Milano – Pre-Cipe, via libera al pacchetto-Expo «Sbloccati i fondi, partono i metrò»


warp#2: Metro

Image by bass_nroll via Flickr

La linea 4 avrà 21 stazioni su una linea lunga 15,2 chilometri. Ok al­lo stanziamento dei finan­ziamenti per Tangenziale esterna, Pedemontana e linee 4 e 5 del metrò.

MILANO – Una talpa sotto Linate: lo sca­vo della linea 4 del metrò parti­rà dall’aeroporto e, nella miglio­re delle ipotesi, i cantieri apri­ranno nella primavera 2010. Il secondo lotto della M5, invece, dovrebbe prendere forma già entro l’anno con espropri e ope­re preliminari. Il pre-Cipe di ie­ri ha approvato i due progetti e il Cipe di oggi dovrebbe confer­mare i fondi: il governo finan­zia il pacchetto di opere Expo con 5,8 miliardi di euro (di cui 1,2 miliardi per i metrò). Nel­l’elenco figurano anche Pede­montana (via a gennaio), Tem, il collegamento Lecco-Berga­mo e il metrò di Brescia.

Eliminata la M6, Milano avrà due nuove linee sotterranee en­tro il 2015. I cantieri del primo tratto M5, nove fermate da Gari­baldi a Bignami, sono già in fa­se avanzata. Ieri, il pre-Cipe ha promosso anche il secondo troncone, dal cimitero Monu­mentale allo stadio di San Siro: 6,7 chilometri e 10 stazioni per un investimento di 657 milioni (il 40 per cento dei fondi dallo Stato, il resto dagli enti locali).

La linea 4 avrà 21 stazioni su 15,2 chilometri di tracciato. La prima tratta, da San Cristoforo al Policlinico (13 fermate, 7 chi­lometri: 790 milioni) colleghe­rà il sud-ovest al centro con 13 stazioni. Ieri, il pre-Cipe ha ap­provato la seconda tratta, 8 sta­zioni da San Babila a Linate, 7,7 chilometri interrati: sarà un me­trò «leggero» senza conducen­te per 60 mila passeggeri l’ora.

[…]E i tempi? «Gli scavi archeologici per la M4 sono già stati completati, as­segneremo insieme primo e se­condo lotto. Nel primo seme­stre 2010 avvieremo i cantieri», assicura l’assessore comunale Edoardo Croci: «Quanto alla M5, daremo continuità alle ope­re in corso». Una talpa via l’al­tra. Ma si farà in tempo per l’Expo? «Dobbiamo farcela».

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano mobilità – Metro Linea 4: si farà solo da Linate a piazzale Dateo?


MILANO - Metropolitana Linea Rossa (Duomo) 4

Image by Ambrosiana Pictures via Flickr

Milano – Pare che ci sia qualche problema per i fondi della Linea 4 della Metropolitana Milanese: il Cipe infatti continua a non sbloccare i finanziamenti, che invece sembrano essere a posto per la Linea 5 e la Linea 6.

Il problema più concreto, riguardo a questi ritardi, è che per l’Expo 2015 – mancano cinque anni, ormai – non ce la si farà mai a completare le opere.
Con 14,5 km di gallerie di scavare, i tempi sembrano ridotti, per non ridurre il centro di Milano ad un cantiere colabrodo davanti al pianeta: quindi una delle soluzioni prospettate anche da Palazzo Marino è quella di modificare il percorso, riducendolo, e portandolo semplicemente da Linate a piazzale Dateo. E poi, dopo l’esposizione, terminare.

Il progetto iniziale, prevedeva che la Linea 4 partisse dall’aeroporto di Linate per arrivare fino alla Stazione Trenitalia di San Cristoforo: nel mezzo una serie di fermate centralissime, come il Policlinico – via Sforza – via De Amicis, p.za Vetra.

In sintesi: se non arrivano i soldi, a breve si sceglierà di incasinare solo l’area più lontana dal centro.

Da o2blog.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Expo/ Un deroga al Patto di stabilità per fare le metro


People against...

Image by kinitta via Flickr

Milano – L’incertezza sui fondi per l’Expo potrebbe finalmente finire. Come? Attraverso una deroga al patto di stabilità per Milano. Deroga di cui in passato hanno beneficiato Catania, Roma e Torino.

Il governo, infatti, sta pensando ad una norma ad hoc da inserire nella Finanziaria del 2010. Una sorta di lascia passare per realizzare almeno le opere essenziali necessarie per presentarsi con le carte in regola all’appuntamento del 2015. La situazione potrebbe sboccarsi rapidamente, si dice entro la fine dell’anno, mentre una legge speciale per l’Expo potrebbe incontrare più ostacoli ed essere bloccata in parlamento dagli emendamenti. Intanto a Palazzo Marino si aspetta con fiducia visto che anche per l’assessore al Bilancio Giacomo Beretta considera la deroga al Patto di stabilità la soluzione migliore per valorizzare l’Esposizione universale.

Con la deroga al patto infatti il Comune potrebbe reperire tra i 500 e i 600 milioni di euro necessari per realizzare le linee 4 e 5 della metro. Per quanto riguarda l’intera copertura finanziaria della manifestazione permangono dubbi e incertezze: dal governo sono in arrivo 1,4 miliardi di euro spalmati in sei anni.

Da Affaritaliani la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]