Biciclette: rastrelliere per premiare chi pedala di più


Biciclette #3

Image by Angel Photographer via Flickr

Milano – Più pedali, più risparmi. Potrebbe essere questo lo slogan dell’iniziativa allo studio del Comune di Milano per agevolare l’uso delle due ruote in città. Palazzo Marino, dopo il bike sharing, sta infatti studiando un progetto che prevede l’assegnazione di punti trasformabili in sconti nei negozi o nei musei comunali per chi si sposta in bicicletta.

“Ce l’hanno consegnato nelle scorse settimane e ne stiamo esaminando i costi – spiega l’assessore all’Arredo urbano Cadeo – è molto interessante e potremmo pensare di farlo partire in concomitanza con l’allargamento del bike sharing, anche se si tratta di due cose diverse”. Il progetto, che si potrebbe realizzare con un milione di euro, si chiama Bikepoint […]

Il progetto si basa su rastrelliere tecnologiche dotate di un sistema per bloccare la bici: “Così risolviamo il primo problema – spiega Scozzesi – molti non usano la bici per paura che gliela rubino. Ogni anno in città vengono denunciati diecimila furti di bici, e molti non sporgono denuncia. Se il bikesharing, con 13 mila iscritti, è un successo, ricordiamoci che ogni giorno ci sono 150 mila persone che usano la bici”.

Ogni bicistazione è poi collegata a un totem: l’utente viene dotato di una chiavetta usb che è in grado di tenere conto dei chilometri percorsi. Così si accumulano punti da trasformare in sconti nei negozi che il totem propone. E sempre sul totem il Comune potrebbe pubblicizzare le proprie iniziative.

Le rastrelliere costano circa 40 mila euro e il progetto prevede di posizionarne inizialmente una ventina all’interno del centro storico: “Vogliamo evitare che la gente vada a fare acquisti in auto in centro” spiega ancora Scozzesi. E Cadeo conferma: “Stiamo pensando come aumentare le possibilità di trasporto della bici sui mezzi per raggiungere il centro”.

Intanto, domenica il centro sarà davvero chiuso per una giornata di festa per i ciclisti.

Approfondisci: progetto BikePoint

Da 02blog la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

2 Risposte

  1. Nel nostro condominio,piazzale lodi n. 7, l’uso della bici è molto diffuso,ma abbiamo biciclette sparse per il cortile che creano disagio agli automobilisti che utilizzano i box.Vorremmo riordinarlo co l’utilizzo di rastrelliere, il Comune non ci aiuta in tal senso? Grazie
    Maria Rosaria Zuzzaro

  2. Al momento non credo che il Comune di Milano abbia dei fondi per l’installazione di stralli presso privati comunque possiamo dargli un consiglio..

    Non vorremmo fare pubblicità a l’uno o l’altro rivenditore/produtore di stralli per biciclette, ma il costo di una rastrelliera da condominio per 5/6 posti è abbastanza contenuto.

    Abbiamo trovato alcuni esempi in rete:

    Esempio 1: – Esempio 2:
    Ps.
    Bisogna aggiungere il costo di istallazione, ma l’operazione dovrebbe essere abbastanza semplice.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: