Appunti sulle case ecologiche. L’esempio realizzato a Alcatraz.


León, Mirador de Babia, Riolago (Castilla y León)

Image by Toprural via Flickr

Costruisci una casa ecologica

Indice di pagina:

* Una casa in classe “A”
* Case In legno lamellare
* Ogetto e destinatari della proposta
* Dove vogliamo arrivare
* Riassumendo
* Ti piace l’idea?
* I vantaggi della costruzione in legno

Una casa in classe “A”
Oggi una casa in classe energetica “A” costa circa il 20% in più rispetto ad una casa a bassa efficienza. Una casa non isolata, però, consuma molta energia e soldi e nella maggior parte dei casi è persino malsana. Il maggior costo iniziale si recupera, quindi, in poco tempo e permette di risparmiare denaro per decenni.

Una casa ecologica ha costi di riscaldamento, illuminazione e acqua, bassissimi. Produce l’energia elettrica di cui ha bisogno GRATIS, dura di più ed è più confortevole e sana. L’uso di nuove tecnologie, del legno lamellare, dei tripli vetri, permette di raggiungere altissimi livelli di qualità con costi contenuti.

Esempi di case ecologiche dal Blog di Jacopo Fo:

  1. Costruzione della nuova casa ad alta efficienza termica, costruita con struttura portante di legno lamellare, successivamente ricoperta con sfoglie di pietra ricostruita. La casa è dotata di isolamento termico, pareti e tetto ventilato. Nella foto la struttura portante in lamellare viene assemblata. Bastano pochi giorni e una gru per fissare lo scheletro della costruzione.
  2. La nuova casa ad alta efficienza termica di Alcatraz. Sullo sfondo la valle dove sorgerà l’ecovillaggio.
  3. La serra orientata a sud contribuisce al riscaldamento invernale dell’abitazione offrendo un notevole risparmio economico e stanze meravigliosamente panoramiche.
  4. Interno della casa al grezzo. Internamente verranno montati 2 cm di isolamento, tutti i cavi e i tubi. Il tutto verrà poi coperto da una parete interna di pino al naturale. Esternamente 16 centimetri di isolamento termico, intercapedine ventilata, pannelli, rete e cemento, colla e pietre rigenerate.
  5. Riscaldamento a pavimento. Permette di ottenere una grande superfice radiante. Non è quindi più necesario riscaldare l’acqua a 60/70 gradi centigradi, temperatura necessaria utilizzando la superfice radiante limitata dei caloriferi tradizionali. Nei riscaldamenti a pavimento la temperatura dell’acqua può esere mantenuta al di sotto dei 45 gradi con un notevole risparmio energetico.

Da Ecofiera.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

«Via al piano casa. Lotta all’abusivismo»


Lezione di Grammatica: il Trapassato Casetta

Image by kiki follettosa via Flickr

Formigoni: siamo già pronti con la nostra legge. Il centrosinistra: queste norme non aiutano le famiglie. «Collaboreremo con il governo per far ripartire l’intero settore»

MILANO – Niente terrazzini, sopralzi e mansarde. Sono esclusi dal pia­no casa i condomini, salvo che vengano demoliti e ricostruiti con criteri di bioedilizia. Via li­bera, invece, alle villette, che potranno ampliarsi del 20%, calcolato su un massi­mo di 1000 metri qua­drati di superfice. E chi investirà in linea con il risparmio ener­getico – edilizia popo­lare compresa – , potrà accedere a specifici in­centivi (bonus e sem­plificazioni ammini­­strative).

Priorità sarà data alle aree dismes­se. Fuori dal piano ca­sa, invece, rimangono i centri storici (per Mi­lano, l’area delimitata dalla Cerchia dei Ba­stioni) e le aree vinco­late a verde, anche agricolo. E la Regione promette: «guerra to­tale» all’abusivismo. [continua…]

Da Corriere.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Quando le costruzioni sono “biologiche”


Casa Macari Golferichs

Image by . SantiMB . via Flickr

Il benessere in camera da letto
Si parla tanto di bioarchitettura ed ecosostenibilità, ma quando una costruzione può essere considerata “biologica”?
Il testo elaborato da Schneider, sintesi del lavoro condotto dal gruppo Gesundes Bauen-Gesundes Wohnen pubblicato in Germania a partire dal 1975, evidenzia 25 principi regolatori che identificano la bioarchitettura (tradotti testualmente dal tedesco).

  1. il terreno su cui sorgerà la costruzione, dovrà essere esente da perturbazioni geologiche (campi magnetici sotterranei, correnti idriche, ecc.)
  2. la costruzione dovrà essere distante da centri industriali o da grandi correnti di traffico
  3. le costruzioni dovranno essere distanziate tra di loro in mezzo a macchie verdi
  4. la casa e il villaggio (insediamento) dovranno essere progettati in modo individuale, dignitoso, a misura della famiglia e permettere la formazione di comunità
  5. i materiali da costruzione dovranno essere naturali, non sofisticati
  6. le pareti dovranno essere permeabili e permettere la diffusione del vapore [continua…]

Da Casa&Design Blog la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]