Novità Giugno 2011 Convegni “Green Building and Re-building Philosophy” in Bulgaria


Borovetz_30.jpg

Image via Wikipedia

Novità Giugno 2011 Convegni in Bulgaria
Il programma dei convegni in Bulgaria prevede un business tour nelle città di Sofia, Kyustendil e Borovetz, visita ai cantieri edili e incontro con imprese di costruzioni bulgare.


E’ possibile scaricare le schede dei singoli convegni:
Sofia 10-06-2011 “Le nuove opportunità legate alla Green Building Philosophy”, Kyustendil 11-06-2011 “Le nuove opportunità legate alla “Green Re-building Philosophy” e infine il programma di viaggio con i trasferimenti e le tappe del business tour: “Programma Bulgaria 9-12 giugno 2011 – Building e Re-building green philosophy”.


Approfondisci e iscriviti
su Deamaltea.it:   tutte le info qui…

Enhanced by Zemanta

Rinnovabili: Da eolico italiano “briciole di energia” per “oltre 4000 MW”


Legambiente

15 luglio 2009 – La migliore risposta alle accuse fuori controllo contro l’eolico è la notizia che “in Italia si è superata la soglia di 4mila MW”, “esattamente 4067, in circa 250 Comuni italiani su 8 mila”. Legambiente replica con la forza dei numeri a chi sostiene che il contributo dell’energia del vento sia trascurabile.

Per l’associazione il Belpaese ha ben altri problemi: Invitiamo i detrattori dell’eolico – scrive in un comunicato – sicuramente disinformati e con un evidente strabismo rispetto alla situazione ambientale del Paese, a leggersi i nostri ultimi rapporti sulle Ecomafie e sull’abusivismo costiero, sulle 6mila cave attive e 10mila abbandonate in Italia e ad andarsi a fare un giro per i cantieri autostradali nel Nord Italia e nelle periferie delle città italiane: 3 milioni di alloggi costruiti negli ultimi 10 anni di cui il 10 per cento abusivi.

Forse capirebbero qualcosa dei veri problemi del paesaggio italiano e supererebbero un approccio snobistico e superficiale a questioni vere”.

Da Zeroemission.tv la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

LETTERA APERTA DELLE ASSOCIAZIONI AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SILVIO BERLUSCONI SULLE TEMATICHE CLIMA ED ENERGIA


Berlusconi silvio

Image via Wikipedia

ANEV INSIEME AD AIEL, ASSOLTERM, FEDERPERN, FIPER, GIFI, GREENPEACE ITALIA, GSES, ISES ITALIA, ITABIA, KYOTO CLUB, LEGAMBIENTE E WWF ITALIA HA INVIATO UNA LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SILVIO BERLUSCONI AFFINCHE’ PROSEGUA NELL’ATTIVITA’ DI SVILUPPO DI POLITICHE VOLTE AL MIGLIORAMENTO E ALLO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE PULITE NELL’AMBITO DELLA LOTTA ALLE EMISSIONI.

IN PARTICOLARE LE ASSOCIAZIONI AUSPICANO UNA AZIONE DEL NOSTRO PAESE MAGGIORMENTE COORDINATA CHE, CON VOCE UNIVOCA, POSSA AUTOREVOLMENTE RAPPORTARSI A LIVELLO INTERNAZIONALE PER LA DEFINIZIONE DI UNA POLITICA CONDIVISA SU QUESTE TEMATICHE OGGI CONDIVISE ANCHE DAGLI STATI UNITI D’AMERICA DEL PRESIDENTE OBAMA

ALL’INTERNO IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA INVIATA

Onorevole Silvio Berlusconi
Presidente del Consiglio dei Ministri
Palazzo Chigi
Piazza Colonna, 370
00187 Roma

Gentile Presidente del Consiglio, Desideriamo sottoporre alla Sua attenzione le seguenti considerazioni. Premesso che:

la Conferenza Internazionale sul Clima che si terrà a Copenhagen dal 7 al 18 dicembre 2009, avrà il compito di definire una serie di obiettivi e di strumenti per contrastare il cambiamento climatico (il cosiddetto “post-Kyoto”, più propriamente “post-2012”);

il Presidente degli Stati Uniti ha invitato il 28 marzo scorso, le sedici maggiori economie mondiali, l’Unione europea e le Nazioni Unite a partecipare a un Forum sul cambiamento climatico, al fine di facilitare il raggiungimento di un accordo alla Conferenza di Copenhagen;

l’obiettivo del Forum è pervenire a una proposta condivisa di alto profilo, da approvare nel corso dall’incontro conclusivo di tutti i Paesi invitati, che avrà luogo in Italia, alla Maddalena, in luglio, in concomitanza con il G8 da Lei presieduto;

Lei ha dato una risposta positiva alla lettera con cui il Presidente degli Stati Uniti La informava dell’iniziativa;

la prima riunione preparatoria del Forum avrà luogo a Washington il 27 e 28 aprile p.v., e l’Italia che presiederà il G8, sarà chiamata a svolgervi un ruolo di primo piano;

desideriamo esprimerLe la nostra preoccupazione per la concomitanza fra il caloroso assenso da Lei dato all’iniziativa del Presidente degli Stati Uniti (che di fatto teneva conto della migliore conoscenza scientifica attualmente disponibile in merito, riaffermata tra l’altro dall’International Climate Congress di Copenaghen del 10-12 marzo scorso e da tutte le pubblicazioni scientifiche presentate dopo la pubblicazione del IV Rapporto IPCC) e la mozione approvata dal Senato il 2 aprile scorso che, sulla base di affermazioni scientifiche non condivise dalla grande maggioranza dei climatologi, nella sostanza mette in dubbio o comunque ridimensiona i rischi non solo ambientali, ma anche economici del riscaldamento del pianeta.

Da Anev la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Deamaltea sarà presente al 5th International Congress & Exhibition for South-East Europe (Sofia, Bg)


300px_ee-congress2009-eng-1Il 6-7-8 aprile 2009 Deamaltea sarà presente a Sofia, capitale della Bulgaria, alla 5° fiera delle Energie Rinnovabili e dell’Efficienza Energetica.

Durante i meeting e le conferenze si terranno importanti incontri internazionali con i principali players del settore delle energie verdi.

In particolare Deamaltea si occupa di  sviluppo di campi eolici e fotovoltaici in Bulgaria, dove è già presente con una società di diritto bulgaro e una sede propria con uno staff internazionale, bulgaro e italiano ( Deamaltea Bulgaria – 6100 Kazanlak – 11, Ham Krum Str.)

Per maggiori info la brochure del 5th International Congress & Exhibition for South-East Europe.

Da Viaexpo.com la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Elettricità rinnovabile: parere della Commissione all’Italia per il mancato riconoscimento di alcune garanzie d’origine


Saint Patrick's Day Matches

Image by Bob.Fornal via Flickr

La Commissione europea ha inviato ieri un parere motivato all’Italia per il mancato riconoscimento di alcune garanzie d’origine di altri Stati membri dell’UE. Si esorta l’Italia ad adottare entro due mesi le misure necessarie a conformarsi alla direttiva. [continua…]

Da Kyoto club la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]