Inquinamento – Istat/2: 80% delle emissioni dalle attività produttive (2006)


Ciminiere - Catania - HDR

Image by -MandarX- via Flickr

28 gennaio 2009 – L’Istat ha pubblicato oggi anche i dati relativi all’inquinamento prodotto dalle industrie.

Sempre nel 2006, rivela l’Istat, oltre l’80 per cento delle emissioni di inquinanti “ad effetto serra” e più del 90 per cento delle emissioni che sono all’origine del fenomeno dell’“acidificazione” (piogge acide) sono state generate dalle attività produttive, mentre la parte restante è attribuibile alle attività di consumo delle famiglie. Nel caso dei gas responsabili della formazione dell’ozono troposferico la quota delle famiglie risulta pari al 37 per cento delle emissioni complessive

Con il rapporto pubblicato oggi, l’Istat rende disponibili gli aggregati Namea per l’Italia per gli anni 1990-2006. 

Lo studio tiene conto delle emissioni di diciotto inquinanti atmosferici – anidride carbonica (CO2), protossido di azoto (N2O), metano (CH4), ossidi di azoto (NOx), ossidi di zolfo (SOx), ammoniaca (NH3), composti organici volatili non metanici (COVNM), monossido di carbonio (CO), particolato (PM10), arsenico (As), cadmio (Cd), cromo (Cr), rame (Cu), mercurio (Hg), nichel (Ni), piombo (Pb), selenio (Se) e zinco (Zn) – e dei prelievi diretti di quattro tipi di risorse naturali vergini: vapore endogeno, combustibili fossili, minerali, biomasse.

Le più inquinanti sono le attività manifatturiere da cui proviene il 27,1 per cento delle emissioni complessive [continua…]

Da Zeroemission.tv la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]