Biomasse, a Lione via alla conferenza europea


Agrocarburants et Union Européenne

Image by David_Reverchon via Flickr

Fino al 7 maggio in programma l’incontro internazionale in cui si discuterà dei piani d’azione dell’Ue e non solo legati a questa energia rinnovabile.

Si apre oggi a Lione in Francica, la 18ª Conferenza (3-7 maggio 2010) ed esposizione (3-6 maggio 2010) europea sulla biomassa. Il programma della conferenza prevede 264 presentazioni plenarie e orali, nonché 542 presentazioni visive, con rappresentanti di oltre 70 Paesi.

«Con l’avvicinarsi della data in cui gli Stati membri dell’Ue metteranno a punto i loro piani d’azione per l’energia rinnovabile, – spiegano gli organizzatori – l’edizione 2010 della conferenza diventa importante per valutare i progressi fatti nel campo della bioenergia e il ruolo centrale che essa rivestirà nello sforzo dell’Europa di raggiungere l’obiettivo del 20% di energia fornita da fonti rinnovabili».

Per raggiungere questo obiettivo, la biomassa dovrà riuscire a fornire una quota di oltre il 5% di energia elettrica, il 10% di carburanti per i trasporti e almeno il 20% per il riscaldamento. La conferenza dedicherà particolare attenzione al dibattito sui biocarburanti sostenibili, vista la loro importanza nel quadro della legislazione europea.

Da I&a la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Sostenibilità > Olimpiadi – Rio 2016: il dossier ambientale


RIO DE JANEIRO, BRAZIL - JULY 16:  Larissa Fra...
Image by Getty Images via Daylife

Eco dalle Città pubblica il dossier ambientale con cui Rio de Janeiro si è accaparrata le Olimpiadi 2016. L’analisi delle condizioni attuali ed un piano per la mobilità completo.

Eco dalle Città pubblica il rapporto ambientale contenuto nella vittoriosa candidatura di Rio de Janeiro per le Olimpiadi 2016.
Ad un’analisi della situazione attuale della zona della metropoli Brasiliana si aggiungono progetti per la gestione ambientale dell’evento.

Si va dall’utilizzo del bioetanolo come combustibile per i mezzi “olimpici” (con sensibile diminuzione delle emissioni di gas serra), al rispetto dei principi di bioarchitettura e di risparmio energetico nella costruzione dei nuovi edifici necessari, alla selezione degli sponsor in base a principi di eco-sostenibilità, ad un piano completo per la mobilità durante la grande kermesse sportiva.

Da Eco dalle città la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Energia rinnovabile giorno e notte, tutto l’anno e costa meno del nucleare!


Off-shore Wind Farm Turbine

Image by phault via Flickr

Quando i sostenitori del nucleare dicono che le energie alternative non potranno mai coprire il fabbisogno energetico del pianeta perchè non ci sono sempre. Il sole solo di giorno, il vento quando vuole lui, l’acqua dei fiumi che finisce d’estate.

Si dimenticano sempre che il mare c’è 24 ore su 24. E non sta mai fermo. E quindi potrebbe fornire un flusso “di garanzia” dell’energia.E non è il solo sistema per avere energia senza interruzioni.

Ci danno energia costante il geotermico (il calore sotterraneo) e le biomasse (ad esempio il gas prodotto dai batteri che si mangiano immondizia e letame.  Nel frattempo in Usa sono riusciti a digerire con l’aiuto di enzimi le canne del mais che oggi vengono lasciate sui campi. Ne tirano fuori alcool, 10 kw di energia per ogni kw investito nel processo.

Ma è nel settore marino che stiamo assistendo a progressi strabilianti.
Al largo del Portogallo e della Scozia sono stati costruiti impianti formati da enormi tubi galleggianti.

Da Jacopofo la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Energizzando/ Biofuel, rivoluzione alofite: salva cibo e terra


bxp262645Il dibattito sui bio-carburanti, ossia se fosse giusto o meno utilizzare terre coltivabili per produrre carburanti invece che cibo, negli ultimi mesi si è decisamente placato e non trova più spazio nei media. Il motivo principale è che il prezzo del riso e del grano è in caduta libera. Lo scorso aprile infatti il prezzo dei cereali aveva raggiunto i massimi storici mettendo in crisi i poveri del mondo e scatenando ondate di proteste in molte città dei paesi in via di sviluppo dovute all’aumento vertiginoso dei prezzi di pane e riso. Molti paesi decisero quindi di bloccare le esportazioni per fronteggiare la crisi e si arrivò anche ad indire un vertice mondiale di emergenza alla FAO alla ricerca di soluzioni immediate.

Oggi, anche grazie ad un’annata di raccolti abbondanti nel sud-est asiatico, il problema è opposto, il prezzo del riso (anche quello del grano si è abbassato molto) è troppo basso ed i paesi produttori stanno riducendo le quote di esportazione [continua…]

Da Affaritaliani.it la notizia qui…

Un volo verde col kerosene e l’olio di semi


med709002Tre decolli in Nuova Zelanda, Usa e Giappone
L’aeronautica sta vivendo dei giorni molto verdi. Martedì un Jumbo jet ha volato per due ore sulla Nuova Zelanda con la più alta concentrazione di carburanti ecologici mai sperimentata su un velivolo di linea; la propulsione è stata fornita da olio vegetale di jatropha mescolato al kerosene.

Mercoledì 7 gennaio l’esperimento sarà ripetuto negli Stati Uniti con una mistura di jatropha e di alghe e di nuovo il 30 di questo mese in Giappone usando l’olio di camelina. L’industria del trasporto aereo in tutto il mondo è sotto pressione per consumare meno carburante ed emettere meno anidride carbonica. Una grande spinta all’uso di carburanti alternativi è venuta dal balzo dei prezzi del petrolio che a luglio ha superato i 147 dollari al barile, ma anche adesso che c’è un riflusso al di sotto dei 40 dollari lo stimolo non è venuto meno; le prospettive a lungo termine [continua…]

Da La Stampa la notizia qui…