Ciclabile sul Corridoio della mobilità Laurentina? Denuncia all’Assessore Marchi


Tevere ciclabile

Image by zio Paolino via Flickr

Onorevole Assessore Sergio Marchi,
eravamo pronti a complimentarsi con Lei, per il corridoio della Mobilità ad Anagnina, dove avete inserito la ciclabile; come previsto dalla legge regionale 13/90 e la legge nazionale 366/98; leggiamo che nel corridoio della mobilità era prevista la ciclabile, non menzionata nell’articolo che abbiamo letta nel sito del Comune di Roma.

Le chiediamo? Dobbiamo farle i complimenti per aver mantenuto un impegno preso nel recente passato: ” nei Corridoi della Mobilità, abbiamo inserito la ciclabile”: oppure dovremo denunciare alla magistratura questa inadempienza di leggi e sopratutto non vogliamo denunciare che l’Assessore alla Mobilità è Inaffidabile. Nell’attesa di una sollecita risposta sul merito, restiamo fiduciosi che l’articolo nel sito sia incompleto, carente sopratutto sulla progettazione e nella realizzazione della ciclabile.

Il mondo sta cambiando, la cultura europea sulla mobilità sostenibile, propone finanziamenti per la realizzazione e progettazione di spazi riservati in sede propiria o promiscua; il comune di Roma ci aveva informati che gli assessori competenti: mobilità, ambiente, lavori pubblici e urbanistica, lavoravano in sinergia, speriamo di vedere questa collaborazione in attività per realizzare quel sogno :”Roma Ciclabile”.

Per conoscenza abbiamo inoltrato questa denuncia, al Sindaco, all’Assessore Ambiente e alla stampa; chiaramente alle associazioni ciclistiche e ambientalistiche, distinti saluti.

Roma, 25 settembre 2009
Maurizio Santoni Portavoce del Coordinamento Roma Ciclabile
c/o Legambiente Lazio http://www.roma-ciclabile.org

Roma, 25 settembre – L’assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Sergio Marchi, il presidente e l’amministratore delegato di Roma Metropolitane, Gianni Ascarelli e Federico Bortoli, hanno inaugurato nell’area di via Francesco de Suppਠ(adiacente al nodo di scambio Eur Laurentina) il cantiere dei lavori per i nuovi Corridoi del trasporto pubblico Eur-Mezzocammino Tor de’ Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria . Per leggere questo articolo vai su: Inaugurati i cantieri dei “corridoi del trasporto pubblico” nei quartieri a sud dell’Eur

Da Roma ciclabile la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Roma – Bike sharing: 10 comandamenti per un flop annunciato


Roma Bike Sharing

Image by Hong Kong dear Edward via Flickr

A beneficio dei lettori vecchi e nuovi che affluiranno qui dal sito romano del Corriere della Sera che oggi ci dedica un articolo, vogliamo elencare per chiarezza, trasparenza e brevità quale sia la situazione attuale del bike-sharing romano. Con una premessa, tuttavia: a Roma da giugno 2009 non c’è alcun bike-sharing. Ma procediamo per punti:

  1. a giugno 2008 a roma inaugura uno scadente servizio sperimentale di bike-sharing gestito da cemusa, multinazionale spagnola: poche stazione, poche bici, poca integrazione coi mezzi pubblici…
  2. nonostante tutto il servizio ha un buon successo di pubblico, raggiungendo e superando i 3000 abbonati nella piccola area del centro storico servita dalle stazioni
  3. alla fine del periodo di sperimentazione viene a lungo menato il can per l’aia finché cemusa non è costretta a rinunziare; il comune passa la gestione del servizio ad atac
  4. immediatamente atac ‘suicida’ il servizio. a roma si passa da un bike-sharing scadente ad una cosa che bike-sharing non è: eliminando la prima mezz’ora gratuita (presente in tutti i bike-sharing del mondo) e togliendo il disincentivo a tenere a lungo la bicicletta (ogni mezz’ora costa uguale alla precedente, il prezzo non sale con il tempo), il servizio si trasforma in un banale e patetico ciclo-noleggio
  5. continua…

Vedi anche: Bikesharing, tre mesi e non decolla i blogger all’attacco del servizio Atac.

Da Bike sharing Roma la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

ANNUNCIO DELLA COMPAGNIA – Nuova Alitalia: il nostro hub a Fiumicino È la sconfitta di Malpensa


FCO: Taxing

Image by Air Force One via Flickr

L’Ad Rocco Sabelli e il presidente Roberto Colaninno: «Presto accordo con Adr, Roma sarà la base principale»

È finito dopo dieci anni il derby Fiumicino-Malpensa. Dopo una lunga guerra che nel tempo ha portato al trasferimento di numerose rotte sullo scalo lombardo, la nuova Alitalia ha scelto: l’aeroporto romano «Leonardo da Vinci» sarà la principale base operativa della compagnia.

A giorni verrà sottoscritto un accordo quadro con Adr relativo a infrastrutture e servizi aeroportuali. A ufficializzare la scelta di Fiumicino come scalo primario della compagnia, sono stati oggi i vertici di Alitalia, il presidente Roberto Colaninno e l’amministratore delegato Rocco Sabelli, nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il sindaco di Fiumicino, Mario Canapini, il presidente dell’Enac Vito Riggio e il presidente di Adr Fabrizio Palenzona. E la scelta di puntare su Fiumicino, hanno annunciato Sabelli e Colaninno, si concretizzerá nei prossimi giorni proprio con la firma di un accordo quadro con la societá che gestisce gli aeroporti romani.
[…]
MILANO – La decisione di Alitalia lascia l’amaro in bocca a Milano. Il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati subito commenta che «i soldi del Nord vanno a finanziare il Sud».

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]