Solare termico: l’eclissi deve finire


English: Installations of solar hot water inst...

La consapevolezza di essere una forza sarà per il settore la chiave di volta per la competitività. ggi a Roma, al convegno organizzato da Assolterm, si è cercato di capire quali potranno essere gli sviluppi del solare termico nell’orizzonte intermedio post 2020.

“Siamo nell’anno 2030”, cantava un famoso rapper italiano qualche anno fa, indicando un periodo temporale per l’epoca piuttosto lontano, oggi molto più prossimo a venire. Si tratta di un orizzonte temporale che, in termini di politiche energetico-ambientali, si trova all’incirca a metà delle proiezioni che la comunità internazionale individua come punto di riferimento per scadenze o obblighi da assolvere. Da una parte, infatti, c’è il raggiungimento dei target al 2020 imposti dall’Europa, dall’altra un futuro post 2020 che, sebbene in alcuni casi abbia già guardato al 2050, di fatto è piuttosto incerto. Il periodo di sicuro è piuttosto sui generis per le Fonti di Energia Rinnovabile, in generale, ma ancora di più per le rinnovabili termiche, in particolare, maltrattate rispetto alle sorelle elettriche e con potenzialità ancora troppo poco sfruttate.

English: Schematic of a direct passive (thermo...

English: Schematic of a direct passive (thermosiphon) solar water heating system (Photo credit: Wikipedia)

A cercare di capire quali potranno essere gli sviluppi di un settore, quello termico, che sembra oggi essere sull’orlo di un risveglio è stato il convegno “Come sarà il mercato del solare termico nel 2030?”, che l’Associazione italiana solare termico (Assolterm) ha organizzato questa mattina (ndr. 28 giugno 2012)  a Roma, presso la sede del Gestore dei Servizi Energetici.

L’evento cade in un momento in cui, nonostante l’inversione di tendenza rispetto al forte declino registrato fino al 2011, il mercato del solare termico europeo sente il bisogno di trovare nuovi segmenti e una nuova competitività per i prezzi. Secondo quanto emerso dalle statistiche annuali pubblicate dalla Federazione Europea dell’Industria del Solare Termico (ESTIF), infatti, attualmente la capacità totale installata in Europa ammonta a 26,3 GWth, grazie ai quali è possibile produrre circa 18,8 TWh di energia solare termica e risparmiare 13 MMT di CO2, con un fatturato che ha smosso circa 2,6 miliardi di euro nel 2011 e che offre all’industria del settore un ruolo chiave per il raggiungimento degli obiettivi fissati al 2020: 20% dei consumi di acqua calda sanitaria, riscaldamento e raffrescamento nei nuovi edifici e nelle grandi ristrutturazioni.

Da Rinnovabili.it   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Esteri – Rinnovabili, in Cina investimento massiccio


The North China Plain is the area surrounding ...

Image via Wikipedia

Piano quinquennale 2011-2015 che prevede finanziamento da 753 miliardi di dollari. Stimato un taglio di emissioni nocive fino al 45% entro il 2020.

La Cina mette la barra a dritta sul settore energetico e in particolare sulle fonti rinnovabili: uno degli aspetti più significativi del piano quinquennale 2011-2015 varato al termine del 17esimo Comitato centrale del Partito comunista è rappresentato dai nuovi obiettivi in termini di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni di carbone.

La Cina è il primo consumatore di energia al mondo, secondo l’Agenzia internazionale per l’Energia, e la rapidità con la quale ha abbracciato le energie alternative come quella solare, eolica e nucleare ha avuto un profondo impatto su quei settori industriali.

Da Ia la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Appunti sulle case ecologiche. L’esempio realizzato a Alcatraz.


León, Mirador de Babia, Riolago (Castilla y León)

Image by Toprural via Flickr

Costruisci una casa ecologica

Indice di pagina:

* Una casa in classe “A”
* Case In legno lamellare
* Ogetto e destinatari della proposta
* Dove vogliamo arrivare
* Riassumendo
* Ti piace l’idea?
* I vantaggi della costruzione in legno

Una casa in classe “A”
Oggi una casa in classe energetica “A” costa circa il 20% in più rispetto ad una casa a bassa efficienza. Una casa non isolata, però, consuma molta energia e soldi e nella maggior parte dei casi è persino malsana. Il maggior costo iniziale si recupera, quindi, in poco tempo e permette di risparmiare denaro per decenni.

Una casa ecologica ha costi di riscaldamento, illuminazione e acqua, bassissimi. Produce l’energia elettrica di cui ha bisogno GRATIS, dura di più ed è più confortevole e sana. L’uso di nuove tecnologie, del legno lamellare, dei tripli vetri, permette di raggiungere altissimi livelli di qualità con costi contenuti.

Esempi di case ecologiche dal Blog di Jacopo Fo:

  1. Costruzione della nuova casa ad alta efficienza termica, costruita con struttura portante di legno lamellare, successivamente ricoperta con sfoglie di pietra ricostruita. La casa è dotata di isolamento termico, pareti e tetto ventilato. Nella foto la struttura portante in lamellare viene assemblata. Bastano pochi giorni e una gru per fissare lo scheletro della costruzione.
  2. La nuova casa ad alta efficienza termica di Alcatraz. Sullo sfondo la valle dove sorgerà l’ecovillaggio.
  3. La serra orientata a sud contribuisce al riscaldamento invernale dell’abitazione offrendo un notevole risparmio economico e stanze meravigliosamente panoramiche.
  4. Interno della casa al grezzo. Internamente verranno montati 2 cm di isolamento, tutti i cavi e i tubi. Il tutto verrà poi coperto da una parete interna di pino al naturale. Esternamente 16 centimetri di isolamento termico, intercapedine ventilata, pannelli, rete e cemento, colla e pietre rigenerate.
  5. Riscaldamento a pavimento. Permette di ottenere una grande superfice radiante. Non è quindi più necesario riscaldare l’acqua a 60/70 gradi centigradi, temperatura necessaria utilizzando la superfice radiante limitata dei caloriferi tradizionali. Nei riscaldamenti a pavimento la temperatura dell’acqua può esere mantenuta al di sotto dei 45 gradi con un notevole risparmio energetico.

Da Ecofiera.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

L’ambientalismo epico di Avatar da oggi al cinema


The Art of AVATAR - James Cameron's Epic Adven...

Image by AntSizedMan via Flickr

Avatar, l’atteso film in 3D di James Cameron, esce nelle sale cinematografiche italiane oggi (15 gennaio 2010 ndr). È una storia di fantascienza, di grande impatto visivo, a chiaro sfondo ecologista, ambientata in un lontano 2154.

Il principale protagonista, Jake Sully, è un Marine invalido, costretto su una sedia a rotelle, che viene incaricato di una missione su Pandora, pianeta abitato dai Na’vi.

Il suo compito è quello di infiltrarsi tra la popolazione nativa aliena attraverso il programma Avatar, protesi organica geneticamente manipolata, che rende possibile agli esseri umani di sopravvivere in un ambiente altrimenti invivibile.

Gli uomini, istigati da perfide multinazionali, vorrebbero conquistare questo nuovo mondo per appropriarsi delle sue risorse in grado di risolvere i problemi energetici della Terra.

Tuttavia, Jake, a contatto con la vita extraterrestre, basata su un rapporto armonico con la Natura e sul culto degli alberi, si converte alla filosofia del nemico, combattendo un’epica battaglia contro gli invasori terrestri.

Proprio per la plateale denuncia di certo atteggiamento predatorio e colonialista (il Male si annida nell’attitudine distruttiva della razza umana) e per la celebrazione di un’Alieno universo pacifico ed ecotecnologico, il film ha suscitato negli Stati Uniti aspre polemiche anche se sulla spettacolarità dell’opera non si discute.

Da Onegreentech la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Obama e Hu Jintao, impegno sul clima “Da Copenaghen un effetto immediato”


This is why I love China.

Image by Shazari via Flickr

A Pechino il colloquio fra i due leader: ambiente, diritti umani, economia, nucleare. Il presidente cinese: “Opporsi al protezionismo, in tutte le sue manifestazioni”

PECHINO – Dai negoziati di Copenaghen sul clima dovrà uscire un accordo mondiale che abbia “effetto operativo immediato”. E’ quanto chiedono Usa e Cina al termine del colloquio che il presidente statunitense Barack Obama ha avuto con il collega cinese Hu Jintao. Cambiamenti climatici, diritti umani, crisi economica e scambi commerciali, proliferazione nucleare sono stati i principali temi affrontati dai due leader nel corso dell’incontro, storico, nel grande Palazzo del Popolo di Pechino. Nell’occasione, è stato annunciato che Hu Jintao ricambierà la visita del presidente Usa nel 2010, senza però dare date precise.

“Copenaghen non deve fallire”. Dai negoziati di Copenaghen sul clima dovrà uscire un accordo mondiale che abbia “effetto operativo immediato”. Al termine dell’incontro, i due leader si sono detti d’accordo “sulla necessità di lavorare affinché Copenaghen sia un successo”. “Il nostro scopo – ha detto Obama – non è di ottenere un’intesa parziale o una dichiarazione politica, ma piuttosto un accordo che riguardo tutte le questioni su cui si andrà a negoziare e che abbia immediato effetto operativo”.ù

Da Repubblica la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Risparmio energetico in condominio, basta la maggioranza ridotta


1st third of 16th century

Image via Wikipedia

A oltre 18 anni dal varo della prima legge organica sul risparmio energetico (10/91), oggi finalmente si hanno le idee un po’ più chiare a proposito delle maggioranze “speciali” previste per gli interventi di efficienza energetica in condominio (commi 2 e 5 dell’articolo 26 della legge).

L’ultima parola in proposito l’ha detta la legge 99 del 23 luglio scorso (al comma 22 dell’articolo 27) integrando il comma 2 (dopo il restyling portato dal Dlgs 311/2006) che ora così recita: «Per gli interventi sugli edifici e sugli impianti volti al contenimento del consumo energetico e all’utilizzazione delle fonti di energia di cui all’articolo 1, individuati attraverso un attestato di certificazione energetica o una diagnosi energetica realizzata da un tecnico abilitato, le pertinenti decisioni condominiali sono valide se adottate con la maggioranza semplice delle quote millesimali rappresentate dagli intervenuti in assemblea».

La decisione
L’aggiunta portata dalla legge 99/2009 è quella delle ultime parole («rappresentate dagli intervenuti in assemblea»). La nuova norma ha fatto piazza pulita di tutte le interpretazioni precedenti, di dottrina e giurisprudenza, inventando una nuova maggioranza condominiale, non contenuta nel Codice civile: quella “semplice” dei millesimi degli intervenuti in assemblea. In altre parole non contano i condomini favorevoli all’intervento, bensì solo i loro millesimi

Da Sole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Bonus biciclette, oltre 30mila domande. Ecco l’elenco dei modelli


blue bike in the garden

Image by raysto via Flickr

Per raggiungere il traguardo sulle due ruote è necessario affrettarsi, correre dal rivenditore di fiducia e cercare di aggiudicarsi l’incentivo, prima dell’esaurimento dei fondi

Da Sole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]