Progetto Tandem. Anche il ciclismo sportivo per la mobilita’ ciclabile in sicurezza


Rick Flens, Giro d` Italia 2010 - The Netherlands.

Image by dirkjankraan.com via Flickr

Il Presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Renato di Rocco, ed il Coordinatore della Consulta Nazionale della sicurezza stradale, Silvano Miniati, alla presenza del Presidente del CNEL, Antonio Marzano, hanno formalizzato un accordo di collaborazione per lo sviluppo di un programma di azioni a favore della sicurezza stradale e della promozione della mobilità in bicicletta denominato TANDEM.

Obiettivo del progetto Tandem è strutturare un concreto piano di interventi volti allo sviluppo della mobilità in bicicletta e a una significativa diminuzione dei costi sociali causati dall’attuale situazione di scarsa sicurezza per gli utenti della bicicletta.

Il progetto parte da uno studio diffuso dalla Commissione europea, DG Ambiente: se anche in Italia, andare in bici risulta il più sicuro mezzo di trasporto cittadino (il fattore di rischio è 50 volte inferiore a quello automobilistico) nelle maggiori città italiane gli incidenti mortali di ciclisti sono da 2 a 5 volte più numerosi di quelli delle corrispettive aree urbane del resto d’Europa.

I costi economici e sociali di questo ritardo infrastrutturale (oltreché culturale) sono quantificati dallo stesso studio in 5,7 miliardi di euro l’anno (circa lo 0,4% del PIL). Un onere aggiuntivo per gli enti locali e per lo Stato cinque volte superiore ai tagli operati al settore sociale nell’ultima finanziaria.

Da Cittainbici la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

L’ORTO BIO CONQUISTA L’AMERICA Tutti pazzi per l’orto della Casa Bianca


Shahela and Obama

E’ bastato vedere Barack, Michelle e figliolette alle prese con le zappe per scatenare negli Stati Uniti la corsa ai semi di ortaggi.

Wal Mart – la catena di ipermercati più diffusa in America – registra rispetto all’anno scorso un incremento delle vendite pari al 30%, mentre i negozi specializzati in sementi arrivano anche al +75% (vedi articolo su La Nuova Ecologia).

Oramai tutti sanno che la famiglia Obama ha conquistato gli Stati Uniti (e forse un po’ tutti noi). E potevamo quindi immaginare l’inevitabile influenza del loro stile di vita sui comportamenti quotidiani degli statunitensi. Del resto, cosa simile era già accaduta ai tempi di Roosvelt, quando l’allora first lady Eleanor aveva lanciato la moda del “Victory Garden”: frutta e verdure fai-da-te avevano raggiunto un grado di diffusione talmente elevato da contribuire al 40% della produzione nazionale.

Da My Ecologia la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Andate su Zoes, una sorta di Facebook davvero sostenibile


This hanout image obtained May 1, 2009 from My...

Image by AFP/Getty Images via Daylife

Forse non diventerà famoso come Facebook, ma ora esiste un nuovo social network. Si chiama ‘Zoes – zona equo-sosyenibile’ (www.zoes.it) e il suo obiettivo è di diventare un punto di riferimento per persone, enti, associazioni, e gruppi interessati allo sviluppo sostenibile, il commercio equo e solidale, le risorse energetiche alternative.

Su Zoes è possibile creare una pagina personale, trovare oppure inserire notizie di eventi, convegni e campagne. C’è poi ‘Buonmercato’, il negozio virtuale per lo shopping equo, e nella zona ‘Wiki’ si trova l’enciclopedia dell’ecosostenibilità, dove ogni utente può inserire contenuti, rispettando una carta etica di comportamento.

Da Solleviamoci la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]