L’intervista – Forattini: «restituire a Milano il verde e l’aria pulita»


MILAN, ITALY - OCTOBER 02:  Giorgio Forattini ...
Image by Getty Images via Daylife

L’artista: «Sto con Piano. Più alberi e strade in galleria». «Progettiamo una città vivibile, con meno traffico».

«Io metterei gli alberi in tutto corso Buenos Aires. Mi chieda perché».
Perché?
«Non solo perché rendono piacevole e più vivibile la strada. C’è anche la questione ossigeno, che è importante: le piante abbattono e molto l’inquinamento. Il traffico, in corso Buenos Aires, è terribile».
Lo sa, Forattini, che in molti sostengono la necessità di una rivoluzione verde e rapida a Milano: da Claudio Abbado a Renzo Piano, a Guido Rossi…
«È una cosa positiva. Il verde e la cultura — penso al teatro Puccini restaurato e appena inaugurato — riscattano questa Milano abbastanza incolta, e non romantica. Gli alberi, poi, sono una vecchia questione, se vuole ne parliamo».
Giorgio Forattini è nella sua casa di via Spallanzani, in zona Baires. Il tempo d’un caffè, preparato dalla moglie Ilaria, e poi eccolo, un romano molto milanese, 79 anni a giorni, vignettista caustico, matita graffiante:
«Io ricordo corso Buenos Aires con gli alberi, da bambino. Era una strada splendida».

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]
Annunci

Milano – Polveri sottili di nuovo oltre i limiti. Vertice tra Comune e Regione sul blocco


Comune di Milano

Image via Wikipedia

Continua l’estensione dell’Ecopass agli Euro 4 e 5 diesel senza filtro. La Moratti incontrerà il governatore Formigoni per decidere su un’eventuale seconda domenica a piedi.

MILANO – Dopo la tregua concessa martedì, mercoledì l’inquinamento a Milano è tornato sopra i livelli di guardia. A questo punto torna a farsi avanti l’ipotesi di un nuovo blocco del traffico domenica, prima annunciato, poi dato come improbabile dal vicesindaco De Corato. E continua l’estensione dell’Ecopass agli Euro 4 e 5 diesel. La Moratti nel pomeriggio incontrerà il governatore Formigoni per decidere se Milano bloccherà la circolazione anche domenica prossima.

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano: ecco tutti i progetti ecologici in vista dell’Expo 2015


Milan {{lang|it|Milano}}

Image via Wikipedia

La città di Milano si appresta ad un restyling in proiezione 2015: l’obiettivo è Expo “Nutrire il pianeta Energia per la vita” e soprattutto dare un’immagine moderna e pulita di sé, e dell’Italia tutta, che verrà proiettata nel resto mondo.

Rifiuti sottoterra – Una delle idee più innovative su cui Milano investirà viene dalla Svezia e punta a rinnovare seriamente il ciclo della gestione dei rifiuti. Stiamo parlando del sistema di gestione dei rifiuti urbani del futuro, la raccolta pneumatica: un tubo all’interno del quale viene inserita la spazzatura differenziata e che spara i rifiuti sottoterra alla velocità di 79 km/h direttamente dai punti di raccolta allo stoccaggio.

Stoccolma, e precisamente il quartiere ecologico di Hammarby Sjostad, è stata la prima a introdurre questo sistema innovativo, seguita a ruota da Copenaghen, Barcellona, Madrid, Bilbao e Siviglia.
Il progetto verrà attuato nella zona di Citylife dei Navigli e in tutta l’area dove si svolgerà l’Expo.

Da Yeslife.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Inquinamento – Milano: Fedrighini e Montalbetti vogliono occupare il Comune


MILANO - NUIR Nucleo Intervento Rapido (01)

Image by Ambrosiana Pictures via Flickr

Milano – Pronti a occupare oggi il consiglio comunale per l’emergenza smog, i capigruppo dei Verdi, Enrico Fedrighini, e di Milano Civica, Carlo Montalbetti.

Fedrighini e Montalbetti hanno deciso di restare in aula a oltranza, tutta la notte per “sollecitare l’inerte amministrazione a intervenire sul fronte antismog”. Nessuna intenzione di bloccare i lavori dell’assemblea, precisa Fedrighini: “Non vogliamo fare carnevalate, ne’ bloccare i lavori dell’aula. Quando il presidente dichiarera’ chiusa la seduta, noi annunceremo la nostra decisione. Resteremo in aula tutta la notte per predisporre la distribuzione pubblica integrale di un documento rimasto finora secretato: l’Analisi di rischio della popolazione milanese esposta all’inquinamento da traffico”.

Dai due capigruppo la richiesta all’amministrazione e’ appunto di render noti i contenuti dello studio a disposizione del Comune e in rapporto a questi di prendere provvedimenti urgenti.

Da Affaritaliani.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Un miliardo in meno per l’Expo il governo taglia il metrò 6


Letizia Moratti

Image by Forum PA via Flickr

Per le opere di Expo arrivano anche i tagli dei soldi già previsti: almeno un miliardo che viene tolto dai fondi già impegnati per destinarlo alla ricostruzione in Abruzzo, ha confermato il viceministro Roberto Castelli.

All’appello mancavano già due miliardi di euro. Ma adesso per le opere di Expo arrivano anche i tagli dei soldi che invece c’erano. Almeno un miliardo che viene tolto dai fondi già impegnati per destinarlo alla ricostruzione in Abruzzo, ha confermato il viceministro Roberto Castelli. Per l’Esposizione significa rinunciare a infrastrutture considerate strategiche come la nuova linea 6 della metropolitana, che avrebbero dovuto aiutare a trasportare i 29 milioni di visitatori previsti. Oggi, intanto, un nuovo cda della società del 2015. Sul tavolo il compromesso sulla sede, ma anche nuove tensioni annunciate sul bonus dell’a mministratore delegato Lucio Stanca e sul piano finanziario del 2009.

Tagli alle opere. In cima alla lista c’è la M6, la nuova linea del metrò, che dovrebbe collegare Bisceglie a via Castelbarco. Il risparmio è di 871 milioni, soldi che — si assicura — verranno comunque spesi per la nuova linea del metrò in un imprecisato futuro. Ma è lo stesso viceministro leghista a confermare che ci sono altre opere da depennare per far fronte all’e mergenza Abruzzo. Slitta anche il prolungamento della strada statale Varesina fino al sito dell’Expo, costo 200 milioni. M6 e tratto sud della Varesina sono ancora ferme allo studio di fattibilità, ed è per questo che si è deciso di posticiparle.

Le parole di Castelli però allontano ancora di più altri due progetti già a rischio perché ancora non totalmente finanziati, le nuove linee 4 e 5 del metrò. E i prolungamenti della M2 da Cologno a Vimercate (539 milioni) e della M3 da San Donato a Paullo. C’è un altro buchetto: 18 milioni di extracosti rispetto a quanto preventivato per il prolungamento della M2 da Famagosta ad Assago, il governo copre solo tre milioni. E il completamento del progetto rimane bloccato.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano – «Deroghe e filtri, Ecopass inutile»


MILANO - Cartello ECOPASS Area (01)

Incontro riservato in Comune. I tecnici: i permessi sono un bluff, le auto non pagano e inquinano di più. I diesel Euro 4 non riducono i veleni

MILANO – Da una parte del tavolo se­devano i tecnici del Comune. Di fronte c’erano i delegati di tutti i produttori di auto stra­niere in Italia. L’incontro ha chiarito l’inconsistenza (su ba­si scientifiche) delle deroghe all’Ecopass che Palazzo Mari­no ha concesso alle vetture diesel Euro 4. Quella deroga è un cavallo di battaglia per i settori del Pdl che spingono per un Ecopass «morbido», che non scontenti troppo dal punto di vista elettorale.

Se pe­rò si tiene presente l’obiettivo primario del ticket (ridurre l’inquinamento e proteggere la salute dei milanesi), le cose cambiano. Le macchine diesel Euro 4 sono infatti esentate dall’Ecopass perché si attende l’omologazione dei filtri an­ti- inquinamen­to da applicare alle marmitte. I produttori han­no però spiega­to che il merca­to si sta orien­tando su un tipo di filtri che avrebbe un’effi­cacia molto limi­tata nel ridurre le emissioni di Pm10. In sostanza: anche con i filtri, in base allo smog pro­dotto, le auto diesel Euro 4 do­vrebbero comunque pagare 5 euro per entrare nei Bastioni. Resterebbero auto molto in­quinanti. Allora, si chiedono i critici e gli ambientalisti, «che senso ha continuare a far cir­colare liberamente quelle au­to, che stanno annullando gli effetti positivi del ticket?».

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]