Caro benzina? Al distributore divido le spese per quattro


A sign encouraging carpooling during the gas s...

Image via Wikipedia

Riceviamo e pubblichiamo

Caro benzina? Al distributore divido le spese per quattro

Mentre scioperi, agitazioni e proteste rischiano di bloccare il Paese, con postoinauto.it torna di moda la condivisione dell’auto – per risparmiare e viaggiare in compagnia

Milano, 24 gennaio 2012 — Gli italiani, per usare un luogo comune, sono da sempre bravi ad arrangiarsi. Ecco dunque che, mentre i prezzi dei carburanti salgono a livelli record, gli autotrasportatori scioperano e molti si lamentano per la benzina alle stelle, un gruppo ancora piccolo ma sempre più nutrito di automobilisti si affida a internet e a una vecchia idea, oggi tornata di moda, per dare un taglio netto alle spese di viaggio. È così che postoinauto.it, il portale italiano per la mediazione di passaggi auto, è riuscito a raddoppiare in pochi mesi il numero di posti condivisi. E, soprattutto sulle lunghe distanze, comincia ad affermarsi la cultura del viaggiare insieme.

Auto di gruppo, ridesharing, carpooling, covetturaggio o semplicemente “posto in auto” – sono molto diversi i termini che vengono utilizzati per la condivisione di passaggi in auto. La sostanza è la stessa: chi ha dei posti liberi in auto, invece di rassegnarsi e pagare da solo quasi 1,80 euro per ogni litro di benzina, inserisce un annuncio su siti come postoinauto.it per “affittare” i propri posti ad altre persone che percorrono la stessa tratta e disposte a condividere le spese. Un’idea semplice quanto intelligente: riempire le auto vuol dire ridurre drasticamente le spese, ma anche il traffico e l’inquinamento. E significa viaggiare in compagnia, per meno stress e meno rischi di provocare incidenti. E oggi, con la diffusione di internet e degli smartphone, non è più l’autostoppista ad attendere con il pollice alzato all’imbocco dell’autostrada, ma è l’automobilista a pubblicare un annuncio su postoinauto.it: “… offro 3 posti in auto da Roma a Milano, 35 euro di contributo a testa. Contattatemi!”

Informazioni su postoinauto.it
Postoinauto.it, lanciato nel febbraio 2010 da due studenti oggi imprenditori, conta migliaia di utenti che mettono a disposizione i loro posti liberi in auto per andare al lavoro, per tornare a casa nel fine settimana, ma anche per andare in vacanza, in Italia e all’estero, a prezzi nettamente inferiori rispetto a ogni altro mezzo di trasporto. Un’alternativa interessante non solo dal punto di vista economico: chi viaggia condividendo l’auto ha il posto a sedere garantito, fa nuove amicizie e rispetta l’ambiente.
Uno dei cardini del servizio di postoinauto.it è la sicurezza. Oltre a feedback e viaggio rosa, l’indicazione del numero di targa, la segretezza dei dati personali e la verifica facoltativa del proprio account con un documento di identità sono alcuni degli strumenti messi a punto dal portale per garantire la sicurezza dei propri utenti.

Da Postoinauto.it

Enhanced by Zemanta

Fatelo per voi: abbonatevi al car sharing


U Car Share reserved parking

Image by boltzr via Flickr

Roma – Purtroppo l’Agenzia per la Mobilità (una volta si chiamava ATAC) non ci riconoscerà un solo cent, ma questo potete pigliarlo comunque come un messaggio promozionale.

Un messaggio tutto dedicato al car-sharing. Con un invito: iscrivetevi, iscrivetevi, iscrivetevi. Fatelo sia per voi (risparmierete moltissimi soldi, più già vi racconteremo come), sia per il vostro territorio: più abbonati significa meno auto in giro e significa, anche, una maggiore attenzione della società che gestisce il servizio per le nostre zone, magari con un aumento delle stazioni che comunque non mancano.

Risparmio, dicevamo. Sì e parecchio anche. Vi faremo un esempio a casaccio: quello del babbo di questo blog. Piacere, mi chiamo Massimiliano. Fino a qualche mese fa possedevo una prestante Alfa Romeo: l’ho venduta e mi sono abbonato al car-sharing. Non ho auto di proprietà, quando ne ho bisogno apro il computer, digito qualche password e mi prenoto l’auto. Quasi sempre la vettura (a scelta una Panda, una Punto, una Multipla o una 500) è disponibile al posteggio car-sharing sotto casa, a Porta Maggiore, mal che vada senno’ bisogna fare qualche centinaio di metri a piedi per raggiungere la prima stazione disponibile.
Da quando ho fatto questa scelta, è come se avessi uno stipendio in più: tra finanziamento, bollo, multe, assicurazione, manutenzione, tagliandi, gomme, olio e carburante la vettura di proprietà mi costava qualcosa come 500 o 600 euro al mese. Senza quasi che me ne accorgessi (avete capito da cosa deriva la vecchia storia delle famiglie che non arrivano alla fine del mese e poi magari hanno due o tre auto da gestire con costi simili a questi!?).

Oggi quelle 600 euro me le metto in tasca nette, ogni tanto mi concedo un taxi, il car-sharing mi costa una media di 40€ al mese tutto compreso e per tutti gli altri spostamenti è più che sufficiente lo scooter. Diciamo che mi rimangono 400€ puliti al mese? Bhe stiamo parlando di 4800€ annui (facciamo 4650€ dovendo sottrarre il costo dell’abbonamento annuo al car-sharing: 150€), vi rendete conto cosa si può fare ogni anno con questa sommetta in più?

Perché ho fatto questa scelta solo ora? Semplice, perché mi hanno piazzato un visibilio di stazioni del car-sharing vicino casa. E dunque anche vicino casa vostra. Dunque non avevo davvero più scuse, sarebbe stato incivile non farlo. Oltre che molto, molto stupido visti i quattrini che sto recuperando.

Da Degradoesquilino la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

I LIBRI Bici in città e pale eoliche così si vince la sfida verde


My baby

Image by affisch via Flickr

La rivoluzione della green economy e delle fonti rinnovabili in due saggi di Cianciullo-Silvestrini e di Ricci. Caso di eccellenza, il trasporto pubblico. Ma l’Italia è il fanalino di coda.

A Brema, a differenza che a Roma o Milano, sanno che se togli le auto e non vuoi che la città si fermi devi offrire qualcosa in cambio. Tipo più mezzi pubblici, più piste ciclabili, più car sharing. Una politica a tre punte che nel 2008 ha fatto registrare, per la prima volta, un’inversione di tendenza: il numero delle macchine ha cominciato a diminuire (-1,6%) nonostante un lieve aumento della popolazione (+0,2%). Ma il vero vincitore, in questa guerra di spostamenti decimali, è stato il trasporto pubblico che ha segnato una crescita del 3,6%. È uno dei casi di eccellenza raccontati in “La corsa della green economy. Come la rivoluzione verde sta cambiando il mondo” di Antonio Cianciullo e Gianni Silvestrini (Edizioni Ambiente, 201 pag., 14 euro).

Il libro, scritto dall’inviato di Repubblica assieme a un ricercatore del Cnr, fa una vasta rassegna internazionale di come la corsa all’innovazione ecologica sta cambiando sia i connotati delle città più avvertite che quelli di molte aziende. C’è l’ennesima conferma della civiltà scandinava, con il primato di Stoccolma dove una fermata di trasporto pubblico non è mai più lontana di trecento passi. Come se non bastasse, se il tram non passa entro venti minuti, il passeggero mancato ha diritto a prendere il taxi gratis. Quando si dice trattare il cittadino come un cliente.

Oppure la scoperta del record di Friburgo, dove ci sono più biciclette che abitanti e sulle strade vige la regola dei terzi: un terzo alle bici, un terzo ai mezzi pubblici e un terzo alle auto.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano mobilità sostenibile – Guidami, il car sharing decolla a Linate


Alitalia Airbus A319-118 I-BIMJ "Isola di...
Image by sainz via Flickr

Migliorano i collegamenti con lo scalo (Linate). La linea X73 aggiunge la fermata a Dateo e connette l’aeroporto a tutta la Regione tramite il Passante ferroviario. ATM punta sulla mobilità sostenibile e alla interoperabilità fra gestori di altre città come Palermo e Roma.

Milano, 15 febbraio 2010 – La mobilità diventa integrata, sostenibile, innovativa. E cambia il trasporto pubblico che sperimenta nuove soluzioni per modellarsi in maniera inedita alle esigenze di chi si muove. Apre, nell’area arrivi di Linate, la prima postazione di car sharing in un aeroporto italiano. Intanto, la linea X73, la prima delle linee Express, aggiunge una fermata in piazzale Dateo e si collega, in questo modo, con tutta la Regione.

Continua a crescere il car sharing più grande d’Italia. Con la nuova postazione Guidami all’aeroporto di Linate, attivando l’interoperabilità fra gestori, può accedere al servizio di car sharing milanese anche chi è abbonato ad altri gestori come Roma e Palermo. Arrivando a Milano in aereo, nella postazione Guidami (in corrispondenza degli arrivi e quindi facilmente raggiungibile a piedi) sono a disposizione tre auto con tutti i vantaggi del car sharing: compresi nel prezzo i costi di carburante, assicurazione, bollo, garage, manutenzione ordinaria e straordinaria, sosta nei posteggi contrassegnati dalle strisce blu nel comune di Milano, Ecopass (vetture tutte Euro 4 o ibride).

Per chi sceglie l’autobus, il collegamento con tutta la regione è garantito dalla linea X73. A due mesi esatti dalla prima corsa, il 15 dicembre scorso, la prima delle linee Express, pensate per offrire un nuovo servizio alla città di Milano, è diventata subito il punto di riferimento per chi deve raggiungere l’aeroporto, sia per motivi privati che di lavoro. Così, insieme ai ringraziamenti, ecco la richiesta degli utilizzatori della linea: aggiungere una fermata. La sosta in piazzale Dateo, già ipotizzata in fase progettuale, consente oggi il collegamento con il passante ferroviario per chi provenendo da fuori l’aria urbana e da tutta la regione, si muove con le linee ferroviarie da nord-ovest e da est e sud-est.

Da Comune di Milano la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano Mobilità sostenibile – All’università si va in modo “verde”


MILANO - Bike MI (07)

Image by Ambrosiana Pictures via Flickr

Accordo tra il Comune e i sette atenei milanesi per favorire gli spostamenti degli studenti utilizzando il trasporto pubblco o mezzi alternativi, come il bike sharing, rispettosi dell’ambiente
Una rastrelliera vicino alla fermata della metropolitana

Milano, 20 marzo 2009 – Andare in università con i mezzi pubblici, in bici o a piedi. Con biglietti e abbonamenti ridotti e integrati da utilizzare su tutta la rete dei trasporti e nuovi servizi di mobilità come il bike sharing, il car pooling e il car sharing.

È l’obiettivo del protocollo d’intesa, approvato oggi dalla Giunta, che impegna il Comune e i sette atenei milanesi (Statale, Bicocca, Bocconi, Politecnico, Accademia di Brera, Iulm e Cattolica) a promuovere la mobilità sostenibile tra gli studenti, ma anche tra i docenti e il personale amministrativo, attraverso azioni concrete che offrono alternative all’uso dell’auto privata. [continua…]

Da Comune di Milano la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]