Anche il sesso inquina, sul web la guida all’eros eco-sostenibile


Porn Wars 3

Image via Wikipedia

Mangiamo cibi provenienti da agricoltura biologica, utilizziamo cosmetici naturali, abbandoniamo il nostro scooter e la nostra macchina utilizzando la vecchia bicicletta per andare a lavoro tutte le mattine, ma non pensiamo a quanto possiamo inquinare e quante impronte negative possiamo lasciare sul pianeta semplicemente non avendo cura del come conduciamo la nostra vita sessuale.

PRESERVATIVI E CO… – A partire dai metodi contraccettivi. Secondo un recente studio anglosassone, infatti, sono 100 milioni i preservativi che vengono impropriamente smaltiti ogni anno nel Regno Unito. Come ovviare?

Da Affaritaliani.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Biciclette: giro di boa per gli incentivi


Description unavailable

Ultilizzati più di 4 milioni e mezzo di euro dei quasi 9 stanziati. Gli incentivi potrebbero esaurirsi entro fine mese. Dal 22 aprile scorso sono state vendute con lo sconto del 30% ben 23400 biciclette. La maggior parte nelle regioni del Nord Italia

Gli incentivi all’acquisto di biciclette stanziati dal Ministero dell’Ambiente continuano a confermarsi popolari. Attivato a partire dal 22 aprile scorso, lo sconto ministeriale del 30% continua a avere un effetto positivo sul mercato delle bici nuove.

Nel Nord del Paese sono più di 14800 le pratiche evase, quasi 5000 al Centro, appena 2700 al Sud e nelle Isole. Complessivamente più di 23400 biciclette vendute in appena 21 giorni. Il fondo di 8 milioni e 750 mila euro messo a disposizione dal Ministero si sta quindi velocemente riducendo: mentre scriviamo risultano utilizzati 4 milioni 605 mila euro pari a più del 52% del totale. Rimangono quindi ancora a disposizione 4 milioni e 144 mila euro che, a questo punto, potrebbero esaurirsi entro la fine del mese.

Da Eco dalle città la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Ancora bici: mortalità e boom di vendite


via Flickr”]proud to be what we are - delle persone che us...

Mentre come racconta il “sole24ore” grazie agli incentivi c’è un boom di vendite di biciclette (segnalazione dal blog Deamaltea), si discute sui dati sulla mortalità in bici di cui davo conto in un post precedente. Segnalo il bel articolo “Noi, kamikaze della bicicletta sui marciapiedi per protesta” di Maria Laura Rodotà sul Corriere di oggi (una sorta di manifesto del ciclista urbano che incollo qui sotto) e la replica di Edoardo Galatola che, per FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), si occupa dei temi della sicurezza stradale.

Io la penso più o meno così.
Sicuramente in Italia ci saranno ciclisti imprudenti. Ma non è questo il punto.

Ce ne saranno anche all’estero, eppure lì il numero di ciclisti morti è molto più basso. La differenza è che all’estero gli interventi per favorire la mobilità ciclabile (non solo piste cilabili) sono molto più diffusi ed anche i controlli.

Alcuni numeri di esempio: attualmente a Milano i km di piste ciclabili sono 74, contro i 390 di Copenaghen, i 740 di Monaco di Baviera, i 1.000 di Vienna, i 730 di Stoccolma e potrei proseguire.

Ricordo che

  1. il traffico delle auto è la principale causa di inquinamento nelle nostre città e che l’inquinamento produce asme e tumori;
  2. la bicicletta rappresenta la principale alternativa all’auto negli spostamenti in città su distanze medio-brevi;
  3. quindi l’uso della bicicletta andrebbe incentivato, a partire innanzitutto dal garantire una maggiore sicurezza.

Da Briciole caotiche la notizia qui…

Documenti/riferimenti: COMUNICATO STAMPA – ANDARE IN BICI OGGI E’ PIU’ SICURO DI 5 ANNI FA.pdf *

*Alcune considerazioni su quanto apparso sugli organi di stampa – Edoardo Galatola, Responsabile Sicurezza FIAB (348.2269002)

Reblog this post [with Zemanta]

Trionfo dell’auto ibrida


PASADENA, CA - MARCH 30:  A salesman at Honda ...

Per la prima volta un’auto ibrida è la prima assoluta nella classifica dei modelli più venduti in Giappone.

La Insight della Honda ha conquistato questo primato superando tutte le auto “normali” a benzina e diesel.

Da Estremo occidente la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Strada nel parco, sindaci in rivolta


A cave between Bareggio and Cusago

Image by _ Night Flier _ via Flickr

Torna in discussione il progetto per la superstrada di collegamento tra Malpensa e Tangenziale Ovest. Il fronte del no conquista anche i sindaci che erano favorevoli al progetto

L’unico che non ha mai fatto passi indietro è il Comune di Cassinetta di Lugagnano, ma perché è sempre stato contrario a quella trentina di chilometri di superstrada che per collegare Malpensa con la Tangenziale Ovest taglierà in due Parco del Ticino e Parco Sud, compresa la riserva Mab (Man and biosphere) che l’Unesco attribuisce solo a sei zone, in Italia, di grande pregio ambientale.

Oggi, però, Cassinetta non è più solo. Oltre ad Albairate e Cisliano, che i dubbi li hanno messi per iscritto in una serie di ricorsi al Tar, anche gli altri comuni del sud-ovest milanese interessati, se prima favorevoli, hanno cambiato idea. Il fronte del no alla superstrada del Ticino, voluta da Anas e Regione — tanto che ieri l’assessore ai Trasporti Raffaele Cattaneo ha fatto un sopralluogo nei comuni per sondare gli umori — si rinforza: anche Cusago, Robecco e Ozzero si uniscono al coro di dissenso con una delibera che dice no all’opera.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano: Umanitaria “Premi volumetrici a chi risparmia energia”


Navigli - 2003 # case di ringhiera

L’assessore Masseroli è intervenuto a un convegno sul risparmo energetico organizzato dall’Istituto “Uomo e Ambiente”

Milano, 6 maggio 2009 – “Chi investe per adeguare la propria abitazione ai nuovi criteri del risparmio energetico potrebbe avere in cambio un premio volumetrico. Non un piano in più, o un vano da aggiungere alla propria casa, ma una sorta di credito in volume da spendere in un mercato delle volumetrie che Milano genererà a breve”.

Lo ha annunciato l’assessore allo Sviluppo del territorio Carlo Masseroli nel corso di convegno sul risparmio energetico organizzato all’Umanitaria dall’Istituto “Uomo e Ambiente”. In questo momento di crisi economica la necessità di risparmiare energia diventa una priorità globale, tenuto conto che l’edilizia abitativa consuma in Italia circa il 40% dell’energia disponibile a livello nazionale.

“La sfida per Milano – ha detto Masseroli – è quella di convertire al risparmio energetico il patrimonio abitativo esistente. Mentre per gli edifici che sorgeranno stiamo valutando se esistono le condizioni economiche per costruirli in classe A, ovvero con i più moderni criteri di risparmio energetico”.

Da Comue di Milano la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Lombardia – IN PRIMO PIANO: CON L’EXPO AVREMO STRADE E FERROVIE


* Beschreibung: Luftbild vom Flughafen Mailand...

Image via Wikipedia

Se tra qualche anno in Lombardia ci si potrà muovere in auto o in treno con minori problemi, un grazie di cuore bisognerà dirlo anche all’Expo 2015.

Sì, perchè uno dei principali problemi della Lombardia è la carenza di infrastrutture, strade, ferrovie e metropolitane; e forse l’Expo 2015 ci permetterà di risolvere almeno i più gravi. Per quella data, infatti, dovrebbero essere realizzate opere che attendono da anni di vedere la luce, dalla Pedemontana alla Brebemi, dal collegamento ferroviario tra la Stazione Centrale di Milano e Malpensa fino alle nuove linee della metropolitana milanese.

[…] Dal 2011, i tagli dei nastri non mancheranno. Se tutto andrà come calendarizzato – e così ha garantito il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni,  lo scorso 24 aprile dopo un incontro con il Bie a Parigi – quell’anno si inaugurerà la Cremona-Mantova, la Monza-Cinisello Balsamo e si concluderà il potenziamento della A9. L’anno successivo toccherà alla Brebemi, la direttissima Brescia-Bergamo-Milano (che parte il prossimo fine luglio), al potenziamento della Paullese e a quello dell’A4 tra Milano e Torino. Nel 2013 vedrà la luce la Tibre (Tirreno-Brennero) e sarà portata a compimento la variante alla SS 341 per migliorare l’accessibilità a Malpensa, consentendo lo smistamento del traffico proveniente da Milano, Varese e dalla Svizzera verso l’aeroporto. Nel 2014 si concluderà la Broni-Mortara, la Tangenziale Est Esterna di Milano e la prosecuzione della Boffalora-Malpensa sino alla Tangenziale Ovest. Finalmente, alla vigilia dell’Expo, ci sarà l’inaugurazione del Sistema viabilistico pedemontano.

Il sistema ferroviario

Anche il sistema ferroviario subirà una vera e propria rivoluzione. Quest’anno è prevista la fine dei lavori per la nuova fermata Milano-Forlanini sul Passante ferroviario, per la nuova stazione di Milano Affori sulla Milano-Seveso e, soprattutto, il raddoppio e l’interramento di Castellanza. Nel 2010 vedranno la luce due opere fondamentali: il collegamento tra Milano Centrale e Malpensa e la riqualificazione della tratta Saronno-Seregno. Prima del 2015 si prevede, inoltre, la conclusione dei lavori della riqualificazione della Monza-Molteno-Oggiono nella tratta tra Monza e Besana Brianza (2012), della tratta Arcisate-Stabio (2013), dell’Alta velocità Milano-Brescia e del quadruplicamento della Tortona-Voghera, entrambi entro la fine del 2014.

Le metropolitane

Questo il cronoprogramma che porterà praticamente al raddoppio delle tratte. Il prolungamento della linea 2 fino ad Assago dovrebbe essere pronto entro fine 2009, quello della linea 3 a Comasina l’anno successivo. Nel 2011 verrà pronta la tratta Zara-Bignami della linea 5 e l’anno dopo sarà inaugurata la variante Garibaldi della stessa linea. Sempre nel 2012 si concluderà la metropolitana leggera di Brescia. L’anno dopo, taglio del nastro per la riqualificazione della metrotranvia Milano-Seregno e del prolungamento della linea 1 fino a Monza Bettola. Nel 2014 completamento della linea 4 fino a Linate e della linea 5 da Garibaldi a San Siro, mentre alla vigilia dell’Expo sarà possibile arrivare a Milano anche da Vimercate (prolungamento linea 2) e da Paullo (prolungamento linea 3).

Da Europa-in.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Specializzazione in fonti rinnovabili


U di Roma Tor Vergata

Un master universitario dedicato alle energie rinnovabili può servire agli ingegneri, che hanno già delle conoscenze tecniche, ad acquisire anche quelle giuridiche ed economiche, utili per ricoprire i profili gestionali e commerciali richiesti oggi dal mercato.

Oppure, il corso può servire a laureati di altre discipline – come economia, giurisprudenza, architettura, fisica, chimica – per acquisire conoscenze specifiche sulle tecnologie del fotovoltaico.

L’unico master universitario dedicato esclusivamente al settore è quello di «Ingegneria del Fotovoltaico » dell’università di Roma Tor Vergata, in convenzione con Enea, di cui a febbraio 2010 partirà la terza edizione (bando a fine ottobre), rivolto a laureati di tutte le facoltà scientifiche. Ma l’offerta universitaria è ampia, con numerosi corsi per la preparazione più genericamente di esperti nelle rinnovabili sotto diversi punti di vista.

Da ilSole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Il mezzo più pericoloso? La bicicletta. Sulle strade un morto al giorno


90° Giro d'Italia 4 tappa,Salerno- Montevergine

Image by Chiara Marra via Flickr

La bicicletta è il più mite dei mezzi di locomozione. Non fa rumore, non inquina, può tenere una velocità adeguata, superiore alla velocità media dei mezzi pubblici nell’area urbana (da 12 a 15 km/h). Insomma, è il mezzo più salubre che esista. Inoltre per ogni ciclista in più normalmente circola una macchina in meno.

Ottime le due ruote a pedali, si sa. Soprattutto in città. A tesserne le (giuste) lodi è Il Centauro di maggio, organo ufficiale dell’Asaps, l’associazione amici sostenitori della Polizia Stradale. Ma dalla stessa inchiesta risulta che siano molto pericolose.

Molto più che le auto o le moto. Ogni giorno infatti sulle strade italiane perde la vita un ciclista, 40 finiscono al pronto soccorso, molti vengono ospedalizzati. È come se ogni anno sparissero due gruppi del Giro d’Italia a causa degli incidenti stradali.

Da Panorama.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Alitalia fa rotta solo su Linate “Malpensa non sarà mai un hub”


Alitalia Airbus A319-118 I-BIMJ

Roberto Colaninno non è pentito dell’avventura alla cloche della ex-compagnia di bandiera (“È successo tutto all’improvviso l’estate scorsa – confessa – ma rifarei ogni cosa”). E assieme all’amministratore delegato Rocco Sabelli fa il punto in un incontro con Repubblica sullo stato di salute della società

[…] Milano o Roma? La questione dell’hub, dopo lo strumentale uso elettorale, sembra essere sparita dall’agenda. E Alitalia è saldamente posizionata a Fiumicino. È una scelta definitiva?

COLANINNO: In Italia non esiste nessun aeroporto con la “densità” di passeggeri necessaria per essere un vero hub. Si volerà sempre più punto a punto e noi dovremo essere capaci di vendere bene all’estero i tesori del nostro paese, come Venezia e le città d’arte. Malpensa poi non potrà mai essere ciò per cui è stata disegnata, un hub. È mal collegata con il resto del nord. Ormai è uno scalo che per salvarsi punta sulle low-cost. A Milano sperano, o fan finta di sperare, in Lufthansa. Ma i tedeschi per ora hanno messo solo rotte a breve raggio. Noi abbiamo deciso di riposizionarci su Linate, tanto i milanesi non rinunceranno mai al loro city airport.

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Filtri antiparticolato TRONCHETTI CONTRO I “FURBETTI”


cambio de filtro

Il sistema degli incentivi statali per ridurre l’emissione di Pm10 con l’installazione agevolata di filtri antiparticolato rischia di trasformarsi in una farsa all’italiana.

La denuncia arriva da Bruno Tronchetti Provera, presidente di Pirelli Eco Technology, il quale nell’ambito del convegno organizzato da Legambiente su “Inquinamento e traffico commerciale a Milano” ha rivelato come tra i proprietari di veicoli commerciali si stia consolidando sempre più un irritante malcostume: “La prassi furbesca è quella di prenotare presso l’Aci il sussidio governativo e, una volta ottenuta la relativa ricevuta, non procedere più all’installazione del filtro, fiduciosi del fatto che, in caso di controlli, sarà sufficiente esibire la prenotazione per sfuggire alla multa”.

Tronchetti Provera ha anche reso noto che dei 10 milioni di euro messi a disposizione dal Governo, soltanto un terzo è stato fatto oggetto di richiesta da parte dei proprietari dei mezzi a diesel, e che tra i beneficiari dell’incentivo solo uno su due procede realmente a installare un dispositivo filtrante:Tutti gli altri, contributo alla mano, rimandano continuamente l’intervento, convinti della tolleranza dei controllori”. La soluzione? “Basta non rinnovare più la prenotazione: scaduta la sua validità, che è di tre mesi, o si è montato il filtro oppure addio incentivo”.

Da Quattroruote la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Economia – Consiglio Ue dice sì ai fondi strutturali per l’efficienza energetica


La delegación de CHA, en el Parlamento Europeo

5 maggio 2009 – Sulla scorta di Strasburgo, il Consiglio europeo ha adottato oggi un regolamento che estende la possibilità di utilizzo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per miglioramenti nell’efficienza energetica e utilizzo delle energie rinnovabili negli edifici a tutti gli Stati membri.

Il nuovo regolamento, che fa parte dello Piano di rilancio lanciato dopo la crisi economica, fornisce anche un accesso più facile alle sovvenzioni cofinanziate dal Fesr. Il nuovo regolamento prevede che la spesa per interventi a favore dell’efficienza energetica e dell’uso di fonti rinnovabili di energia nelle abitazioni è ammissibile fino al 4 per cento della dotazione totale del Fesr (cioè fino a 8,0 miliardi di euro).

Fino a oggi era possibile cofinanziare interventi per l’efficienza energetica nel settore edilizio attraverso il Fesr solo in dodici Stati membri, fino a un livello del 2 per cento del totale della dotazione e per situazioni di disagio sociale. Le nuove norme in materia di facilitazione all’accesso alle sovvenzioni cofinanziate dal Fesr si applicheranno retroattivamente dall’1 agosto 2006 per i miglioramenti di efficienza energetica e gli investimenti in energie rinnovabili a partire dal ventesimo giorno successivo a quello della loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Documenti/riferimenti: Il comunicato del Consiglio europeo

Da Zeroemission.tv la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Milano – Scooter ecologici a rischio flop già finiti i soldi per gli incentivi


Motorino

La Regione Lombardia, che per prima in Italia ha introdotto incentivi per le due ruote, ragiona ora su come rifinanziare il fondo

Gli incentivi per l’acquisto di moto ecologiche sono già finiti. Il fondo regionale per aiutare chi acquista mezzi Euro 3 fino a 400 di cilindrata è stato bruciato in quattro mesi. Era stato introdotto a novembre, ma già a metà aprile non c’era più un euro dei 3,5 milioni stanziati. Una cifra sufficiente a rivitalizzare un mercato delle due ruote in piena crisi. Ora al Pirellone si cercano i soldi per riproporre l’iniziativa prima che se ne vada la primavera, periodo d’oro per l’acquisto delle moto.

La riuscita del contributo è tutta nei numeri: nei primi quattro mesi dell’anno la vendita di moto nuove in Lombardia è complessivamente calata del 9,6 per cento rispetto allo stesso periodo del 2008. Ma per i mezzi sotto i 200 centimetri cubici, una bella fetta di quelli per cui valeva il contributo, c’è stato invece un balzo in avanti del 29,5. La Regione, che per prima in Italia ha introdotto incentivi per le due ruote, ragiona ora su come rifinanziare il fondo. «La volontà c’è, si tratta di trovare i soldi», dice Massimo Buscemi, assessore alle Pubbliche utilità, che ha chiesto al presidente della Regione, Roberto Formigoni, di riempire di nuovo la cassaforte.

L’idea è di riattivare il finanziamento entro fine maggio

Da Repubblica.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

FIAB Notizie 2009 – Incentivi ministeriali per l’acquisto di biciclette


partenza

Image by palermociclabile via Flickr

Pubblichiamo il comunicato stampa FIAB relativo agli incentivi statali recentemente avviati con intesa tra ANCMA e Ministero dell’Ambiente.

Fiab CICLOBBYINCENTIVI STATALI ORA ANCHE PER LE BICI E’ LA PRIMA VOLTA DOPO ANNI DI RICHIESTE PLAUSO DELLA FIAB AL MINISTERO AMBIENTE E ALL’ANCMA
30% di sconto fino ad un massimo di 700 euro è l’incentivo concesso dal Ministero dell’Ambiente a chi acquisterà una bicicletta nel corso dell’anno. La misura, compresa nel pacchetto di interventi statali a sostegno del mercato delle due ruote, prevede un fondo di 8.750.000 euro da erogare nel corso del 2009. Per la prima volta, oltre alle bici a pedalata assistita, nell’elenco dei mezzi a due ruote beneficiari degli eco-incentivi statali, anche le biciclette a propulsione muscolare. L’acquisto sarà possibile senza obbligo di rottamazione.

Sul sito del Ministero Ambiente (http://www.minambiente.it/ cliccare su “Incentivi alla diffusione di veicoli a basso impatto ambientale” tra le news), il listino dei mezzi beneficiari degli aiuti statali. Poiché il sito del Ministero risulta spesso rallentato, l’elenco (riferito alle sole bici) è stato pubblicato anche su www.fiab.info/download/ancma_listini_solobici_16_04_2009.xls

Il Presidente della FIAB, Antonio Dalla Venezia, dichiara: “Rivolgiamo pubblicamente un plauso al Ministero dell’Ambiente e al Presidente dell’ANCMA perché, a partire dal 22 aprile scorso, sono stati attivati i finanziamenti previsti dall’accordo sottoscritto a dicembre 2008 per la diffusione dei mezzi a due ruote

Da Fiab Ciclobby Onlus la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Leggete Nikola Tesla


The photograph image of :en:Nikola Tesla (1856...

Image via Wikipedia

Continueranno ad ingannarci e nasconderci la verità, celare le più importanti scoperte scientifiche, scrivere i programmi scolastici affinché il popolo non capisca niente e che la maggioranza sia programmata per non comprendere le nostre capacità reali.

La scuola, l’università, le religioni, i partiti, i media sono mezzi di programmazione mentale con lo scopo di portare acqua al proprio mulino ed opprimere i popoli. Non importa che ci sia una minoranza consapevole, al potere invisibile, cioè le banche importa il controllo della maggioranza attraverso l’illusione virtuale realizzata per mezzo della moneta debito.

Ha grande efficacia la programmazione mentale in quanto la formazione culturale del Paese è sotto controllo. Nei programmi scolastici si cela magistralmente l’opera e la vita Nikola Tesla, il più grande genio che il ‘900 abbia mai conosciuto.

Tutte le moderne tecnologie sono ascrivibili a lui, comprese radio, televisione ed internet. Tesla è lo scopritore della corrente alternata e di innumerevoli sistemi di comunicazione via etere, di controllo e manipolazione del clima, di armi avanzatissime che tutt’oggi vengono tenute celate dai Governi USA, Russia, e Cina.

L’uomo, grazie a Tesla, conosce la tecnologia per prendere l’energia esistente e distribuirla gratuitamente a tutto il mondo.

Da Sostenibilità Decrescita e democrazia la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]