Maltempo, la situazione della circolazione ferroviaria


Frecciarossa

Image by agenziami via Flickr

Nella giornata odierna su 430 treni programmati per la media-lunga percorrenza, i provvedimenti di cancellazione interessano circa il 5% dei convogli. Cancellazioni anche per il 6% dei 7700 treni del trasporto regionale.

Roma, 22 dicembre 2009 Nonostante il perdurare del maltempo nelle regioni dell’arco alpino, Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, oltre che in Emilia Romagna, la circolazione ferroviaria in tutte queste aree sta continuando a garantire i collegamenti fra le città pur con ritardi e alcune cancellazioni.

Nella giornata odierna su 430 treni programmati per la media-lunga percorrenza, i provvedimenti di cancellazione interessano circa il 5% dei convogli. Cancellazioni anche per il 6% dei 7700 treni del trasporto regionale.

Da Fsnews la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Gorizia – Sabato mega protesta dei ciclisti


Gorizia 09 maggio 2009

Image by Marco Gentili via Flickr

Gorizia – Mega manifestazione dei ciclisti per chiedere più tutele e spazi dedicati a chi si muove in bicicletta.

Si terrà sabato 10 ottobre, con ritrovo alle 17 in piazza Battisti, la pedalata dimostrativa che ha l’obiettivo di “sensibilizzare i nostri amministratori ad avere una migliore considerazione e tolleranza nei confronti di questa coraggiosa categoria che non inquina, è silenziosa, non disturba il traffico e soprattutto, fatte le debite proporzioni, non rappresenta il “vero pericolo” come si vorrebbe far credere”.

Questo il messaggio lanciato dal gruppo spontaneo di cittadini che ha dato vita all’evento e che ha chiesto il sostegno di Bora.La per promuovere la manifestazione.

Da Bora.La la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Il 68% dei Comuni Friuli Venezia Giulia sono a rischio idreogeologico, secondo Legambiente


Piazza dell'Unità my love! #4

Image by Chiara Marra via Flickr

Presentata oggi l’indagine ”Ecosistema Rischio 2009” realizzata da Legambiente e dal Dipartimento di Protezione civile.

I comuni del Friuli Venezia Giulia a rischio idrogeologico sono il 68%. Mentre il 77% delle amministrazioni comunali sottoposte ai quesiti hanno evidenziato di avere abitazioni in zone golenali e in aree a pericolo frana.

A commentare questi e altri dati, Paola Tartabini, potavoce Operazione Fiumi (il documento qui..) . “Questi numeri dimostrano come lo sviluppo urbanistico non abbia tenuto conto del rischio e del delicato assetto idrogeologico, come confermano anche i recenti eventi alluvionali nella Carnia. Infatti, sebbene il 91% delle amministrazioni monitorate preveda nei propri piani urbanistici vincoli di edificabilità per le zone a rischio, un abbondante di comuni (il 77%, ndr) presenta abitazioni nelle aree golenali. È evidente, quindi, che questi vincoli devono essere ulteriormente rafforzati”.

Da Bora.La la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

“Bora.La” a Gorizia si muove in bici


Gorizia, Piazza Transalpina

Image by nick1915 via Flickr

Gorizia. I ciclisti goriziani radunano le forze. Creano un nocciolo duro di convinti sostenitori della mobilità sostenibile. Si organizzano e propongono una manifestazione a sostegno della creazione di piste ciclabili.

Il progetto resta ancora tale, ma l’obiettivo è quello di incontrarsi in sella alla propria bicicletta e percorrere le strade del centro per dimostrare che i gorizian-ciclisti esistono e chiedono la realizzazione di piste ciclabili. O per lo meno chiedono di essere maggiormente tutelati di fronte allo strapotere delle automobili.

Non è una critica agli amministratori, anche perchè cadrebbe nel vuoto di fronte al nulla fatto dalle giunte comunali che si sono susseguite negli ultimi anni. Una manifestazione propositiva, piuttosto che di protesta, che vedrà anche la partecipazione dell’anima goriziana di Bora.La a sostegno della causa. La redazione si fa quindi contenitore di adesioni e proposte: goriziaoggi@gmail.com.

Da Bora.La la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Trieste: Ansaldo punta su una centrale eolica nel Golfo


Golfo di Trieste

Image by enzus via Flickr

Fornirebbe energia sufficiente a 10mila famiglie e darebbe lavoro a un centinaio di operai specializzati

TRIESTE. Un impianto di produzione di energia eolica potrebbe sorgere nel golfo di Trieste con lo stabilimento per realizzarne i componenti situato a Monfalcone. Il progetto è stato illustrato ieri dai responsabili della Ansaldo Sistemi Industriali e della Società Bulloneria Europea al presidente della commissione infrastrutture del Consiglio regionale, Alessandro Colautti.

Si tratta di piattaforme off-shore, per certi aspetti simili a quelle petrolifere, che consentirebbero la produzione totale di 30 megawatt di energia (il corrispettivo del consumo annuo di circa 10 mila famiglie) che verrebbero immessi nella rete distributiva parallelamente a quelli prodotti con le fonti tradizionali. Le piattaforme , consistenti in una base da cui si erge una «torre» che capta il vento tramite un’elica, verrebbe realizzato a terra nello stabilimento monfalconese per poi venire trasportato al largo dove la base viene sommersa sott’acqua lasciando emersa soltanto la «torre».

«L’impianto verrebbe installato ad almeno 15 miglia dalla costa [continua…]

Da Il Piccolo la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]