MOBILITA’ – Da Londra a Singapore ecco dove si paga per entrare con l’auto in centro


Cc-london-sign

Image via Wikipedia

Nella capitale inglese più di 11 euro a ingresso, ma i soldi per legge devono finanziare il trasporto pubblico.

La madre di tutti gli Ecopass? Non è Londra dove per entrare in centro con l’auto bisogna sborsare 10 sterline (11 euro e 40 cent), ma Singapore: la città stato asiatica è stata la prima, nella metà degli anni 70, a introdurre un sistema di pedaggio urbano per tutti i veicoli in transito in alcune zone presidiate da varchi. Un esperimento che ha fatto scuola, seppure a latitudini ben diverse: circa dieci anni dopo, in Norvegia, le amministrazioni di Bergen e Oslo varano zone a pagamento per finanziare nuove linee di trasporto pubblico.

Caselli simili a quelli autostradali spuntano in città. Per gli automobilisti è l’inizio di una nuova era, quella del «road pricing»: l’ennesimo balzello per i critici, mentre per i sostenitori è una misura indispensabile per alleggerire il traffico e al tempo stesso per potenziare il trasporto pubblico locale.

A Londra la «congestion charging» è nata nel 2003 su impulso dell’allora sindaco Ken Livingstone. Per realizzare il progetto, fra telecamere, software e campagne informative, sono state spese 161 milioni di sterline (al cambio 183 milioni di euro) a cui vanno ad aggiungersi oltre 100 milioni l’anno per gestione ordinaria, ma gli incassi restano superiori agli investimenti: solo lo scorso anno introiti per 173,5 milioni, soldi che per legge devono essere reinvestiti nel trasporto pubblico locale. Nonostante la decisione del primo cittadino Boris Johnson di rimuovere la parte ovest dell’area a pedaggio.

Le tariffe della capitale inglese sono elevate: ogni accesso costa 10 sterline, che diventano 12 in caso di pagamento posticipato entro la mezzanotte. A pagare sono tutte le automobili e i mezzi commerciali, tranne quelli elettrici e le vetture Euro 5 che emettono meno di 100g/km di CO2. Insomma, anche le auto ibride che non rispettano tali parametri non hanno accesso libero. E per l’anno prossimo è previsto un inasprimento: il bonus toccherà soltanto a chi produce meno di 80 g/km, cioè una parte infinitesimale del parco circolante di Londra.

Da Corriere.it   la notizia qui…

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: