Inquinamento, Formigoni indagato dai pm di Milano


Roberto Formigoni

Image via Wikipedia

Conferenza stampa al pirellone: «E presto anche da L’Aquila, per la Casa dello Studente». Inchiesta sullo sforamento dei limiti del Pm10: avvisi di garanzia anche a Letizia Moratti e Guido Podestà.

MILANO – «Eccolo, eccolo il tanto desiderato, agognato, scongiurato avviso di garanzia al presidente Formigoni è arrivato. Consegnato stamattina in base a presunte violazioni dell’articolo 674 intitolato “getto pericoloso di cose in luogo pubblico”». Con queste parole, pronunciate in tono ironico, il presidente della Regione Formigoni si è rivolto ai giornalisti in una improvvisata conferenza stampa convocata per le 16.30 al Pirellone e trasmessa in diretta da c6.tv.

Sotto accusa il piano di azione regionale per la riduzione dell’inquinamento atmosferico. L’avviso di garanzia è partito dalla Procura di Milano, e riguarda un’inchiesta su ambiente e inquinamento. Avvisi di garanzia sono stati recapitati anche al sindaco Letizia Moratti e al presidente della Provincia Guido Podestà.

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Inaccettabile l’art. 4 del decreto anti-crisi. Prestigiacomo: “Norma deleteria per l’ambiente e per la salute dei cittadini”


ROME - MAY 15:  Newly appointed environment mi...
Image by Getty Images via Daylife

L’Articolo 4 del decreto “anti-crisi” approvato dalle Commissioni Finanze e Bilancio della Camera, sopprime di fatto il ruolo del Ministero dell’Ambiente nel delicato iter autorizzativo per la realizzazione di centrali di produzione e per le reti di distribuzione di energia, ed esautora ogni ruolo degli enti locali.

Si tratta di un provvedimento di inaudita gravità, inaccettabile per chi, in questa legislatura, ha sbloccato nel rispetto della normativa ambientale, in pochi mesi, centinaia di pratiche Via che paralizzavano la realizzazione di importanti opere per lo sviluppo del paese.

Né la legge obiettivo, né la recente normativa approvata nel gennaio 2009 sui commissari straordinari per le opere strategiche hanno mai escluso le tutele ambientali e della salute dei cittadini, imposte dal diritto comunitario, che invece, con questo articolo, passerebbero ad un unico soggetto che da solo, si pretende, dovrebbe sostituire le competenze dei 60 esperti della Commissione Via-Vas, e dei 20 della Commissione AIA nonchè di professionalità capaci di coniugare tutela ambientale e sviluppo.

“Chiedo – afferma il ministro Stefania Prestigiacomo – modifiche sostanziali a questo articolo e denuncio il metodo attraverso il quale Ministeri non competenti in questa materia sono diventati, in nome della semplificazione, portabandiera di una norma deleteria per l’ambiente, per la salute dei cittadini, e persino per la stessa semplificazione perché fonte certa di contenzioso amministrativo e comunitario e quindi di blocchi delle procedure”.

“Questa norma – rileva inoltre il Ministro Stefania Prestigiacomo – potrebbe perfino applicarsi alle centrali nucleari. Francamente, con il lavoro puntuale e trasparente svolto finora proprio in materia di autorizzazioni ambientali per gli impianti energetici, mi chiedo: una norma simile a chi giova?”

Roma, 21 luglio 2009

Da Minambiente.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Edifici pubblici siciliani a rischio


Municipio di Messina - HDR

Image by Al Ianni via Flickr

Aggiornamento ! – Purtroppo il rischio degli edifici a Messina era noto. Note soprattutto le condizioni strutturali degli edifici. Come conferma un articolo postato tempo addietro pubblicato in occasione del terremoto abruzzese. Perchè gli “effetti” degli eventi naturali non sempre sono imprevedibili.

Pubblicato il 17 aprile 2009:

La lista nera degli edifici pubblici siciliani rivela indici di sicurezza al di sotto della norma. In caso di forte sisma pochissime le strutture resisterebbero. Nella lista nera anche l’Ospedale Piemonte. Una lista, apparsa su Repubblica, non rincuora Messina. La Protezione Civile avrebbe avviato una lunga serie di controlli su strutture pubbliche in Sicilia, per verificare la i requisiti antisismici, guarda caso solo adesso vengono pubblicate.

Un elenco che allarma: 276 edifici pubblici siciliani ricadenti in zone ritenute ad alto rischio sismico, solo cinque strutture superano la soglia di stabilità, una sola quella che in caso di terremoto garantisce la stabilità dell’edificio. Ben 45 sembrano costruiti con la sabbia (di mare?). Nella lista nera 17 strutture nella provincia di Messina. L’Ospedale Piemonte ha nove padiglioni al di sotto della soglia di sicurezza. Totalmente a rischio l’ex presidio ospedaliero Mandalari.

Alcune chiese di Messina crollerebbero in caso di scossa tellurica. Dal maggio del 2008 ad oggi questa lista è rimasta nei cassetti della Protezione civile e tirata fuori all’indomani della tragedia che ha colpito l’Aquila.

Da Associazione Salute la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Energizzando/ Abruzzo, ora case anti-sismiche ed ecosostenibili


Corno Grande, the Gran Sasso Massif's and Ital...
Image via Wikipedia

Lo so, dire che il terremoto è un’occasione forse è un po’ forte e non è certo mia intenzione mancare di rispetto a quanti in Abruzzo stanno vivendo una tragedia. Perché di questo si tratta.

Anche se le scosse continuano e l’emergenza non è certo finita, le polemiche sulla titolarità delle colpe è già iniziata. Colpe di chi non ha dato credito a chi il terremoto lo aveva previsto, colpe di chi anni fa non ha costruito edifici pubblici con criteri antisismici nonostante la tecnologia ed il know-how fosse già disponibile, colpe di chi non si è mosso nonostante le scosse fossero iniziate da parecchi giorni prima di quella micidiale.

A questo punto bisogna pensare al futuro. E farlo con cognizione di causa per non ripetere gli errori del passato. Non si tratta di un colpo di spugna perché chi ha sbagliato in passato dovrà pagare e comunque gli errori servono ad imparare e migliorare ed è meglio non dimenticarli mai. Però ora è forse il caso di sfruttare al massimo l’occasione che si è presentata per intervenire sulle città e sui borghi e ritirarli su con criteri moderni e di efficienza energetica oltre che, è ovvio, con strutture anti-sismiche che si convengono ad una zona a rischio come quella abruzzese.

Da Affaritaliani.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

TERREMOTO – SI CERCANO LE CAUSE DEI CROLLI Sisma, inchiesta sui materiali edilizi


L'AQUILA, ITALY - APRIL 10:  Relatives and res...
Image by Getty Images via Daylife

Sotto esame il cemento, i mattoni e le procedure usate per costruire gli edifici danneggiati dal terremoto

L’AQUILA – Materiali usati per la costruzione, cemento, sabbia, mattoni, ma anche le procedure seguite nella realizzazione degli edifici lesionati dal terremoto: si occuperà di tutto questo l’inchiesta aperta dalla procura dell’Aquila dopo il sisma che ha sconvolto l’intera città.

Il fascicolo c’è e per ora non ci sono nomi. Ed il procuratore della repubblica del’Aquila non ha voluto precisare le ipotesi di reato formulate dagli inquirenti, ma quella di disastro colposo sembra scontata. Di certo c’è che la procura dovrà acquisire gran parte del materiale contenuto negli archivi. «Per ora non ci è stato chiesto niente – ha detto all’ANSA il sindaco Massimo Cialente – ma tutti i documenti sono ovviamente a disposizione».

Da La Stampa la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Napolitano sui crolli in Abruzzo: “Tutti si facciano un esame di coscienza”


Giorgio Napolitano

Image via Wikipedia

“Ho voluto rendermi conto della realtà de L’Aquila e dell’Abruzzo all’indomani del terremoto”. Sono le parole con cui il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al termine della mattinata passata in mezzo alle popolazioni terremotate, ha spiegato perché è andato a trovare gli abbruzzesi duramente colpiti dal sisma di domenica notte.

Anche se il capo dello Stato è voluto andare in Abruzzo in maniera sobria. Senza cerimoniale, con una sicurezza ridotta al minimo e cercando di evitare, per quanto possibile, i cronisti. E nonostante la forma senza pompa magna, la sostanza è quella di chi rappresenta la nazione: “Lo Stato oggi c’è fortemente, ma – ammonisce e promette – deve continuare ad esserci anche domani”. Poi, parlando dei crolli degli edifici di recente costruzione, è durissimo: “Tutti devono farsi un esame di coscienza che non conosce assolutamente coloriture e discriminanti politiche perché ci sono state irresponsabilità diffuse”.

Da Panorama.it   la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Il terremoto in abruzzo Eroi e vecchi camion, le due Italie


ONNA, ITALY - APRIL 06:  A team of rescuers se...
Image by Getty Images via Daylife

Fantastica dedizione e piccoli egoismi, i contrasti (storici) di un Paese in emergenza

[…] Il gran Sas­so, lassù in alto, domina severo. L’impre­sario edile Bruno Canali, ai margini di quella Onna in cui le ruspe scavano sol­chi tra le montagne di macerie per rico­struire il tracciato delle vecchie strade, mostra il suo villino: «Non c’è una cre­pa ». Spiega che l’ha costruita seguendo «tutti i criteri antisismici». A pochi me­tri, le altre case si sono sgretolate. Da lui non è caduto un soprammobile.

Come fai a non arrabbiarti, a guardare le foto­grafie della biblioteca della scuola ele­mentare crollata a Goriano Sicoli o, peg­gio ancora, dell’ospedale (l’ospedale!) dell’Aquila? Sono anni che si sa come si dovrebbe costruire, nelle aree a rischio.

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]