Fusione nucleare senza scorie


A toroidal coordinate system in common use in ...

Image via Wikipedia

E’ padovana l’elica di plasma che “non perde” energia – I risultati dell’esperimento saranno illustrati domani nel corso di una visita ai Laboratori del Consorzio RFX di Padova. La scoperta, pubblicata su Nature Physicis, è la conferma sperimentale alla teoria

Fusione nucleare senza scorie – I ricercatori del Consorzio RFX di Padova hanno prodotto in laboratorio un plasma da fusione a 15 milioni di gradi, scoprendo la sua naturale tendenza ad assumere la forma di un’elica e a raggiungere così un equilibrio spontaneo.

I risultati dell’esperimento saranno presentati domani, venerdì 19 giugno, alle ore 11.00, nel corso di una visita al laboratorio di Corso Stati Uniti, 4 in Padova.

“Questo risultato sperimentale, appena pubblicato sulla rivista Nature Physics, conferma quanto già previsto da studi teorici”, spiega il Presidente del Consorzio RFX, prof. Giorgio Rostagni, già direttore dell’Istituto gas ionizzati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). “E’ una scoperta importante che, insieme ad altre ottenute di recente, apre nuove e promettenti prospettive ‘fusionistiche’ per il tipo di plasmi prodotti in RFX e conferma il ruolo leader del gruppo padovano nelle ricerche di fisica del plasma per applicazioni energetiche, sia a livello europeo che mondiale”.

Scienziati di tutto il mondo stanno sviluppando le ricerche sulla fusione quale fonte di energia seguendo percorsi diversi e complementari: i ricercatori padovani in particolare producono plasmi denominati “Reversed field Pinch”, ottenuti in una “ciambella” del diametro di 4 metri (l’esperimento RFX), al cui interno si crea un plasma di idrogeno, ovvero un gas estremamente “caldo” e rarefatto.

Da Report on line la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Bufera sulle scorie tedesche


Centrale nucleare di Caorso

Image by Simone Ramella via Flickr

Dure polemiche in Germania per i miliardi imprevisti che dovranno essere spesi per un deposito di scorie nucleari che non sarebbe più a tenuta stagna. I costi saranno quasi certamente a carico dal governo federale.

Nelle ultime settimane in Germania è di nuovo cresciuta la tensione riguardante il deposito sperimentale di scorie radioattive di Asse, situato tra Amburgo e Hannover.

Già nel corso del 2008 Asse era stato al centro di forti polemiche. Per molti anni era stata tenuta segreta la penetrazione di una soluzione salina nella caverne sotterranee che contengono 126.000 fusti di materiale radioattivo che vi furono calati tra il 1967 e il 1978. La contaminazione radioattiva della soluzione salina ha fatto ritenere che alcuni dei fusti che contengono le scorie non siano più stagni. [continua…]

Da Quale energia la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Torna il nucleare cosa ne pensi?


{{it|Il Presidente del Consiglio dei Ministri ...

Image via Wikipedia

Un referendum approvato a larga maggioranza aveva chiuso le centrali atomiche nel nostro Paese. Ora Berlusconi ha deciso di costruirne quattro. E’ una mossa inevitabile?

L’Italia aveva chiuso con il nucleare 22 anni fa, con tre quesiti referendari votati con maggioranze che andavano dal 71 al 79 per cento. Un plebiscito, insomma: secondo alcuni dovuto anche al fatto che proprio in quell’anno era avvenuto l’incidente alla centrale di Chernobyl, un evento che aveva probabilmente spostato verso il no al nucleare una parte dell’elettorato. [continua…]

Da L’espresso la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Nucleare: si apre il dibattito, le regioni si dividono


Centrale nucleare di Gösgen / Gösgen Nuclear P...

Image by Luigi Rosa via Flickr

26 febbraio 2009 – Dibattito acceso intorno all’ipotesi della costruzione di quattro nuove centrali nucleari in Italia.

Dopo l’accordo tra Berlusconi e Sarkozy, svolta energetica accolta con entusiasmo da parte governativa – il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, si fregia di “un elenco di 34 comuni” pronti ad ospitare i nuovi impianti -, il panorama appare per la verità quanto mai eterogeneo, come da migliore tradizione italiana. Se è vero che diversi sondaggi danno un’opinione pubblica più possibilista sul ritorno del nucleare, è forse presto per dire che le barriere definite dal referendum del 1987 siano del tutto sfumate. Anche perché sono molti ancora i nodi da sciogliere: in quali aree sorgeranno le nuove centrali, come e dove stoccare le scorie nucleari vecchie e nuove e, infine, chi metterà i soldi. [continua…]

Da Tiscali.notizie la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]