E il vento continua a soffiare: entro il 2014 eolico a 409 GW nel mondo


World installed wind power capacity, past and ...

Image via Wikipedia

Entro il 2014 la capacità mondiale di potenza energetica installata toccherà i 409 GW contro i 158,5 GW di fine 2009, con un tasso di crescita del 21% all’anno. Lo prevede il Gewc, l’associazione internazionale che rappresenta il settore dell’industria eolica.

E nello stesso anno il mercato del vento potrà contare su oltre 60 GW installati in 12 mesi, in costante crescita dai 38,3 GW del 2009. I dati sono tutti contenuti nel “Global Wind 2009”, il rapporto che la Gewc ha presentato alla European wind energy conference (Ewec 2010) che si è tenuta di recente in Polonia, a Varsavia.

“Nonostante la recessione globale e l’importante crisi finanziaria che stiamo attraversando, l’energia eolica continua a essere la tecnologia più scelta in molti paesi del mondo – ha commentato Steve Sawyer, segretario generale di Gwec: – è pulita, affidabile e veloce da installare.

E quindi si tratta della soluzione più interessante per il miglioramento della sicurezza, la riduzione delle emissioni di CO2 e la creazione di migliaia di posti di lavoro”.

Da L’eco pensiero la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Vuoi un impianto eolico gratis, con la piena garanzia sul fatto che si ripaghi da se’ e ti faccia guadagnare da subito?


Free Tibet

Oggi e’ possibile grazie alla legge Prodi per la quale Berlusconi, dopo tante insistenze da parte del movimento ecologista, ha finalmente emanato i decreti attuativi.

Innanzi tutto chiariamo che stiamo parlando di mini eolico. Cioe’ impianti con potenza dai 20 ai 100 kilowatt e un supporto di 10-25 metri di altezza. Non stiamo parlando cioe’ dei mega impianti da 3 megawatt che hanno dimensioni enormi.

Il meccanismo e’ sostanzialmente simile a quello del solare fotovoltaico (ma piu’ semplice, non ci sono tariffe differenziate, non c’e’ doppio contatore). Si trova una banca che finanzi l’installazione di una pala eolica (impropriamente detta mulino a vento), mentre per la durata di 15 anni lo Stato paga un incentivo che al momento e’ di 30 centesimi di euro per ogni kilowatt prodotto: la produzione, diversamente che nel meccanismo fotovoltaico, viene completamente ceduta alla rete.

In Italia una pala eolica da 25 kW situata in buona posizione puo’ produrre dai 40.000 ai 60.000 kilowattora all’anno. Quindi, se la banca concede il prestito, e’ possibile installare un impianto eolico senza sborsare un centesimo e, grazie all’incentivo dello stato, non solo ammortizzare l’investimento in 15 anni, ma trovarsi anche ad avere da subito un utile economico. Teoricamente meraviglioso.

Da Jacopo Fo la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

ANEV INCONTRA IL PRESIDENTE DELLA REGIONE SARDEGNA UGO CAPPELLACCI


Parque Eólico Degracias

Image by leorolim via Flickr

IL PRESIDENTE UGO CAPPELLACI HA RICEVUTO UNA DELEGAZIONE DELL’ANEV E DELLA UIL CHE HANNO POTUTO ESPORRE LO STUDIO SUL POTENZIALE EOLICO NAZIONALE E REGIONALE CHE VEDE LA SARDEGNA TRA I TERRITORI MAGGIORMENTE PREDISPOSTI ALLO SFRUTTAMENTO DELL’ENRGIA EOLICA. NELL’INCONTRO ESTREMAMENTE POSITIVO SI E’ POSTO IN RISALTO DA PARTE DEL PRESIDENTE ANEV ORESTE VIGORITO COME SOLO CON NORME TRASPARENTI E CERTEZZA DEL DIRITTO GLI IMPRENDITORI POSSONO TORNARE AD INVESTIRE IN SARDEGNA, MENTRE IL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL PAOLO CARCASSI HA EVIDENZIATO I SIGNIFICATIVI RISVOLTI OCCUPAZIONALI CHE LA REALIZZAZIONE DEL POTENZIALE AL 2020 PUO’ GARANTIRE

Da Anev la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Quanta energia buttata al vento


The Kingdom of Italy as it existed at the asce...

Image via Wikipedia

L’Italia ha un bisogno vitale di fonti energetiche che riducano la dipendenza da gas e petrolio. Deve anche abbassare le emissioni di anidride carbonica.

Per questo ha abbracciato con entusiasmo l’energia del vento, che risolve entrambi i problemi. E così i campi eolici sono spuntati come funghi nell’arieggiato Mezzogiorno: la capacità produttiva installata ora è di 3.700 megawatt e dovrebbe raggiungere i 9.600 entro il 2014.

Peccato che molti di questi impianti non possano immettere tutta la loro produzione nella rete elettrica, in alcuni casi devono tagliarla addirittura del 50 per cento. Può anche tirare la bora, ma le pale vanno fermate. La ragione: la rete esistente non può assorbire tutta l’energia.

Da Panorama.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Eolico: Mire ambiziose sul vento in Toscana


Peace wind offshore

Image via Wikipedia

19 marzo 2009 – Sull’eolico la Toscana ha mire ambiziose. Secondo il Piano energetico regionale, entro il 2020 dovranno essere installati 300 MW eolici. A oggi, però, come sottolinea un articolo de La Nazione, siamo ad appena un sesto dell’obiettivo: 45,5 MW megawatt in cinque parchi distribuiti nelle province di Pisa, Grosseto e Arezzo.

Ma sarebbero in arrivo, sempre secondo il quotidiano toscano, almeno altri 16 parchi eolici. Il più ambizioso di questi è previsto al largo di Rosignano Marittimo (Livorno). Un parco eolico off-shore, con dodici torri alte 80 metri per una potenza di 5 MW l’una, poste a tre miglia dalla costa.[continua…]

Da Zeroemission.tv la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]