La speranza della green economy per il 2009


ls003306Nel deserto del New Mexico, non lontano dal pueblo indiano di Taos, c’è una specie di città nascosta. La chiamano Earthship, «navicella Terra»: un centinaio di case che punteggiano a perdita d’occhio una distesa di arbusti, completamente scollegate dai servizi pubblici eppure energeticamente indipendenti.

«Ognuna si produce l’elettricità, raccoglie l’acqua, regola la temperatura e gestisce gli scarichi da sola», racconta fiero Michael Reynolds, l’architetto ambientalista che, da fine anni 70, ha fatto crescere pian piano Earthship nel bel mezzo del nulla. Una sorta di utopico paradigma della sostenibilità, spuntato nel ventre del Paese più energivoro al mondo. Eppure, nel 2009 che va a incominciare, l’America – mille miglia lontana da quel modello – volgerà idealmente lo sguardo verso Earthship [continua…]

Dal Sole24ore.it la notizia qui…

Annunci

Una Risposta

  1. Il problema è che nella società in cui viviamo tira sempre di + il denaro… e purtroppo al momento l’inquinamento rende + dell’ecologia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: