidazione, da Vincenzo Giudice, consigliere di Forza Italia.

Cattiva gestione, consulenze d’oro, maxi-finanziamenti gestiti allegramente: c’è di tutto nella relazione dei liquidatori presentata ieri in giunta

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Fa la Cosa Giusta – Milano Fiera


FieraMilano complex

Image via Wikipedia

A Milano, dal 13 al 15 marzo 2009, presso le sedi di Milano Fiere si svolgerà la “Fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili”.

Organizza la fiera l’associazione Terre di Mezzo che da più di 10 anni lavora per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sui temi del consumo critico, dell’economia solidale, degli stili di vita.

Quest’anno alla fiera saranno trattate tematiche come il consumo critico e consapevole, la salvaguardia dell’ambiente, soluzioni e proposte concrete per affrontare e superare la crisi alimentare ed economica. L’evento sarà un’occasione d’incontro e di scambio per chi sostiene la sostenibilità sociale, ambientale, economica. Ingresso 4 euro per l’acquisto del catalogo.

Informazioni Utili
Tel: +39 02 83242426
Fax: +39 02 83390251
http://www.falacosagiusta.org
info@falacosagiusta.org [continua…]

Da Scopridovequando.com la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]