Clima: dal Parlamento europeo un documento per “new deal verde”


It's the economy, stupid!

Image by net_efekt via Flickr

Ridurre le emissioni di gas serra per limitare l’aumento della temperatura media entro i 2 gradi attraverso un ricco programma di interventi per il periodo 2009-2014.

Con 570 voti favorevoli, 78 contrari e 24 astensioni, il Parlamento europeo ha approvato la relazione di Karl-Heinz Florenz (Ppe/De) sulla futura politica integrata dell’Ue sul cambiamento climatico. La relazione, molto corposa (un’ottantina di pagine), completata dopo 21 mesi i lavori dalla commissione temporanea sul clima presieduta dall’italiano Guido Sacconi (Pse).

Con questo rapporto l’Europarlamento sollecita la Commissione e gli Stati membri a sostenere l’invito dell’Onu per realizzare un “new deal verde“, e a orientare gli investimenti che verranno fatti per uscire dalla crisi finanziaria ed economica in modo da sostenere la crescita sostenibile, in particolare, promuovendo le tecnologie verdi. Largo soprattutto a una serie di obiettivi a medio termine [continua…]

Da Panorama.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]
Annunci

Bonus auto a 1.500 euro: il Cdm approva il decreto legge


A Vespa with the engine mounted on the right side

Image via Wikipedia

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto con gli incentivi alla rottamazione. Si tratta di un pacchetto di bonus per auto, moto, arredamento ed elettrodomestici “bianchi”, con misure per circa 1,8 miliardi di euro.

Un decreto ritoccato fino alle ultime ore prima della riunione di Palazzo Chigi per mettere a punto soprattutto il capitolo delle coperture. Il provevdimento probabilmete confluirà come emendamento nel Milleproroghe. Il bonus rottamazione varrà fino al 31 dicembre 2009. Ecco le prime indiscrezioni, prima dell’inizio della conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Rottamazione auto. Si prevede un bonus di 1.500 euro, ma non è prevista alcuna esenzione dal pagamento del bollo (in precedenza si era parlato di mille euro di incentivo con 3 annualità di esenzione dal bollo) . Il beneficio spetta a chi rottama auto Euro 0, Euro 1 o Euro 2 immatricolate fino al 31 dicembre 1999 e acquista una vettura Euro 4 o Euro 5. Bonus di 1.500 euro per salire su auto super ecologiche, a metano, Gpl, elettriche o a idrogeno. Incentivo di 2.500 euro per l’acquisto di veicoli commerciali leggeri in cambio della rottamazione di veicoli Euro 0, 1 e 2 immatricolati entro il 1999.

Incentivi per le due ruote. Si ipotizza un incentivo di 500 euro per la rottamazione di scooter Euro 0 o Euro 1 per acquistarne uno Euro 3, fino a 400 di cilindrata.

Bonus fiscale “bianco”. Incentivo fiscale “bianco” per l’acquisto di frigoriferi, lavatrici, e così via e arredamento legato a interventi di ristrutturazione edilizia. Prevista la detrazione Irpef del 20% in 5 anni. Il tetto sui mobili sarebbe fissato a 10mila euro per acquisti da sostenere entro il 30 settembre 2009. [continua…]

Da ilSole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]

Fotovoltaico: Italia in prima fila per la competitività


The "solar tree", a symbol of Gleisdorf

Image via Wikipedia

Ha fatto scalpore, tra gli addetti ai lavori, uno studio della McKinsey che indicava due Paesi al mondo come i più vicini, oggi, alla “grid parity” fotovoltaica.

Ovvero a quel punto di pareggio in cui una cella solare, sotto un cospicuo irraggiamento, riesce a produrre elettricità a costi uguali, o persino inferiori a quelli prevalenti di mercato. E l’Italia, caratterizzata dalle sue tariffe elettriche più care del 30% rispetto alla media europea e, insieme, da un robusto irraggiamento naturale, è stata valutata dagli analisti della McKinsey global Foundation come il secondo candidato mondiale alla rottura del filo di lana fotovoltaico: elettricità realmente competitiva con le fonti fossili.

Ma le cose stanno davvero così? Heinz Ossembrink, responsabile dell’unità per le energie rinnovabili del centro di ricerca comunitario di Ispra, da oltre vent’anni, con il suo gruppo, misura il fotovoltaico europeo e internazionale. «La “grid parity” stabile, con il progresso delle tecnologie e la riduzione nei costi arriverà all’incirca, nelle previsioni condivise, al 2012 [continua…]

Da ilSole24ore.it la notizia qui…

Reblog this post [with Zemanta]